Memphis: il sogno continua!

Memphis: il sogno continua!

Commenta per primo!

 

Stavolta non e’ bastato neanche uno Ginobili da 23 punti, il reparto lunghi continua a soffrire i pari ruolo avversari (Randolph 25, Gasol 17+9, Arthur 9+6 in 15′). La serie e’ tutt’altro che compromessa per gli “Speroni” ma un’altra vittoria dei Grizzlies potrebbe davvero mandare fuori giri i ragazzi di coach Popovich.

La cronaca

Partenza equilibrata con il punteggio che si sblocca sopratttutto dalla lunetta: Parker sembra avere un buon impatto sulla partita, ma due falli lo costringono a sedersi presto; gli Spurs lottano sotto i tabelloni ma sono imprecisi al tiro e non riescono a prendere la testa. Sono allora i padroni di casa a dare un primo strappo al match: i Grizzlies alzano il ritmo e in pochi minuti piazzano un 9-2 con cui chiudono davanti il primo quarto. La seconda frazione vede proseguire la fuga della squadra di coach Hollins: Randolph e’ sui livelli di gara-1 e in pochi minuti si va anche sul +15, massimo vantaggio dell’incontro; i problemi al tiro lasciano poche possibilita’ per le rotazioni di coach Popovich che non trova dalla panchina l’apporto avuto per tutta la stagione. Si va all’intervallo sul 52-42.

Il terzo periodo potrebbe essere quello della svolta: gli Spurs lottano a rimbalzo ma perdono troppi palloni; il momento d’oro dei Grizzlies si spiega anche con le prestazioni di chi esce dalla panchina, come Arthur che entra per Randolph garantendo minuti di energia e qualita’. Nella sfida tra i playmaker, Conley (14 punti, 6 rimbalzi e 8 assist) non soffre Parker nonostante il francese provi a girare la partita per i suoi con 10 punti nel quarto che riportano San Antonio sul -5 (71-66) all’ultima pausa. L’inerzia favorevole agli Spurs prosegue ad inizio quarto periodo, quando Ginobili riporta le squadre in parita’: l’argentino si guadagna diversi viaggi in lunetta dimostrando di poter essere per Popovich il giocatore su cui scommetere nei momenti decisivi; dall’altra parte invece Memphis sa gia’ di potersi affidare a Randolph, che chiude la sua partita con 7 punti nella frazione e soprattutto la tripla a 41” dalla sirena che mette il cappello alla sfida.

MVP: Randolph

Spurs: Ginobili 23, Parker 16, Duncan 13. Rimbalzi: Duncan 11, McDyess 10. Assist: Duncan 6

Grizzlies: Randolph 25, Gasol 17, Conley 14. Rimbalzi: Gasol 9. Assist: Conley 8

Verso gara-4: le domande

 

  1. Se in gara-1 Memphis aveva sorpreso tutti strappando un successo in volata agli Spurs, in gara-3 i Grizzlies hanno giocato da big: Randolph e soci hanno sempre condotto i giochi e sono stati bravi a non scomporsi quando San Antonio e’ tornata a contatto. Perche’ il sogno continui nella citta’ di Elvis c’e’ bisogno di un ulteriore salto di qualita’, la prossima per i Grizzlies e’ la prima partita  con il cartello “Vietato sbagliare”: riusciranno a reggere la pressione?
  2. Randolph e’ sempre stato un giocatore incostante, capace di prestazioni super come di flop clamorosi; Z-Bo ha gia’ dimostrato di poter essere il killer di questa serie, al di la’ di quanto Popovich provi ad ingabbiarlo: l’ala dei Grizzlies sara’ sui livelli di gara-1 e gara-3?
  3. Gli Spurs si sono infilati in un tunnel: la sconfitta in gara-1 ha dato entusiasmo a Memphis e tolto certezze alla squadra di coach Pop. La prossima e’ una partita da vincere a tutti i costi, ma le squadre da titolo si vedono proprio nelle sfide senza ritorno: San Antonio e’ ancora una candidata all’anello?
  4. Al di la’ del rendimento delle stelle della squadra (il solo Ginobili si sta esprimendo sui suoi livelli), cio’ che e’ mancato di piu’ sino ad ora e’ l’apporto della panchina, in particolare di Neal e Bonner: per tutta la stagione, quando coach Popovich si e’ girato per chiamarli, i due tiratori hanno risposto presente. In questa serie, invece, i problemi al tiro degli Spurs sono evidenti e stanno condizionato i risultati: torneranno a segnare da dietro l’arco?

Ci stiamo ritrovando tra le mani una serie veramente bollente; gara-4 e’ diventata un crocevia per i destini delle due squadre: Memphis sara’ carica per non svegliarsi dal sogno, ma San Antonio vorra’ ristabilire le reali forze in campo. Sara’ una partita per cui rimanere svegli…

Appuntamento nella notte tra lunedi’ e martedi’ (1.30 ora italiana)

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy