Green da tripla doppia, Warriors sul tetto del mondo, è titolo NBA!

Green da tripla doppia, Warriors sul tetto del mondo, è titolo NBA!

http://resources1.news.com

Golden State Warriors @ Cleveland Cavaliers 105-97 ( 28-15, 17-28, 28-18, 32-36)

I Warriors vincono la serie per 4-2 e, quindi, il titolo NBA 2015. 

Gara 6, alla Quicken Loans Arena di Cleveland. Possibilità per chiudere la serie e portare il titolo a Golden State per i Warriors, mentre Win or Go Home per i Cavs di LeBron James.

La partita come ci si aspettava, è tesa data la posta in palio. Subito assist notevole di LBJ per Mozgov che insieme a Tristan Thompson guida la squadra di casa in un ottimo inizio, 7-2 Cavs. Qui sale in cattedra Andre Iguodala, grande difesa su James, di cui subisce un grande sfondamento, e notevole presenza in attacco, giocando da 4 tattico nel quintetto piccolo dei Warriors. Gli ospiti con un Curry presente e attivo in attacco, autore di una tripla e un lay up in faccia a Mozgov, vanno avanti nel punteggio scavando il primo mini parziale, sul 17-11. I Cleveland Cavaliers perdono troppi palloni ( ben 8 perse nel primo quarto) scivolando sul -10.  Grande sfida tattica tra i due allenatori, con Steve Kerr che propone il quintetto piccolo con Draymond Green da 5, mentre coach Blatt dall’altra parte punta su un quintetto alto, con Mozgov e Thompson sotto canestro. Il primo quarto termina sul 28-15 per gli ospiti.

Il secondo quarto inizia con una tripla pazzesca di LeBron James dall’angolo al termine dei 24 secondi, con immediata risposta di Leandrinho Barbosa nel ribaltamento. Tantissimi errori in questa gara 6, dove la tensione e la posta in palio è altissima. Mozgov gioca molti minuti in più rispetto a gara 5 ed è un fattore sotto canestro, è protagonista di una stoppata da highlights su Iguodala. I Cavaliers tirano tantissimi liberi, che permettono ai campioni della Eastern Conference di rimanere attaccati alla partita. Improvvisamente cominciano a calare le percentuali dal campo per i Warriors, con un Klay Thompson fuori dalla partita a causa dei problemi di falli. Grazie a questo, e a un Tristan Thompson da 11 punti e 7 rimbalzi nel primo tempo, i Cleveland Cavaliers chiudono a contatto. Da segnalare il punto numero 5000 per LeBron James nei Playoffs, sesto giocatore nella storia a riuscirci.

La ripresa inizia con il solito piano tattico per i Cavaliers. Stephen Curry è sempre costantemente raddoppiato, ma a complicare il piani di Blatt, c’è il quarto fallo commesso per Iman Shumpert. Parziale dei Warriors con Green, Livingston e Iguodala grandi protagonisti.  61-51 per gli ospiti, con Blatt costretto a chiamare Time-out. Al rientro in campo, il protagonista che non ti aspetti, Festus Ezeli. Fattore sotto canestro, 10 punti nel terzo quarto per lui, un paio di tap-in schiacciati di notevole qualità, che portano i Warriors sul 73-61 al termine del terzo quarto. LeBron James decisamente stanco, non è sui livelli da extraterrestre delle prime 5 gare.

Il quarto parziale inizia con un parziale 7-0 dei Cavs, firmato da una schiacciata di LeBron James e dalla presenza imponente di Mozgov sotto canestro per i Cleveland Cavaliers, aiutati da un inizio di quarto molto soft da parte dei Golden State Warriors. Da questo momento la partita diventa bellissima. Serie di triple a raffica, JR, Iguodala e in particolare l’MVP Steph Curry. Questo basket esalta gli ospiti che volano di nuovo sul +15, 92-77 a 6’ dal termine. Green il quinto giocatore della storia dei Warriors con una tripla doppia nei playoffs, ed è una presenza importantissima per i Warriors, che sembrano in pieno controllo della gara. A 4 minuti dal termine esce dalla partita Klay Thompson, penalizzato dai falli per tutta la partita, con solo 5 punti nella sua partita. Negli ultimi minuti la partita rimane con i Warriors sulla doppia cifra di vantaggio che gestiscono con grande lucidità il finale nonostante il ritorno dei Cavs. I Warriors dopo la stagione 1974-1975 vincono nuovamente il titolo NBA, guidati da un Curry immenso, ma anche da protagonisti inaspettati come un Ezeli decisivo in questa gara, Andrè Iguodala in questa serie dove è stato giustamente nominato MVP delle Finals, e l’MVP di questa partita un Draymond Green da tripla doppia.

Warriors: Iguodala 25, Barnes 9, Green 16 (11 rimbalzi 10 assist), Thompson 5, Curry 25, Livingston 10, Ezeli 10, Barbosa 5, Lee.

Cavaliers: James 32 (18 rimbalzi, 9 assist) , Thompson 15 (13 rimbalzi) , Mozgov 17 (12 rimbalzi), Shumpert 8, Dellavedova 1, Smith 19, Jones 5, Miller, Harris.

MVP: Draymond Green. Pazzesca partita per il jolly dei Warriors. Tripla doppia da 16 punti, 11 rimbalzi e 10 assist. Decisivo nelle scelte offensive e difensive, vero fattore per i Warriors.

Key Stat: Il ruolo dei sparring parter dei Warriors. Iguodala grandissimo protagonista della partita e della serie, Livingston importantissimo e un Festus Ezeli fattore decisivo nel terzo quarto per scavare il vantaggio decisivo per i Warriors.

Losing Effort: La prestazione delle guardie dei Cavaliers. 2 punti con 1 su 6 dal campo per Shumpert, 1 punto con 0 su 3 per Dellavedova, 5 su 15 per JR, cifre che condannano i Cavs di LeBron James, che da solo non può vincere un titolo NBA.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy