I Chicago Bulls ottengono il miglior record della lega, attesa ora per i playoff

I Chicago Bulls ottengono il miglior record della lega, attesa ora per i playoff

Boston Celtics–New York Knicks 112-102

A Boston va in scena un antipasto dei playoff: si sfidano I Celtics e i Knicks che si dovranno confrontare anche al primo turno dei playoff; mancano molti dei Big, ma torna in campo per NY Amare Stoudemire, che finalmente è riuscito a recuperare l’infortunio alla caviglia. Il protagonista della serata è Avery Bradley, tolto dalla naftalina dopo mesi di panca da coach Rivers e autore di ben 20 punti (massimo in carriera), un’enormità soprattutto confrontati con i 32 messi a segno nel resto della stagione. Dopo essere stati avanti fino a metà del terzo quarto i Celtics si fanno riprendere dai canestri di Jeffries e Williams. Nel quarto periodo, però, i padroni di casa accelerano e anche grazie a un parziale di 11-0 riescono ad aggiudicarsi il match.

Curiosità: ben 8 i giocatori che non hanno preso parte all’incontro- Allen, Garnett, O’Neal, Pierce, Rondo per Boston e Anthony,Billups e Rautins per New York

Boston: Bradley 20 (10/14 da due, 0/2 da tre), Pavlovic 19, Davis 14. Rimbalzi: Green e Davis 8. Assist: Wafer 5.
New York: Fields 16 (4/7 da due, 2/5 da tre, 2/3 tiri liberi), Stoudemire 14, Walker 12. Rimbalzi: Fields e Brown 7. Assist: Carter 6.

 

 

Chicago Bulls–New Jersey Nets 97-92

I Bulls chiudono la regular season con il miglior record della lega (62-20) e la nona vittoria consecutiva. I Nets invece concludono il loro anno con 11 sconfitte nelle ultime 12 gare; La notevole differenza di qualità fra le due compagini, però, quasi non si nota e i Bulls ottengono una vittoria di misura maturata soltanto nell’ultimo minuto di gioco: un paio di rimbalzi in attacco concessi da New Jersey e  il doppio errore dalla lunga distanza da parte di Farmar (fino a quel momento il migliore dei Nets) proprio nel finale spianano la via della vittoria casalinga dei Tori. Man of the match è Kyle Korver (19 punti per lui di cui 10 negli ultimi 8 minuti), mentre Derrick Rose, probabile mvp della stagione, chiude con 15 punti in 30’.

Curiosità: insieme a Thibodeau e Westphal, l’unico allenatore che è riuscito alla prima stagione a ottenere 60 vittorie è stato il leggendario Bill Russell; Ronnie Brewer ha saltato il primo incontro della stagione a causa della slogatura del pollice sinistro, ma dovrebbe recuperare per i playoff

Chicago: Korver 19 (5/6, 2/7, 3/3 tl), Rose 15, Deng 11. Rimbalzi: Noah 10. Assist: Watson 6.
New Jersey: Farmar 21 (/9, 2/6, 5/6 tl), Lopez 17, Petro 13. Rimbalzi: Gadzuric 7. Assist: Farmar 12.

 

 

Toronto Raptors-Miami Heat 79-97

Tutto esaurito all’Air Canada Centre per l’ultimo incontro della disgraziata stagione dei Raptors (22-60) che vengono sconfitti nuovamente da Miami; i fans in attesa delle giocate di James, Wade e del rimpianto ex Bosh si devono invece accontentare del bombardamento di un Eddie House (35 punti ) in grande spolvero e della gran prestazione atletica del loro concittadino Jamaal Magloire (19 rimbalzi), usualmente panchinaro fisso degli Heat. Anche Toronto lascia spazio ai giovani con il risultato che i quintetti in campo sono composti da Bayless, DeRozan, James Johnson, Davis e Dorsey per i Raptors e Mike Bibby, Eddie House, James Jones, Joel Anthony e Ilgauskas per Miami. Nonostante la defezione di tutte le star la partita risulta gradevole e ne sono prova le parole di coach Spoelstra :“È stata una delle vittorie più godibili della stagione. Sottolinea il professionalismo dei giocatori che si sono fatti trovare pronti e rinforza l’idea che abbiamo dall’inizio dell’anno, che ogni giocatore è importante nella rotazione”. Miami chiude cosi’ al secondo posto a Est e da oggi  penserà a prepararsi per il primo turno di PO che li vedrà impegnati contro Philadelphia.

Toronto: Bayless 21, DeRozan 18, J. Johnson 12. Rimbalzi: Davis 8. Assist: J. Johnson 12.
Miami: House 35 (14/27), Howard 18, Jones 12. Rimbalzi: Magloire 19. Assist: Chalmers 13.

 

 

Cleveland Cavaliers–Washington Wizards 100-93

La peggiore stagione di Cleveland non si conclude nel peggiore dei modi: le quattro vittorie nelle ultime sei gare, infatti, lasciano a Minnesota l’ultimo posto della lega. Certo, dopo le 61 vittorie della scorsa stagione sotto la guida di Lebron James, le 19 di quest’anno sono una bella doccia fredda per i tifosi, che hanno vissuto sulla propria pelle anche 26 sconfitte di fila e un -55. In una gara dai molti assenti per entrambe le parti, spicca la prestazione di Sessions(27 punti) grazie al quale Cleveland riprende i Wizards che erano stati in vantaggio per buona parte dell’incontro. Hickson e Parker danno il colpo di grazie agli ospiti che sbagliano 8 tiri su 10 nel finale.

Curiosità: carriera terminata per Joe Tait che è stato l’annunciatore radio dei Cavaliers per ben 39 stagioni. La scorsa settimana hanno creato un banner con il suo nome che rimarrà perennemente esposto insieme ai numeri di maglia ritirati.

Cleveland: Sessions 27 (8/12, 0/1, 11/12 tl), Hickson 15, Hollins 12. Rimbalzi: Hickson 13. Assist: Harris 5.
Washington: Blatche 20 (7/12, 0/1, 6/9 tl), Evans 15, McGee 10, Wall 10, Yi 10. Rimbalzi: Yi 10. Assist: Crawford 6.

 

 

Orlando Magic-Indiana Pacers 92-74

Orlando chiude la quarta stagione consecutiva sopra alle 50 vittorie (52-30) con una prova convincente contro Indiana e si prepara alla sfida playoff contro Atlanta piena di entusiasmo ritrovato. Con i titolari a mezzo servizio da entrambe le parti, la chiave tecnica della partita è stata la maggiore fisicità dei Magic sotto canestro che ha permesso loro di limitare i canestri avversari.

Curiosità: l’arbitro Bob Delaney, che ha diretto il suo ultimo incontro dopo 36 anni di carriera, è stato premiato a inizio gara.

Orlando: Anderson 14 (1/3, 3/5, 3/3 tl), Turkoglu 13, Howard 13. Rimbalzi: Howard 13. Assist: Duhon 5.
Indiana: Rush 16 (0/7, 5/9, 1/2 tl), Dunleavy 16 (3/7, 2/3, 475 tl), Hansbrough 9. Rimbalzi: Hansbrough e Jones 6. Assist: Price 7.

 

 

Charlotte Bobcats-Atlanta Hawks 96-85

Atlanta se la vedrà contro Orlando ai playoff mentre i Bobcats, che hanno sfiorato l’ingresso nelle 16 che contano, si accontentano di vincere l’incontro chiudendo con 5 uomini in doppia cifra; il proprietario Michael Jordan commenta: “senza infortuni saremmo stati da playoff” riferendosi ai problemi muscolari che hanno perseguitato la stella Stephen Jackson. Forse bisognerebbe ricordare a MJ le 16 sconfitte in 25 partite avvenute in seguito al rilascio di Gerald Wallace per ragioni salariali, una mossa che a posteriori si è rivelata piuttosto penalizzante per Charlotte.

Curiosità: lo stakanovista Boris Diaw ha giocato in tutte le 82 partite di regular season per la seconda stagione consecutiva con Charlotte raggiungendo la quota di 351 partite giocate dal 2007. I Bobcats concludono la stagione con il record di 21 vittorie e 20 sconfitte interne contro le 31-10 della passata stagione.

Charlotte: Henderson 20 (9/15, 0/2, 2/2 tl), Augustin 17, Cunningham 14. Rimbalzi: Brown 8. Assist: Diaw 9.
Atlanta: Powell 16 (5/10, 6/7 tl), Crawford 14, Wilkins 14.. Rimbalzi: Pachulia 10. Assist: sei con 2.

 

 

Philadelphia Sixers-Detroit Pistons 100-104

Philadelphia conclude la regular season con una sconfitta che impedisce ai Sixers (41-41) di raggiungere un record positivo di vittorie che manca ormai da 7 anni. Nonostante ciò la qualificazione ai playoff è salda e fra pochi giorni inizierà la serie contro Miami. Detroit finisce con una vittoria un’annata piuttosto complicata e rimane in attesa dei grandi cambiamenti che ci saranno quest’estate: l’arrivo del nuovo proprietario Gores, il probabile cambio in panchina di Kuester e il ritiro imminente di Ben Wallace.

Curiosità: il giocatore dei Pistons Charlie Villanueva è stato sospeso per 5 gare a causa dello screzio avuto con il giocatore di Cleveland Ryan Hollins cercando di raggiungere la panchina dei Cavaliers e per aver tentato due volte di entrare negli spogliatoi degli avversari.

Philadelphia: Holiday 21 (4/4, 3/7, 4/4 tl), Nocioni 18, Turner 18. Rimbalzi: Brand 8. Assist: Holiday e Turner 7.
Detroit: Stuckey 29 (8/12, 1/3, 10/11 tl), Prince 14, Monroe 10, Gordon 10, Maxiell 10, Summers 10. Rimbalzi: Monroe 13. Assist: Stuckey 8.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy