NBA Recap Inside: Warriors ad un passo dal record, sconfitte per OKC e Cavs

NBA Recap Inside: Warriors ad un passo dal record, sconfitte per OKC e Cavs

I Warriors vincono per un soffio contro i Grizzlies e sono ad un un passo dal fare la storia. Cavs sconfitti dai Bulls, che tengono così in vita le loro ultime speranze per un posto nei play-off. Vince Sacramento contro OKC, mentre il canestro allo scadere di Towns fa vincere i T’wolves contro Portland.

Commenta per primo!
images.worldnow.com

Golden State Warriors @ Memphis Grizzlies 100-99 (31-28; 53-50; 47-49)

I Warriors di Curry alla ricerca del record storico di vittorie stagionali incontrano i Grizzlies che vengono da 8 sconfitte nelle ultime 9 partite. Primo tempo molto equilibrato: la partita inizia con una pioggia di triple da ambo le parti, con Green, H.Barnes e Thompson da una parte e Barnes (Matt) e Stephenson dall’altra. Curry al contrario grande assente della prima metà di gioco, con 0-5 da tre e appena 6 punti fatti. Nel terzo quarto gran parziale dei Grizzlies, guidati da un Matt Barnes in grande spolvero, assieme a Lance “Born Ready” e al rookie Xavier Munford, apprezzabile anche in difesa con un paio di belle giocate vs Steph. Il quarto quarto pare andare nella stessa direzione, tanto che un difficile layup di Matt Barnes a 6:20 dalla fine pone gli Orsi in vantaggio di ben 10 punti, ma la risposta dei campioni in carica non si fa attendere, ad opera di Curry, Green e Barnes. Nell’altra metà campo arriva finalmente la reazione di Zach Randolph, che segna due canestri di fila in una giornata non di certo felice. A un minuto dalla fine, sul 98-99, c’è il sorpasso Warriors, firmato Green, che con un tap in (chiamato per interferenza ma poi correttamente dato valido) mette dentro un lay-up di Curry. Due occasioni per il contro sorpasso, a pochi secondi dalla sirena, entrambe per Lance Stephenson, che non riesce a concludere, probabilmente subendo fallo, ma alla fine i Warriors conquistano la loro 71esima vittoria.

Warriors (71-9): Curry 17, Thompson 20, H.Barnes 14, Green 23 (11 rimbalzi), Ezeli 9; Livingston 6, Speights 6, Iguodala 5

Grizzlies (42-38): Farmar 3, Carter 15, Stephenson 13, M.Barnes 24 (15 rimbalzi), Randolph 12; Munford 8, Hairston 7, Green 7, Andersen 6, Martin 4

Key Stat: Appena 38% al tiro per i Grizzlies, che comunque costringono gli avversari ad appena il 27% da tre: insomma, due grandissime difese.

MVP Draymond Green: Prestazione ottima da ambo i lati del campo, tanta qualità e sostanza, come per tutta la stagione.

images.worldnow.com
Chicago Bulls @ Cleveland Cavaliers 105-102 (27-31, 52-53, 79-81)
I Cleveland Cavaliers, primissimi ad Est, perdono sul campo dei Chicago Bulls, nonostante la grande prestazione da 33 punti di LeBron James. Sembrava una gara a senso unico quella di stanotte allo United Center di Chicago, dove i Cavaliers di coach Lue hanno mantenuto il vantaggio per tutto il match, ma che poi hanno ceduto solo agli sgoccioli, perdendo di soli tre punti. Da sottolineare sempre di più l’impegno e la leadership di Jimmy Butler, migliore dei Bulls, con 21 punti, tirando col 50% dall’arco e col 100% ai liberi. Chicago, con questa vittoria, raggiunge quota 40 vittorie in questa season, ma 40 sono anche le sconfitte che la bloccano alla nona posizione nella Eastern Conference.
Bulls (40-40): Butler 21, Felicio 16, Mirotic 13, Gasol 11 (12 rimbalzi), Rose 10, Brooks 9, Holiday 7, Portis 6, McDermott 6, Dunleavy 6
Cavaliers (56-24): James 33, Smith 24, Love 20 (10 rimbalzi), Irving 11, Frye 6, Thompson 3, Dellavedova 3, Mozgov 2, Jefferson
Key Stat: Chicago supera di gran lunga le percentuali di Cleveland, tirando col 45% e con l’81% ai liberi. I Cavs possono vantare solo di 24 assist contro i 19 dei Bulls, ma per la squadra di Tyronn Lue le palle perse sono troppe in questo match: 16 totali.
MVP: Jimmy Bulter. Ormai leader indiscusso dei suoi Bulls, trascina la squadra alla vittoria contro la prima in classifica nella Eastern Conference.
Sacramento Kings @ Oklahoma City Thunder 114-112 (22-30, 56-52, 83-84)
Ai Thunder non bastano i 31 punti e 8 assist di Kevin Durant per battere i Sacramento Kings alla Sleep Train Arena, dove la squadra di DeMarcus Cousins gioca l’ultima partita in casa davanti ad un calorosissimo tifo. Privi di Rajon Rondo, i Kings dopo il primo quarto sono già sotto di 8 punti, ma grazie alla prestazione di Collison e Rudy Gay, rispettivamente 27 e 24 punti, riescono a sbloccare il risultato e a portarsi in vantaggio nell’ultimo periodo di gioco. Ottima, superba e spettacolare prestazione di Russell Westbrook che chiude un altro match con l’ennesima doppia-doppia in questa stagione: 24 punti e 10 rimbalzi. I Kings vincono di soli due punti, grazie ai liberi finali di Rudy Gay, e lasciano un bel ricordo ai loro tifosi. Il risultato è di 114 a 112.
Kings (32-48): Collison 27, Gay 24, Curry 20, Cousins 15, Koufos 8, Acy 7, Anderson 5, McLemore 4, Cauley-Stein 4
Thunder (54-26): Durant 31, Westbrook 24 (10 assist), Ibaka 14, Kanter 11, Singler 8, Adams 6, Roberson 6, Foye 5, Waiters 4, Morrow 3, Payne
Key Stat: Nonostante la sconfitta, Oklahoma tira col 50 % e col 75 % ai liberi. Entrambe le squadre tirano col 41% dai tre punti. Per OKC troppe palle perse in attacco: 21.

MVP: Darren Collison. Il migliore di Sacramento, sblocca il risultato e porta in vantaggio i suoi a 30 secondi dal termine. 27 punti per lui.

www.csnnw.com
Minnesota Timberwolves @ Portland Trail Blazers 106-105 (21-28, 53-49; 53-56)
I Blazers, da diversi giorni già sicuri del proprio posto nei play-off nonostante un’estate di completo rebuilding, ospitano a casa i giovanissimi T’Wolves. Partita equilibratissima e che va avanti punto su punto con continui sorpassi: pochissimi i parziali realmente determinanti, tanto che bisogna arrivare a 3:50 dalla fine del quarto quarto per vedere finalmente un vantaggio discreto, per gli ospiti, che vanno sul +7 (98-91) grazie a due giocate consecutive firmate Rubio-Towns. I Blazers rispondono subito, con i soliti Lillard e McCollum; il primo riporta i suoi al -2 a un minuto dal termine. Wiggins segna un tiro libero su due dopo aver subito il fallo di Crabbe, ma dopo aver costretto i Blazers alla palla persa per i 5 secondi di rimessa, perde a sua volta palla commettendo fallo offensivo su Lillard, che segna per il 102-101 per gli ospiti. LaVine segna entrambi i tiri liberi ma arriva la magia: Lillard risponde con tripla e fallo per un gioco da 4 punti che porta i Blazers in vantaggio 105-104. Risposta altrettanto eccezionale di Towns che con un canestro in semi-gancio vince la partita.
Timberwolves (28-52): Rubio 5 (11 assist), Lavine 10, Wiggins 23, Towns 27, Dieng 7; Muhammad 12, Bjelica 11 (10 rimbalzi), Prince 8, Jones 3
Blazers (43-38): Lillard 31, C.J. McCollum 21, Harkless 5, Aminu 10, Plumlee 15 (15 rimbalzi); Crabbe 9, Davis 6, Henderson 6, Vonleh 2
MVP: Karl Anthony Towns, che con 27 punti, 9 rimbalzi e il canestro della vittoria dimostra ancora una volta la sua incisività.
Le altre partite della notte:
Atlanta Hawks @ Boston Celtics 118-107 (34-32, 67-71, 93-91)
Hawks (48-32): Millsap 31 (16 rimbalzi), Teague 24, Bazemore 21, Schroder 15, Horford 12, Korver 5, Humphries 3, Scott 3, Hardaway 3, Sefolosha 1, Muscala.
Celtics (47-33): Smart 19, Thomas 16, Crowder 16, Bradley 15, Johnson 14, Turner 11, Olynyk 6, Sullinger 4, Hunter 3, Zeller 3, Rozier, Young, Jerebko.

Phoenix Suns @ New Orleans Pelicans 121-100 (32-22; 55-47; 66-53)

Suns (22-58): Price 3, Booker 16, P.J. Tucker 7, Len 10 (11 rimbalzi), Chandler 13; Teletovic 22, Goodwin 24, Leuer 8, Budinger 8, Jenkins 7, Williams 3

Pelicans (30-50): Douglas 23, Ennis 18, Cunningham 13, Ajinca 4, Asik 0; Babbitt 17, Hamilton 13, Frazier 11, Perkins 1

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy