Dallo United Center non si passa, bene Portland

Dallo United Center non si passa, bene Portland

Commenta per primo!

I Bulls hanno ora quattro partite di vantaggio su Boston e Miami a quattro partite dalla fine e la Eastern Conference praticamente in tasca. Rose ancora una volta sugli scudi, male Allen e Garnett.
Dopo l’iniziale 4-8 dei biancoverdi, è firmata Bogans la prima accelerazione dei padroni di casa, che si portano sul 17-12 con la tripla della guardia tiratrice prodotto di Kentucky. In chiusura di prima frazione ci pensa il solito Rose a dilatare il vantaggio, che tocca per la prima volta la doppia cifra sul 26-16. È un jumper di Glen “Big Baby” Davis a riportare i Celtics sul -2 a metà secondo quarto, ma la tripla di Deng ristabilisce le giuste distanze e i Bulls sono di nuovo sul +7 quando mancano 3′ all’intervallo lungo. Al ritorno in campo Rondo si inventa il layup del sorpasso che vale il 48-49, ma è un fuoco di paglia: Deng e Rose rispondono con un parziale di 10-0 che mette a dura prova la resistenza di Garnett e compagni. Rondo è l’ultimo a mollare: con quattro punti e un assist che manda a canestro Allen riporta a contatto i suoi sul 60-56; ma è ancora Deng a spaccare la partita con cinque punti di fila e Boston è di nuovo sul -10. Boozer apre bene l’ultima frazione di gioco e il vantaggio arriva alle 15 unità: dallo United Center non si passa.

CHICAGO: Rose 30 (9/16, 2/5 da 3, 10/10 tl), Deng 23, Boozer 14; rimbalzi: Boozer 12; assist: Rose 8
BOSTON: Pierce 15 (6/13, 1/5 da 3, 2/2 tl), Garnett e Jeff Green 10; rimbalzi: Garnett 10; assist: Rondo 6

 

Utah Jazz – Portland Trail Blazers 87-98
Importante vittoria per i Trail Blazers (46-33) nella corsa al sesto posto della Western Conference; i Jazz (37-42) confermano di aver tirato i remi in barca nel finale di stagione: una sola vittoria nelle ultime dieci.
L’inizio è subito di Portland: sei punti di Batum e sette di Roy e i Trail Blazers già conducono per 17-27. La reazione dei padroni di casa arriva con Favors nel secondo quarto, che riduce il gap a tre sole lunghezze: Utah sembra sia in grado di restare attaccata alla partita, ma sono Matthews e Wallace che firmano il nuovo allungo nel finale del secondo periodo, che si chiude sul 42-49. Matthews apre benissimo la terza frazione di gioco e con Batum cerca di accelerare sul 59-68, ma dall’altra parte un assatanato Harris straccia la retina per tre volte di fila dall’arco e Utah è di nuovo sul -4. Ma Portland non si ferma e aspetta l’inevitabile blackout offensivo dei Jazz per piazzare il break che decide la partita in chiusura di terzo quarto: 11-0 di parziale e Jazz a -15. Gli ultimi tentativi dei padroni di casa di rientrare in partita sono resi vani dal Gerald Wallace show degli ultimi quattro minuti: tre triple e undici punti per lui nel finale della partita.

UTAH: Harris 26 (9/16, 5/9 da 3, 3/3 tl), Millsap 19, Al Jefferson e Hayward 10; rimbalzi: Al Jefferson 14; assist: Harris e Al Jefferson 5
PORTLAND: Gerald Wallace 29 (10/18, 4/6 da 3, 5/5 tl), Batum 21, Matthews 18; rimbalzi: Aldridge 11; assist: Miller 12

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy