NBA Playoffs, II Turno, Gara 2 – OKC pareggia la serie col brivido

Era difficile reagire ad una sconfitta di 32 punti in casa ma OKC ha trovato la forza per farlo ed ha agguantato la vittoria in casa dei Texani. Spurs irriconoscibili nella prima frazione ma che trovano fiducia e rischiano di capovolgere la partita per colpa di un fischio non dato che avrebbe potuto cambiare molto.

Primo quarto completamente inspiegabile per i padroni di casa che segnano solo uno dei primi 13 tentativi; al layup sbagliato da Green la risposta di Popovich non tarda: panchina per 4/5 di quintetto lasciando in campo il solo Aldridge che ripagherà la fiducia con 22 punti nella prima metà e 41 totali.

Il secondo e terzo quarto hanno visto una partita più equilibrata con una OKC più quadrata rispetto a gara I e maggiore concentrazione per gli Spurs.
Uno strappo dei padroni di casa nel finale di terzo quarto accorcia le distanze e colma il gap fino a 76-77; OKC risponde con un parziale di 8-0 e, credendo di aver chiuso la partita, si lascia sorprendere nuovamente da un Aldridge straripante: l’ex giocatore di Portland, dopo essere stato vincolato a 16 punti di media contro Memphys, esplode e con 13 punti nel solo ultimo quarto riaprendo la partita.

Con 2 secondi da giocare, dopo 3 liberi concessi e realizzati da Aldridge, OKC affida la rimessa laterale a Waiters che non trovando linee di passaggio decide di crearsela tirando una gomitata a Ginobili, il passaggio risulta comunque sbagliato e sul ribaltamento di fronte Mills fallisce la tripla decisiva chiudendo i giochi.
Gli arbitri commenteranno come “una cosa che non avevamo visto ne’ in campo ne’ prima d’ora ma che era giusto fosse sanzionata“.

Oltre alla già citata partita monstre del 12 in maglia grigia, spiccano Westbrook, Durant ed Adams per gli ospiti con il neozelandese a 17 rimbalzi (career high ai playoff e grandissima prova su entrambi i lati del campo) ed il duo che combina per 57 punti, doppia cifra anche per Ibaka e Kanter; tra i Texani Leonard e Ginobili, rispettivamente con 14 ed 11, sono gli unici a superare quota 10.

A fine partita rimangono i 41 punti di Aldridge, la fragilità di OKC ed una serire sull’1-1 che potrebbe regalare altri momenti di grande basket.

Thunder: Durant 28, Ibaka 12, Adams 12 (17 rimbalzi), Roberson 0, Westbrook 29 (10 rimbalzi), Waiters 3, Morrow 2, Kanter 12, Payne.
Spurs: Leonard 14, Aldridge 41, Duncan 2, Green 9, Parker 7, Anderson, Ginobili 11, West 6, Mills 5, Diaw 2, Marjanovic.

Key Stat: OKC si conferma bestia nera sotto canestra e rifila infatti un netto +11 che riesce a mitigare i 18 turnover.

MVP: Russell Westbrook in 37 minuti marca 29 punti, 10 assist e 7 rimbalzi, timido di 3 rimbalzi per la tripla doppia ha comunque saputo trascinare la squadra alla faticata vittoria; particolare nel finale di partita il “diverbio” con Durant che ha probabilmente dato la scossa per lo strappo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy