NBA Playoffs Inside, Finals, Gara 1: Iguodala guida i Warriors alla vittoria in Overtime sui Cavaliers

NBA Playoffs Inside, Finals, Gara 1: Iguodala guida i Warriors alla vittoria in Overtime sui Cavaliers

http://warriorsworld.bayareaballllc1.netdna-cdn.com

Cleveland Cavaliers @ Golden State Warriors 100-108 OT (29-19, 22-29, 22-25, 25-25, 2-10)

NBA Finals, finalmente. Alla Oracle Arena si gioca la prima partita tra Golden State Warriors e Cleveland Cavaliers.

La partita come si poteva immaginare, è decisamente tesa e la tensione la fa da padrone sin dall’inizio. L’intensità di Tristan Thompson è fondamentale sotto canestro per i Cavs, oltre al talento cristallino di un LeBron James in formato MVP. L’intensità è altissima alla Oracle Arena e il primo mini parziale è a favore degli ospiti che con una tripla di Irving si portano sul 16-11. I Warriors hanno una difficoltà pazzesca nel segnare dal campo, e i Cavs volano sul +13 (26-13) con un parziale di 17 a 2 sfruttando una percentuale pessima dei padroni di casa ( 4 su 19 dal campo). Andre Iguodala chiude il quarto iniziale con una schiacciata che permette a Golden State di chiudere sotto di 10 lunghezze, 29-19.

Il secondo quarto parte con un ottimo parziale 8-0 dei Warriors, guidato dalla panchina, in particolare da un ottimo Iguodala e dal rientrante Speights. Golden State ritorna a contatto dei Cavs, e da questo momento entra in partita l’MVP della stagione, Stephen Curry,  che con 8 punti di fila, di cui una tripla dall’angolo pazzesca è protagonista. Il quarto termina molto in equilibrio, con una tripla sulla sirena di JR Smith, che permette ai Cavaliers di chiudere il primo termine sopra di 3 punti, sul 51-48.

Al ritorno in campo dopo l’intervallo, la partita è decisamente equilibrata, ma come l’inizio di partita, i Cavs sono più attivi e concentrati dei padroni di casa. Guidati da un Irving caldissimo, con una tripla e un assist spettacolare per Mozgov,  i Cavaliers vanno sul +7. LeBron James è un uomo in missione contro tutti. È Golden State contro James. I Warriors rientrano in partita con un ottimo Barnes e un ritrovato Klay Thompson che permettono entrambi ai campioni della Western Conference di restare attaccati alla partita. LeBron è letteralmente scatenato e non si può fermare ( chiuderà la terza frazione con 31 punti). I Warriors ricevono tantissima energia dalla panchina, Ezeli a rimbalzo e in attacco è importantissimo, come Iguodala che è protagonista di una rubata a James e successiva schiacciata al termine del terzo quarto sul 73 a 73.

L’ultimo quarto inizia con un Andre Iguodala in gran forma, sia nella metà campo difensiva che in quella offensiva. A 7 minuti dalla fine, la partita è in perfetto equilibrio sul 82-82. Un mini parziale di LeBron James con 4 punti consecutivi permette ai Cavs di allungare sul 86-82. La partita è tiratissima e entusiasmante. Una tripla di Irving porta i Cavs sul +3, e subito dopo un contro parziale dei Warriors con 5 punti di fila di Thompson riporta avanti i Warriors.  La tensione si taglia col coltello alla Oracle Arena. Un arresto e tiro di Stephen Curry in faccia a LeBron James, e una tripla del prescelto fissano la partita sul 96-96 a un minuto dal termine dell’incontro. Nell’ultimo minuto ogni azione è fondamentale e decisiva per questa gara 1. Curry con un altro arresto e tiro porta avanti i Warriors, mentre nel ribaltamento successivo il 2 su 2 ai liberi di Mozgov (ottima partita per il russo) fissa il punteggio sul 98 pari a 30 secondi dal termine. Irving stoppa Curry con una grande azione difensiva, LeBron e Shumpert sbagliano il tiro della vittoria e quindi si va all’overtime.

Giustissimo l’overtime in una partita molto equilibrata e imprevedibile. Nei primi due minuti non si segna dal campo, con molti errori e confusione da entrambe le parti, poi entra in gioco Steph Curry. Con due giocate si guadagna 4 liberi in rapida successione, segnandoli tutti e portando avanti di quattro lunghezze i padroni di casa. A 2 minuti dal termine, Harrison Barnes segna la tripla del +7 che chiude la partita per i Warriors. Esce dal campo Kyrie Irving, molto dolorante al ginocchio, in serio dubbio per gara 2. La partita termina con i liberi Green, fondamentale con la sua energia insieme a Speights nel primo tempo e Barnes in tutta la seconda frazione, Overtime incluso.

Grande inizio delle finali, con i Warriors che si portano avanti 1-0, e nella notte tra domenica e lunedì, cercheranno un’altra vittoria sempre alla Oracle Arena.

Cavaliers:  James 44, Thompson 2 (15 rimbalzi), Mozgov 16, Shumpert 6, Irving 23, Smith 9, Jones 0, Dellavedova 0.

Warriors: Barnes 11, Green 12, Bogut 4, Thompson 21, Curry 26, Iguodala 15, Livingston 4, Ezeli 5, Barbosa 2, Speights 8.

MVP: Andre Iguodala. Decisamente l’MVP che non ti aspetti. Fondamentale apporto di Iguodala in difesa e in attacco, dove recita un ruolo fondamentale in questa vittoria. Nota di merito anche per Barnes fondamentale per i Warriors.

Key Stat: Grande prestazione di squadra dei Golden State Warriors. Non c’è stato un vero leader, ma le prestazioni di Iguodala, Barnes oltre a quelle delle solite stelle Curry e Thompson sono state decisive. Di grandissima importanza l’energia in campo di Draymond Green e anche di Speights dalla panchina importantissimo nel primo tempo, nel momento di massima difficoltà dei Warriors.

Losing Effort: La panchina dei Cavs è stata inesistente. Qualche minuto per Dellavedova, fondamentale nelle serie precedenti, poco o nulla da Jones con 0 punti. In attacco senza LeBron è notte fonda per i Cleveland Cavaliers, troppo dipendenti dal prescelto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy