Bye Bye New York, la finale di Conference è di Indiana

Bye Bye New York, la finale di Conference è di Indiana

Commenta per primo!

 

New York Knicks – Indiana Pacers: 99 – 106

  1 2 3 4
NY 27 20 34 18 99
IND 29 26 26 25 106

Anche quest’ultima Semifinale di Conference è finita, in una maniera  che tuttavia nessuno avrebbe pronosticato ad inizio dei Play Off.  Che indiana fosse una squadra tignosa, solida in difesa e difficile da affrontare si sapeva, ma che la banda di coach Vogel  avesse le carte per accedere alla  finale di Conference, questo erano in pochi – o anche nessuno – a dirlo. E invece in finale ad affrontare gli Heat  ci vanno i “brutti”,  assolutamente non spettacolari, ma dannatamente efficaci Pacers, mentre dei Knicks  troppo “pompati” ed aggrappati al solo talento dei singoli devono dire addio, ancora una volta, al sogno di sfilare in parata sulla Quinta strada reggendo in mano il titolo NBA tra due ali di  folla plaudente.

La giocata che , di fatto, decide la partita, la piazza Roy Hibbert a quattro minuti dalla fine della partita. New York era stata sotto praticamente per tutto il match poi, grazie alle triple di Shumpert, si porta per la prima volta in vantaggio a pochi minuti dalla fine del quarto quarto 94 a 02 e palla in mano. Anthony si invola verso il canestro, arriva al ferro e pare che nessuno possa più fermarlo dal realizzare la schiacciata che, forse, avrebbe scavato il break decisivo in favore della Grande Mela. Tuttavia, Roy Hibbert decide di diventare “nessuno” e, allungandosi come Mr. Fantastic,  nell’arco di pochissimi centimetri riesce ad effettuare una stoppata miracolosa sul numero sette. L’azione successiva, in transizione, Indiana pareggia e da quel momento, come i soldati di Napoleone in Russia, i Knicks decidono di smobilitarsi e di ritirarsi in ordine spasso ognuno per conto suo, frantumandosi dinnanzi alla crescente marea gialla. Marea gialla che, alla fine, può esplodere in un giusto boato di gioia per aver conquistato di nuovo, dal 2004, una finale di Conference.

Del resto, sembra un po’ l’andazzo generale di questi Play Off, che premiano squadre magari non bellissime da vedere, ma molto ben organizzate e determinate come Memphis.

Indiana può guardare  alla sfida contro Miami col sano ottimismo, sapendo di aver già disputato un’ottima stagione e di avere tra le mani una sicura All-Star come George(a proposito, qualcuno si è ricordato che Granger e Green sono ancora infortunati?). e chissà che la mente sgombera e la solidità di Indiana non possa giocare qualche scherzetto ai campioni in carica.

Per i Knicks, invece, questo finale di stagione si aprirà con la consueta traversata nel deserto dopo l’ennesima annata fallimentare.

Alla fine, i Knicks non sono riusciti a venire a capo delle proprie contraddizioni interne e di gioco, non sono mai veramente riusciti – tranne che in Gara 5 –  ad arginare i lunghi di Indiana, né a proporre un attacco fluido in grado di poter impensierire più di tanto i Pacers. Alla fine, quell’insieme di individualità più o meno assortite che erano i Knicks si è infranto contro il solido muro di una squadra vera e determinata come Indiana.

Adesso occorrerà ricostruire, provare a rimediare ai propri errori, cercare di rimettere in piedi una squadra competitiva, o anche solo una squadra che sia una. Ma l’impressione, tuttavia, è che durante l’estate il GM dei Knicks dovrà alla fine sciogliere il nodo fondamentale  che ha condizionato la stagione di NY: Anthony e Stoudemire, la convivenza tra i due non ha mai funzionato, ed uno dei due è di troppo. Questo dilemma, oltre al fatto di valutare le condizioni psicologiche e le motivazioni  di Carmelo dopo un’estate di fuoco in cui tutti, ma proprio tutti, gli daranno addosso additandolo come principale colpevole dell’uscita di scena dei Knicks.

E intanto, i Play Off NBA sia avvicinano alla fase conclusiva…

TABELLINO: 

New York Knicks:  Shumpert 10 pt, Anthony 39 pt + 7 reb, Chandler 2 pt, Prigioni 6 pt, Felton 2 pt, Smith 15 pt, Martin 5 pt, Kidd ne, Copeland 9 pr, Stoudemire 2 pt

Indiana Pacers: George 23 pt, West 17 pt, Hibbert  21 pt + 12 reb,Stephenson 25 pt + 10 reb,  Hill 12 pt, T. Hansbrough ne,  Augustin 3 pt, Young 5 pt, Mahinmi ne

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy