NBA Rising stars: Febbraio

NBA Rising stars: Febbraio

Ritorna la rubrica che segue le prestazioni dei nuovi arrivati, nel mese che ha visto in scena l’All Star Weekend.

di Raffaele Guerini

3° posto

josh

Josh Jackson (Phoenix Suns)

Statistiche di febbraio: 17.7 punti, 6.5 rimbalzi, 1.7 assist, 0.8 palle rubate, 1.1 stoppate a partita

Wow. Alzi la mano chi, un mese e mezzo fa, avrebbe pensato di vedere Josh Jackson non solo in questa particolare classifica, ma con queste medie. Parliamo di un giocatore che, nei primi mesi da debuttante, aveva ampiamente deluso le aspettative: da una quarta scelta assoluta era ragionevole aspettarsi di più, e i Suns avevano decisamente bisogno di almeno un segnale positivo in questa stagione da dimenticare il più in fretta possibile. La svolta? Molti la vedono nel 12 gennaio, gara casalinga contro i Rockets: i minuti giocati da Jackson sono 0. Fino ad allora, le percentuali al tiro non brillanti avevano fatto storcere più di un naso, e Jay Triano voleva dare al suo rookie una scossa: missione compiuta. Le prestazioni, seppur inizialmente incostanti, si sono alzate mediamente di livello fino alla definita esplosione. Dal 29 gennaio in poi, è stato uno dei giocatori di spicco per Phoenix, che però ha continuato a perdere. Questo era ampiamente prevedibile, ma i segnali positivi lanciati da Jackson fanno ben sperare i tifosi più tristi d’America (titolo di cui non c’è da andare fieri, assolutamente). In difesa ha già mostrato ottime cose, aggiungendo la fase offensiva chissà cosa potrebbe uscirne: aspettiamo tutti il Draft 2018, per capire cosa aspettarci dai Suns 2018-2019.

Month-high:

Punti: 29 (29 febbraio, vs. Memphis)

Rimbalzi: 12 (26 febbraio, vs. New Orleans)

Assist: 5 (10 febbraio, vs Denver)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy