Chandler il guerriero protegge l’American Airlines Center: Portland non passa neanche in gara-5

Chandler il guerriero protegge l’American Airlines Center: Portland non passa neanche in gara-5

Commenta per primo!

Questa volta non riesce il miracolo a Roy, che all’American Airlines Center proprio non riesce a giocare come vorrebbe: solo 5 punti con 2/7 al tiro per la guardia che ha trascinato i suoi alla vittoria in gara-4. Dallas alza la linea difensiva nel secondo tempo e si fa più precisa rispetto a quanto visto nei primi 24′, che ancora una volta vedono Portland esprimere il miglior basket. I Blazers non riescono però a capitalizzare quanto di buono fatto fino all’intervallo lungo anche grazie ad un ottimo Marion e vengono rispediti al mittente dalla maggiore fluidità di Dallas nel secondo tempo. Niente da fare, quindi, per gli ospiti: nelle nove sfide stagionali, il fattore campo è sempre risultato decisivo.

 

Dallas Mavericks (3) – Portland Trail Blazers (6) 93-82 (15-20, 44-43, 75-63)

Dallas conduce la serie 3-2

Gara-6 si giocherà nella notte fra giovedì e venerdì; l’orario è ancora da stabilire

 

La paura aleggia nell’aria dell’American Airlines Center nei primi quattro minuti di gioco, contraddistinti dalla assenza pressoché totale di realizzazioni. Marion è subito un fattore in difesa e le due squadre cercano di correre in contropiede per ottenere canestri facili, ma il risultato è una grande confusione in campo che non porta ad alcun risultato. Rotto il ghiaccio, la partita si accende: Dallas trova punti sull’asse Marion-Chandler, ma Matthews e Aldridge rispondono colpo su colpo. Chandler è già un fattore con cinque rimbalzi offensivi catturati nei primi 9′ e finisce spesso e volentieri in lunetta, ma la sua imprecisione dalla linea della carità (3/6 dopo 9′) non permette ai Mavericks di spezzare l’equilibrio della contesa. Nel momento in cui il centro di Dallas va in panchina per qualche istante di meritato riposo, a centro area rimane Dirk Nowitzki, che sembra essere tornato lo scempio difensivo di inizio carriera. Portland sfrutta così le praterie che si estendono nel pitturato, popolate da ogni genere di erbivoro fuorché da maglie bianche, per rispondere all’iniziale 15-12 e ribaltarlo con un parziale di 0-11.

Ciliegina sulla torta è la tripla di Fernandez che apre il secondo quarto e inguaia i Mavs, che si trovano a dover guardare negli occhi un passato che li fissa truce. Passato che non appartiene però alle memorie di Brendan Haywood, il quale riporta alto il livello difensivo e, spalleggiato dal “Jet” Terry, contribuisce al nuovo vantaggio dei padroni di casa. Il buon momento di Dallas dura però poco: Portland ricomincia a girare offensivamente e la difesa dei Mavs perde qualche colpo, consentendo agli ospiti di ribaltare nuovamente il punteggio, adesso fissato sul 37-43. Marion però non ci sta e, con grande combattività, svolge un ruolo fondamentale nel parziale di 7-0 che chiude il primo tempo sul 44-43.

Il terzo quarto procede senza grandi strappi fin quando Nowitzki e Terry innescano un break di 6-0 che porta il punteggio sul 62-55. Il “Jet” realizza sette pesantissimi punti negli ultimi 6 minuti del periodo che trascinano i Mavericks sul 73-61, perfezionato dai liberi di Chandler a 35” dalla fine della frazione.

Dopo quanto successo in gara-4, è automatico che Dallas non perda nemmeno per un attimo la concentrazione; invece di adagiarsi sugli allori di un consistente vantaggio, la squadra di Carlisle continua a giocare a basket come si dovrebbe sempre fare, sfruttando anche i 7 rimbalzi catturati dal suo centro titolare negli ultimi 12′, e la tripla di Stojakovic dell’89-69 a 4’24” dal termine chiude definitivamente la partita. A vestire i panni dell’eroe questa volta ci prova Gerald Wallace, che ci crede fino alla fine, realizzando sei punti consecutivi per il -11 a 1’09” dalla sirena, ma è davvero troppo tardi: Dallas sconfigge il passato e conquista la vittoria che vale il 3-2 nella serie.

 

DALLAS: Nowitzki 25 (8/18, 0/1 da 3, 9/11 tl), Terry 20, Marion e Chandler 14, Stojakovic 9, Kidd e Barea 4, Haywood 3; rimbalzi: Chandler 20, Nowitzki 8, Kidd 7; assist: Kidd 14, Marion e Nowitzki 3

PORTLAND: Miller 18 (8/14, 1/1 da 3, 1/ 2 tl), G.Wallace 16, Aldridge e Batum 12, Matthews 8, Roy e Fernandez 5, Camby 4, Chris Johnson 2; rimbalzi: G.Wallace e Aldridge 9, Camby 8; assist: Miller 7

?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy