NBA Inside Recap: super Novembre di Harden, Hack-a-Ben!

NBA Inside Recap: super Novembre di Harden, Hack-a-Ben!

Le statistiche più interessanti della notte: il record di Ben Simmons, la vittoria al supplementare di Golden State sui Lakers e altro ancora

di Raffaele Guerini
  • 40+15

Sono i punti e i rimbalzi collezionati da Aaron Gordon nella partita di stanotte contro i Thunder: non solo è la seconda volta in stagione che Gordon piazza 40 punti in una partita (ne aveva realizzati 41 anche ad ottobre, contro i Nets), ma il dato più importante è la crescita del ragazzo. Oltre a essere noto per essere un ottimo schiacciatore (abbiamo ancora tutti negli occhi lo Slam Dunk Contest contro Zach LaVine), sta realizzando finora in stagione 17.4 punti e 8 rimbalzi a partita, ovvero 5 punti e 3 rimbalzi in più rispetto all’ultima stagione. Buone notizie in casa Magic. Terzo giocatore di sempre nella storia di Orlando a realizzare un 40+15: gli altri? Shaquille O’Neal per ben 12 volte e Dwight Howard altre 4 volte.

Thunder @ Magic 108-121

 

  • 24 tiri liberi

L’Hack-a-shaq è una delle tattiche rese famose dalla NBA: caricare sistematicamente di tiri liberi un giocatore della squadra avversaria negli ultimi minuti di una partita. Normalmente questa particolare tattica viene usata sui lunghi rivali, o comunque su giocatori notoriamente non eccellenti dalla linea: stanotte, gli Wizards l’hanno sperimentata su Ben Simmons, che ha fatto segnare il record per tiri liberi tentati in un quarto, con 24 tentativi. Ha chiuso con 12 realizzazioni su 24, e 15 su 29 in totale, per un career-high di 31 punti e una vittoria per i Sixers.

Wizards @ 76ers 113-118

 

  • 32

Altro career-high di punti nella notte, ma stavolta sponda Lakers. Brandon Ingram è stato particolarmente efficiente nella notte, aiutato da un’ottima prestazione di Lonzo Ball che ha chiuso con una doppia doppia da 15 punti e 10 assist. La partita dei Lakers è stata più in generale ottima, sfiorando la vittoria contro la prima della classe Golden State: i ragazzi in giallo-viola si sono arresi soltanto dopo un tempo supplementare, dove è salito in cattedra Steph Curry, segnando 13 dei suoi 28 punti totali.

Warriors @ Lakers 127-123

 

  • 34.9+10.1

Non sono numeri buttati a caso, sono soltanto le medie di punti e rimbalzi nel mese di Novembre per “il barba” James Harden, che è andato a 0.1 punti di media dall’essere il terzo giocatore nella storia della NBA a realizzare 35 punti e 10 rimbalzi di media a partita in un mese intero di partite. I due che ce l’hanno fatta prima di lui sono Oscar Robertson e Tiny Archibald, e queste cifre impressionanti non fanno altro che confermare l’ennesima stagione pazzesca di Harden, che ha trascinato i Rockets alla sesta vittoria di fila (tutte ottenute con 14 punti di scarto, tra l’altro: roba da niente davvero).

Pacers @ Rockets 97-118

 

  • 7 * XX

Nella vittoria per 120 a 102 sui Pelicans, stanotte, sono addirittura 7 i giocatori dei T’wolves ad essere andati in doppia cifra nell’arco del 48 minuti: Gibson, Wiggins, Towns, Jones, Butler, Dieng e Crawford. Coach Thibodeau non può che non essere soddisfatto di una prestazione corale di livello così alto, e Minnesota si trova ora a 13 vittorie e 9 sconfitte: lo score non è invidiabile, ma va sempre ricordato che parliamo dell’Ovest e di una squadra che solo in questa stagione sta svoltando davvero la rotta. L’ultima volta che i Timberwolves sono andati ai playoff era il 2004, e quest’anno hanno tutta l’intenzione di tornarci per davvero.

Timberwolves @ Pelicans 120-102

 

Gli altri risultati della notte:

Suns @ Pistons 107-131

Heat @ Knicks 86-115

Hornets @ Raptors 113-126

Nets @ Mavericks 109-104

Grizzlies @ Spurs 95-104

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy