NBA Playoffs Inside, Finale Est, Gara 1: J.R. Smith è spaziale, i Cavs fanno 1-0. Infortunio per Carroll

NBA Playoffs Inside, Finale Est, Gara 1: J.R. Smith è spaziale, i Cavs fanno 1-0. Infortunio per Carroll

Commenta per primo!
http://www.basketusa.com

 

Cleveland Cavaliers @ Atlanta Hawks 97-89 (20-26, 51-51, 74-67)

 

Cleveland conduce 1-0 la serie

 

Tutto è pronto alla Philips Arena di Atlanta: una marea rossa vuol continuare a sognare, sebbene l’ultimo ostacolo prima delle Finals sia rappresentato dai temibili Cavaliers capitanati dal Re, Lebron James.

 

Hawks completamente spregiudicati e senza timori reverenziali nelle battute iniziali, giocando il loro basket fatto di spaziature e altruismo: nei primi 6 minuti, ogni membro del quintetto padrone di casa segna almeno un canestro. A tenere a galla i Cavs, ci sono prima Mozgov poi l’energia a rimbalzo offensivo di Tristan Thompson, con Lebron in veste prevalentemente di assistman. Irving sente ancora dolore al ginocchio (minutaggio ridottissimo per lui), gioca prevalentemente da fermo ma segna due triple, sebbene in difesa non riesca a contenere la spinta di un favoloso Jeff Teague. Sia James che Horford sono costretti a uscire per falli, e gli Hawks chiudono la prima frazione in vantaggio.

 

Per i Cavaliers si accende Jr Smith (4/4 dal campo con 3 triple), che riporta a contatto i suoi dopo due turnovers consecutivi dei Falchi. Dopo un periodo di appannamento, l’attacco Hawks ritrova parte della sua versatilità, Horford e soprattutto Teague principali terminali. Rientrato anche Lebron James, sfrutta tutta la sua fisicità per avvicinarsi il più possibile al canestro, segnando più volte nel pitturato. Sul “long two” di Bazemore sulla sirena, si va al riposo lungo in perfetta parità.

 

Proprio di fronte a Mayweather seduto in prima fila, Lebron si infortuna leggermente alla caviglia già malconcia dalla serie contro i Bulls. Korver segna la prima tripla della sua serata e la partita procede punto a punto, come se le due squadre fossero due pugili che si studiano l’un l’altro senza iniziare la vera e propria schermaglia. J.R Smith è in serata, segna altre due triple nel giro di 20 secondi propiziando una “mini fuga” Cavs; un altro importante fattore è il lavoro a rimbalzo offensivo fatto da Thompson, presentissimo sotto le plance. Bazemore prova a suonare la carica con una schiacciata che posterizza lo stesso Thompson, ma il solito JR Smith segna subito per il +7 Cavs. Hawks col 24% dal campo nella frazione.

 

Smith continua a crivellare di triple il canestro degli Hawks, che non sanno letteralmente più a che santo votarsi anche in attacco, scivolando a -15 dopo un minuto. Se in uscita dal time out gli Hawks sembrano poter capitolare definitivamente, segnano invece un parziale di 7-0. Ma è un fuoco di paglia, la difesa Cavs e gli attacchi di un riposato Lebron James creano un solco notevole tra le squadre. Purtroppo, durante un contropiede, il ginocchio sinistro di Demarre Carroll cede di schianto, costringendo l’ex Jazz a uscire definitivamente dalla partita e probabilmente dalla serie. Al posto di Carroll entra un motivatissimo Bazemore, che con giocate energiche spinge i suoi al forcing finale, chiuso però da Lebron James con luna tremenda schiacciata per il +7 a 30 secondi dal termine.

Brutta sconfitta per gli Hawks, che perdono partita e soprattutto Demarre Carroll, che in questi Playoffs era stato sontuoso, forse per il resto della serie.

 

Cavaliers: James 31, Smith 28, Thompson 14 (10 rimbalzi), Mozgov 10 (11 rimbalzi), Irving 10, Shumpert 4, Dellavedova, Jones.

 

Hawks: Teague 27, Horford 16, Millsap 13, Bazemore 10, Korver 9, Schroder 6, Carroll 5, Muscala 2, Brand 1, Antic.

 

Key Stat: i punti dalla panchina (28 contro 18) e i rimbalzi offensivi (12 contro 7) sono a favore dei Cavs.

 

MVP: J.R. Smith, serata da ricordare per l’ex Knicks, con 8 triple su 12 a bersaglio (record di franchigia) e career high nei Playoffs (28 punti, con 8 rimbalzi e 3 assist)

Losing Factor: fino all’infortunio era mancato l’apporto offensivo di Demarre Carroll (5 punti con 2/7 dal campo in 35 minuti).

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy