Pubblicità sulle maglie NBA, c’è il divieto per alcuni settori

L’NBA sta definendo le modalità dello sbarco della pubblicità sulle maglie per la stagione 2017-18. Ed emerge un dettaglio non banale: niente spazio ad aziende attive nei settori di alcool, tabacco, gioco d’azzardo, politica e media.

Commenta per primo!

L’NBA sta definendo le modalità dello sbarco della pubblicità sulle maglie per la stagione 2017-18. Il mese scorso, è stato approvato il programma pilota per tre anni, ma ora emerge un dettaglio che non è banale, svelato da Darren Rovell di ESPN: l’ NBA ha vietato alle squadre di vendere lo spazio ad aziende attive nei settori di alcool, tabacco, gioco d’azzardo, politica e media. Il divieto inoltre si estenderà ad aziende che competono con Nike, fornitore tecnico ufficiale della Lega a partire dal prossimo anno. I loghi saranno collocabili nella parte sinistra della divisa, le dimenisioni saranno pari 6,3 centimetri per 6,3 centimetri, ma non appriranno sui materiali tecnici NBA venduti al pubblico.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy