Quando Chris Paul avrebbe potuto essere un Trail Blazer

Quando Chris Paul avrebbe potuto essere un Trail Blazer

Molti ricordano la trade del 2011 con i Lakers bloccata dalla NBA, ma in pochi ricordano che stava per approdare alla corte di Brandon Roy l’anno prima.

Commenta per primo!

I Clippers si stanno giocando il primo turno dei Playoffs 2016 contro i Portland Trail Blazers.
Los Angeles si era portata sul 2-0 in casa, ma Portland ha fatto valere la legge del fattore campo, pareggiando la serie sul 2-2.
In tutto questo, la stagione di Chris Paul potrebbe essere finita per un infortunio alla mano destra.
Geoffrey Arnold, collega del The Oregonian, ha riportato alla luce il ricordo di quando Chris Paul sembrava diretto proprio verso Rip City, allora dominata da un certo Brandon Roy insieme ad Aldridge e Oden. Oltre ai Blazers, in prima fila per il talento da Wake Forest c’erano anche Knicks, Mavericks e Magic.
Come contropartite, i Blazers avevano offerto i contratti in via di scadenza come Andre Miller e Przybilla, oltre ai giovani Batum, Bayless, 3 milioni di dollari e la 22esima scelta al draft.
Tuttavia, il proprietario di New Orleans fermò tutto proprio quando ormai CP3 sembrava essere pronto a fare le valigie, poiché non si sentiva pronto a tradare il suo pezzo più pregiato.
Di se e di ma non è fatta la storia, ma chissà come avrebbero potuto essere quei Blazers – capaci già così di vincere 50 gare in una stagione – se fosse arrivato uno dei più forti playmaker al mondo…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy