NBA Playoffs, I Turno, Gara 3 – Gli Hornets sono vivi, Miami cade a Charlotte

NBA Playoffs, I Turno, Gara 3 – Gli Hornets sono vivi, Miami cade a Charlotte

Prima vittoria degli Hornets ai Playoffs negli ultimi 14 anni, a discapito di una Miami tenuta solo a 80 punti.

Miami Heat @ Charlotte Hornets 80-96 (28-29, 44-49, 58-75)

Con la serie che si sposta in North Carolina, gli Hornets trovano la prima vittoria ai Playoffs, dopo 12 sconfitte consecutive, e lo fanno in grande stile.

Nel primo quarto partono subito forte gli attacchi; pronti via e Deng mette a segno quattro triple su altrettanti tentativi, alle quali rispondono i canestri di Jefferson (partito in quintetto), Walker e Lin. Sul 18-13 per gli Heat, Dragic commette il suo secondo fallo ed è costretto a sedersi; Charlotte rimonta e mette la testa avanti, chiudendo il periodo sul 29-28.

Nel secondo quarto è la difesa degli Hornets a dominare la scena: gli Heat segnano appena 16 punti, continuano a perdere palloni ed uscire piano piano dalla partita. Dall’altra parte Marvin Williams si iscrive alla serie (7 punti nel primo tempo, dopo il disastroso 0\10 di gara 2) e Lin continua a far male al reparto dietro di Spoelstra. Si va negli spogliatoi sul 49-44 in favore dei padroni di casa.

Al rientro, dopo un piccolo parziale che porta le squadre sul 53-53, Charlotte piazza il run che risulterà decisivo per le sorti della gara: 18-0 ispirato dalla verve di un Kaminsky tarantolato (0 canestri dal campo nelle due partite a South Beach, 15 punti in gara 3), che sfrutta i centimetri contro Wade e Winslow per guadagnare vari tiri liberi; Walker, Lin e una Miami troppo piatta, fanno il resto. A fine terzo quarto il tabellone segna 75-58 per gli Hornets.

L’ultimo parziale è ormai una pura formalità. Gli Heat non ci credono davvero e il pubblico di Charlotte è definitivamente in partita; la rimonta è impossibile. La truppa di Clifford non da nessun segno di cedimento e vince una partita fondamentale, nonostante l’assenza di Batum. Il risultato finale è di 96-80. Gara 4, sempre in North Carolina, lunedì notte.

Heat: Wade 17 (7 rimbalzi), Whiteside 13 (18 rimbalzi, 4 stoppate), Dragic 11 (7 rimbalzi), Deng 19 (8 rimbalzi), Johnson 7, Winslow 4, Wright 4, Green 3, Richardson 2, Stoudemire, Weber, McRoberts.
Hornets: Walker 17 (7 assists), Lin 18, Jefferson 10 (8 rimbalzi), Kaminsky 15, Williams 12 (14 rimbalzi), Zeller 12 (8 rimbalzi), Lee 8, Hawes 2, Daniels 2, Harrison, Lamb, Gutierrez, Hansbrough.

Key Stat: Miami aveva segnato 72 punti in metà gara 2; ne ha fatti 80 in tutta gara 3. Proprio sulla difesa ha lavorato Clifford, con alcuni aggiustamenti chiave; primo fra tutti, proteggere il pitturato. Vedremo quale sarà la prossima mossa di Spoelstra in questa vera e propria partita a scacchi.

MVP: Jeremy Lin. Con 18 punti, 4 rimbalzi e 4 assists ha portato un’energia diversa all’interno della partita. Senza Batum, l’ex Knicks è stato chiamato ad una prestazione super; adesso dovrà ripetersi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy