NBA Playoffs Inside, Gara 2: Thompson e i Warriors soffrono ma vincono, è 2-0 sui Pelicans

NBA Playoffs Inside, Gara 2: Thompson e i Warriors soffrono ma vincono, è 2-0 sui Pelicans

New Orleans Pelicans @ Golden State Warriors 87-97 (28-17; 52-55; 71-71)

Golden State conduce la serie 2-0

basket-infos.com

Buona anche la seconda per la squadra di Steve Kerr. I suoi Warriors si sono portati avanti 2-0 nella serie contro New Orleans con questa sofferta ma meritata vittoria nella cornice della Oracle Arena.

I Pelicans partono aggressivi, creando subito un discreto parziale a inizio gara ispirato da Gordon e Davis, ma GS resta a contatto con le triple di Curry e Green. Dopo il timeout e qualche schermaglia dalla distanza, è sempre Anthony Davis a crearsi un parziale di 6-0 che dà una cospicua vetta ai propri compagni, un 26-15 che sa già di campanello d’allarme per Kerr. Il primo periodo si spegne sui due punti di Barbosa, coi Warriors sotto di 11.

E’ tutta un’altra Golden State quella che torna in campo nel secondo quarto. In cinque minuti, grazie a un parziale positivo firmato dall’asse Iguodala-Speighs, dimezza lo svantaggio portandosi a solo cinque distanze dalla lead. Sebbene i Pelicans si oppongano con valore alle offensive della Bay Squad, ecco un terribile 9-0 firmato da un and-one di Curry e due triple di Thompson. La tripla di Evans ridà la vetta ai Pelicans, ma l’inerzia della gara è inesorabilmente passata nelle mani dei Warriors. A nove secondi dalla fine del primo tempo, Curry segna una tripla: si va all’intervallo sul risultato di 52-55 per i padroni di casa.

I Warriors rientrano in campo con l’obiettivo di allungare il passo e ci riescono, obbligando ad un timeout di emergenza Williams, ma Gordon e Davis riescono a riprendere in mano la gara riallontanando i desideri di fuga dei Warriors. Sul layup di Davis si ristabilisce la parità sul 71 pari, prima della terza sirena.

Nel quarto quarto, Golden State riesce a chiudere la pratica utilizzando la maggiore freddezza ed esperienza playoff, ma soprattutto per merito di un favoloso Thompson che segnandone 12 solo nel finale di gara si sostituisce a Curry come “salvatore della patria” chiudendo una partita da ovvio MVP fatturando 26 punti frutto di una grande prova al tiro. Le possibilità che New Orleans trovi almeno una vittoria nelle prossime due gare è ancora alta, vista la capacità dimostrata da Davis e compagni di riprendere con veemenza le varie fughe dei padroni di casa nelle prime due gare.

Pelicans: Davis 26 (10 rimbalzi), Gordon 23, Evans 16 (10 rimbalzi e 7 assist), Cole 11, Anderson 4, Pondexter 3, Cunningham 2, Asik 2 (13 rimbalzi), Ajinca

Warriors: Thompson 26, Curry 22, Green 14 (12 rimbalzi), Barbosa 12, Speights 5, Barnes 5, Bogut 5 (14 rimbalzi), Iguodala 5, Livingston 3, Ezeli

MVP: Klay Thompson, autore di 26 punti frutto di un 11-17 al tiro, decide la partita con 12 punti in crunch time, dimostrando una caldissima mano anche quando il pallone scotta.

Losing Factor: Quincy Pondexter, nonostante sia uno dei pochi sul perimetro a difendere dignitosamente, in attacco spadella mica da ridere: 1-8 dal campo e solo 3 punti a referto.

Key Stat: in una gara dove il tiro fatica ad entrare, ecco che i rimbalzi in attacco diventano: il risultato premia la squadra che ne ha presi di più, i Warriors con 14.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy