NBA News Inside: ritorno di fiamma per Millsap a Utah?

NBA News Inside: ritorno di fiamma per Millsap a Utah?

Commenta per primo!

Torna la rubrica NBA News Inside per essere sempre aggiornati su tutte le voci e le notizie provenienti dal panorama cestistico statunitense.

Di seguito le notizie principali:

-Paul Millsap, dati i suoi ottimi rapporti con Quin Snyder (adesso Head Coach dei Jazz, ma nella stagione 2013-2014 era vice allenatore di Mike Budenholzer agli Atlanta Hawks) in questa free agency potrebbe fare un clamoroso “coming home” a Utah, franchigia che lo aveva scelto con la 47° chiamata al draft del 2006 e che Millsap aveva lasciato nella free agency del 2013 per firmare con gli Hawks.

-Sempre più europei vogliono andare oltreoceano: oltre a Nemanja Bjelica e Dario Saric (sull’NBA News Inside di ieri) si segnalano il playmaker ex Olimpia Milano Daniel Hackett (che farà un provino con i New York Knicks e un mini camp dei Dallas Mavericks), “El Chacho” Sergio Rodriguez (che interessa a molti General Manager come playmaker di riserva e ha un buyout sul suo contratto al termine di questa stagione) e Bogdan Bogdanovic (che è stato visto con il coach dei Phoenix Suns Jeff Hornacek, i quali lo hanno scelto con la 27° chiamata al draft dello scorso anno, ad assistere ad una partita di MLB). I Suns vorrebbero portarlo subito negli U.S.A. ma la mancanza di un buyout al termine di questa stagione e la difficoltà del Fenerbahce a tenere i propri giocatori (Goudelock, Savas e Bjelica hanno le valigie in mano) fanno presagire che lo sbarco del serbo sia rimandato al 2016, dove avrà sul contratto un buyout di 1,2 milioni di euro.

-I Los Angeles Lakers hanno la 2° chiamata al draft (con la quale con ogni probabilità sceglieranno un lungo) e inoltre Ryan Kelly, Julius Randle e Robert Sacre sotto contratto per la prossima stagione. La dirigenza sembrano incline a rinunciare a Jordan Hill non esercitando la team option dal valore di 9 milioni di dollari, in modo da aumentare anche lo spazio salariale per puntare i free agent di spicco questa estate.

Aaron Gray ha comunicato la sua volontà di lasciare il basket giocato: l’anno scorso aveva firmato un pluriennale con i Detroit Pistons ma a Novembre era stato tagliato (al posto di Gigi Datome) per problemi cardiaci che erano iniziati con un malore sofferto in un workout di Agosto. Dagli ultimi rumors sembra che il lungo ex Kings si unirà allo staff di Stan Van Gundy.

-Dopo la delusione con i Dallas Mavericks (eliminati con un perentorio 4-1 al primo turno dei playoff dai rivali texani Houston Rockets) Amar’e Stoudemire non ha assolutamente l’intenzione di ritirarsi dal basket giocato. Il nativo di Lake Wales molto probabilmete non lascerà la franchigia di Mark Cuban, ma ci anche sono possibilità che firmi con un’altra franchigia. Su di lui i Phoenix Suns (dove aveva giocato 8 stagioni senza mai riuscire a vincere un titolo) e i New York Knicks Knicks (dove aveva giocato 4 stagioni e mezzo prima di essere tagliato).

Steve Blake ha esercitato la player option da 2,1 milioni di dollari che era presente sul suo contratto e quindi rimarrà anche la prossima stagione nei Portland Trail Blazers dove fa la riserva di Damian Lillard. La scorsa stagione Blake ha giocato 81 partite mettendo a referto 4,3 punti e 3,6 assist ad allacciata di scarpe.

-Dopo il pensiero dei New Orleans Pelicans, anche i Dallas Mavericks sono interessati ad aggiungere Melvin Hunt ed Eduardo Najera allo staff del proprio Head Coach (nel caso dei Mavs Rick Carlisle). Hunt la scorsa stagione ha traghettato i Denver Nuggets fino al termine della stagione dopo che la franchigia del Colorado aveva comunicato di aver esonerato Brian Shaw a Marzo. Hunt dovrebbe sostituire Monte Mathis, che dovrebbe andare ad allenare la franchigia di D-League di Dallas (i Texas Legends) dove prima allenava Najera.

-Dopo la decisione di Steve Blake, i Portland Trail Blazers aspettano di conoscere le intenzioni di Arron Afflalo, che ha una player option da poco più di 7 milioni di dollari per la prossima stagione. Dopodiché i Blazers si occuperanno del caso di Chris Kaman e successivamente si passerà ai “big” in scadenza di contratto (Wesley Matthews, Robin Lopez e soprattutto LaMarcus Aldridge).

-Gli stessi Portland Trail Blazers non estenderanno la qualifying offer al lungo Joel Freeland. Lo scozzese sembra ormai deciso a tornare nel vecchio continente.

Mike D’Antoni è in bilico tra il ritorno all’Olimpia Milano e la panchina dei Golden State Warriors come vice allenatore. Fra pochissimo renderà noto le proprie intenzioni, anche se la bilancia pende dalla parte NBA.

Ed Davis proverà ad ottenere in free agency un contratto da 2-3 anni a 8-9 milioni di dollari l’anno o un contratto annuale da 9-10 milioni. Da vedere se con i Los Angeles Lakers o con un’altra franchigia.

Khris Middleton non ha intenzione di restare free agent a lungo e sembra in procinto di firmare a breve un sostanzioso rinnovo con i Milwaukee Bucks.

Roy Hibbert ha una player option da 15,5 milioni di dollari che sembra difficile da lasciare sul tavolo. Tuttavia il lungo degli Indiana Pacers renderà noto solo dopo il draft le sue intenzioni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy