Le sei possibili trade che tengono viva l’estate NBA

Le sei possibili trade che tengono viva l’estate NBA

Alcuni giocatori di un certo spessore potrebbero cambiare maglia via trade e fare le fortune di entrambe le franchigie: scopriamo chi sono

Riprendendo un pezzo apparso su 12up.com, vi proponiamo una lista di giocatori che potrebbero cambiare franchigia prima che inizi la Regular Season 2016/2017. Non solo role player, sono molti i nomi importanti che sono in grado di trasformare una buona squadra in una possibile sorpresa per la vittoria finale.

6. Ben McLemore

La guardia dei Sacramento Kings non corrisponde a ciò che la dirigenza ha deciso di adottare per la prossima stagione, ovvero delle shooting guards (da questo punto di vista è stata curiosa la scelta di mandare via Belinelli). McLemore, che basa gran parte del suo gioco sulla fisicità, potrebbe ben presto ritrovarsi altrove: la squadra californiana potrebbe inserirlo in una trade per trovare un giocatore più consono agli schemi di David Joerger.

5. Avery Bradley

bleacherreport.com

Ai Boston Celtics mancherebbe solamente una star per diventare una potenziale contender: il giocatore più appetibile della franchigia resta la giovane guardia che in difesa da il meglio di sé. Il valore di Bradley, che ha migliorato il suo tiro dal perimetro diventando un ottimo 3&D, è molto alto e con qualche scelta di contorno la società può puntare ad una trade per arrivare ad un nome importantissimo (potrebbe essere Love).

4. Nerlens Noel

I Philadelphia 76ers vogliono far partire uno dei centri che hanno in squadra per sostituirlo con un giocatore che rafforzi il backcourt. La dirigenza sembra puntare forte su Embiid e Okafor e sta quindi pensando di lasciar partire l’ex Kentucky Wildcats: tante squadre sono sulle sue tracce, ma ancora non sono giunte offerte accettabili alla franchigia della città dell’amore fraterno.

3. Ricky Rubio

sportingnews.com

I Minnesota Timberwolves sembrano intenzionati a lasciar partire il proprio playmaker titolare e dare spazio a Kris Dunn, scelto quest’anno al draft. La franchigia non è felice che il giocatore non abbia migliorato le sue qualità al tiro e sta cercando un’ala grande per completare un quintetto che sembra decisamente interessante. Ciò nonostante, molti team potrebbero essere interessati alle sue qualità di assist-man.

2. Kevin Love

Il rapporto tra Love e i Cleveland Cavaliers non è mai stato il migliore e, nonostante il titolo vinto, l’ala grande potrebbe ben presto fare le valigie. Sulla power forward c’è il forte interesse dei Celtics, disposti a scambiare anche Bradley pur di arrivare all’ex Timberwolves: la guardia potrebbe sostituire JR Smith che ha chiesto alla dirigenza uno stipendio attualmente insostenibile.

1. Rudy Gay

nba.com

L’ala piccola dei Sacramento Kings ha attirato su di sé l’interesse di molte franchigie NBA: non è un segreto che i californiani vogliano tradarlo per arrivare ad un tipo di giocatore differente. Gli Indiana Pacers sono a caccia di uno scorer importante che possa essere decisivo anche come sesto uomo: l’identikit perfetto di Rudy Gay.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy