Sorteggi Draft NBA 2013: a Cleveland la prima scelta, Magic e Wizards sul podio

Sorteggi Draft NBA 2013: a Cleveland la prima scelta, Magic e Wizards sul podio

Commenta per primo!

Si è svolto nella notte il sorteggio per le scelte del draft NBA 2013, che come al solito ha riservato non poche sorprese.
Gli Orlando Magic erano la squadra con più possibilità di ottenere la prima chiamata (25%), poichè arrivati ultimi nella regular season. A seguire la franchigia della Florida c’erano i futuri Pelicans (gli attuali Hornets), i Charlotte Bobcats (19%), e al terzo posto i Cavaliers (15%).
Ebbene, a spuntarla nella lotta per la prima scelta in uno dei draft che comunque non è uno dei più ricchi dal punto di vista del talento degli ultimi anni, è stata proprio la franchigia dell’ Ohio, ovvero i Cleveland Cavaliers. A seguire poi i Magic e i Wizards.

LE POSSIBILI SCELTE

Proviamo a stilare una lista delle possibili scelte della lottery, in un draft in cui regna l’incertezza. Partendo dal presupposto che tutto può accadere, abbiamo provato a ragionare seguendo le mancanze di ciascuna squadra.

1- Cleveland Cavaliers > NERLENS NOEL (Kentucky)

zimbio.com

Alla franchigia dell’ Ohio può assolutamente interessare un lungo come Noel.

Atletismo pauroso, leve infinite e ottimo difensore con buoni tempi. Attualmente infortunato, bisogna vedere se Gilbert ha voglia di rischiare.

In alternativa potrebbe scegliere McLemore per formare un backcourt con Irving, spedendo Waiters in panca.

C’è da considerare anche il fattore Oden. Se i Cavs avanzeranno un’ offerta al centro lungodegente, la cosa potrebbe pesare nella possibile chiamata a Noel, che dunque finirebbe ad Orlando, o al limite a Washington.

2- Orlando Magic > BEN MCLEMORE (Kansas)

In Florida si lavora a lungo termine, e McLemore sembra l’ uomo adatto a Orlando. Una guardia con ottime capacità di correre il campo, andrebbe a far parte di un trio con un futuro pazzesco, con Vucevic e Tobias Harris.

3- Washington Wizards > OTTO PORTER (Georgetown)

Un giocatore miglioratissimo nell’ ultimo anno. Ha migliorato di molto il tiro, difensivamente è una sicurezza con delle braccia paurose, un buon IQ cestistico. 

4- Charlotte Hornets > ANTHONY BENNETT (Louisville)

Un giocatore completo, con tiro e atletismo, e soprattutto, a detta di molti addetti ai lavori, perfetto per Charlotte.

5- Phoenix Suns > ALEX LEN (Maryland)

Ciò che serve a Phoenix è un lungo futuribile come Len. In un roster dove sotto si fa fatica, tolto Gortat (anche se è molto richiesto) e Scola (calante), il 7’1 da Maryland diverrebbe uno dei punti cardini dei Suns per il futuro.

6- New Orleans Pellicans > SHABAZZ MUHAMMAD (UCLA) conferencechalk.com

Sta deludendo molti, in questa combine. Lo danno addirittura fuori dalle prime 15, quando era stato anche alla 1.

Ma forse è la soluzione ideale per i Pellicans. Come PF c’è Aminu ma Muhammad ha molti più punti nelle mani di Al-Farouq e andrebbe a creare una staffetta fantastica con il nigeriano.

Le alternative sono Phoenix e Sacramento, con Oklahoma (a lungo interessata, avendo visto in lui il clone povero di Harden, al quale assomoglia) alla finestra.

Non è da escludere neppure Boston, per il post Pierce, o Milwaukee, nel caso dovesse scendere così tanto, al posto di Caldwell-Pope.

Forse una steal of the draft se va in basso.

7- Sacramento Kings > VICTOR OLADIPO (Indiana)

Atleta spaventoso, migliorato molto nel tiro, buon primo passo e difensivamente un mastino. Uno dei migliori giocatori di questo draft a mani basse.

8- Detroit Pistons > TREY BURKE (Michigan)

Dal Michigan al… Michigan. Burke potrebbe andare ad occupare la cabina di regia lasciando a Stuckey e Knight lo spot di 2. Giocatore da seguire.

9- Minnesota Timberwolves > C.J. MCCOLLUM (Lehigh)

Se andiamo a controllare lo spot di guardia nei TWolves, troviamo solamente Shved. McCollum con il suo tiro aprirebbe la scatola per Pekovic.

10- Portland Trail Blazers > RUDY GOBERT (Francia, INT.)

Il primo europeo sarà quasi sicuramente Gobert. Un lungo dalle caratteristiche complementari a quelle di Aldrige. Sarà staffetta tra lui e Leonard.

11- Philadelphia 76ers > CODY ZELLER (Indiana)

Ha avuto molto appeal al Draft Combine, ha impressionato molti addetti. Lungo con buone capacità offensive e di passaggio, corre bene il campo.

12- Oklahoma City Thunder > GORGUI DIENG (Gonzaga)

Una delle steal of the draft, ad OKC farebbe sicuramente comodo un centro con un buon jumper (che Perkins non ha). Difensore superbo.

13- Dallas Mavericks > DENNIS SCHROEDER (Germania, INT.)

Il secondo internazionale viene dalla Germania. Play rapido con tiro e tanto talento. Nowitzki ci ha visto bene.

14- Utah Jazz > MICHEAL CARTER-WILLIAMS (Syracuse)

Forse l’abbiamo messo un pò troppo in basso (difficile scivoli fino alla 14), ma se non viene scelto è l’opzione ideale per Utah. PG con un’ ottima difesa perimetrale e buon passatore. Può esplodere come può essere un bust.

STEAL OF THE DRAFT – KELLY OLYNYK (Gonzaga)

Olynyk è un giocatore che farebbe comodo a molte squadre, ma forse non molti sarebbero pronti a scommettere su questo sette piedi. Manca di esplosività nonostante sia mobile e versatile, e contro i DeAndre Jordan o i McGee del caso soffrirebbe a palate la mancanza di atletismo. Per questo molte franchigie preferiranno passare oltre. Ma c’è da dire che ha un mid-rage jumper invidiabile e un’ eleganza old school.

N.B. Ovviamente queste sono solo “predictions”, staremo a vedere cosa ci riserverà il draft.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy