NBA Playoffs, I turno, Gara 5 – Klay fa Steph e GSW vola al II round

Risultato atteso ma comunque sconvolgente per la facilità con cui i padroni di casa si sono aggiudicati gara 5: senza il miglior giocatore della lega ma con il Coach dell’anno.

Houston Rockets @ Golden State Warriors (20-37, 37-59, 59-89) 81-114

Di Splash Brothers ne abbiamo due, se uno manca l’altro deve prendere le redini della partita e così è stato con un Klay Thompson in versione Steph: “Nessuno di noi può farcela da solo.” il commento dell’11 in maglia Warriors. Aiutato dall’altro big della franchigia Draymond Green in 15 punti 9 rimbalzi e 8 assist che a suo modo insiste “Tutti pensano che senza Steph la serie sarebbe cambiata; noi abbiamo pensato diversamente”; ennesima nota positiva la continuità di Shawn Livingston con terza gara consecutiva in doppia cifra.
Houston ci prova con Harden che segna 25 dei 37 punti dell’intera prima metà di gioco per i suoi ma proprio per la natura di sport di squadra del gioco non si poteva aspettare molto altro (finirà a 35 totali): sono bastati 15 minuti ai detentori del titolo per portarsi sul +20, metà partita per distruggere ogni speranza Texana. Complice della disfatta il “gabinetto” di Harden che trova il primo canestro valido con Beverley nei primi secondi del secondo quarto dopo ben 16 tentativi finiti male.
La pessima serie giocata da Howard si conclude con una gara da 3-13 al tiro, 8 punti e 21 rimbalzi, a niente servirà la tenacia del giocatore nel restare in campo anche quando gli altri starter avevano ormai alzato bandiera bianca.

Serie finita ed ennesima delusione per i Rockets che dovranno ripensare il “progetto” iniziato con l’arrivo di Harden ed Howard; Golden State continua la marcia trionfale per le finali attendendo la vincitrice di Clippers-Trail Blazers (serie al momento in mano a Portland per 3-2) aspettando il ritorno del suo MVP e festeggiando l’ennesimo premio stagionale con il conferimento di Coach of the Year a Steve Kerr.
MVP: Se manca Steph ci pensa Klay Thompson 27 punti, 3 rimbalzi ed 1 assist ma ben 7 triple di 11 tentate con alcune in pieno stile Curry: dalla metà campo senza ripensamenti.

Key Stat: I Warriors devastano i Rockets dal primo minuto: impressionanti le percentuali al tiro con i padroni di casa che si assestano su 54,9% e 41,9% mentre i giocatori in maglia rossa non superano il 32,6% e 18,8%.

Rockets: Ariza 2, Motiejunas 7, Howard 8 (21 rimbalzi), Harden 35, Beverley 2, Smith, Terry, Beasley 11, Brewer 7, Goudelock 4, Capela 2, Harrell 1, McDaniels 2.

Warriors: Barnes 8, Green 15, Bogut 4, Thompson 27, Livingston 16, Iguodala 6, Ezeli 2, Clark 7, Speights 4, Barbosa 9, Rush 15, Varejao 1, McAdoo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy