NBA Playoffs Inside, II Turno Est, Gara 3: Rose fa impazzire Chicago sulla sirena, Bulls avanti

NBA Playoffs Inside, II Turno Est, Gara 3: Rose fa impazzire Chicago sulla sirena, Bulls avanti

Commenta per primo!

Cleveland Cavaliers @ Chicago Bulls 96-99 (24-18; 49-47; 73-74)

Chicago conduce la serie 2-1.

www.cbc.ca

In gara 1 i Bulls non erano mai stati sotto nel punteggio. In gara 2 i Cavs avevano risposto guidando dall’inizio alla fine. Questa notte è stata completamente un’altra partita, tirata dall’inizio alla fine, con sorpassi e contro-sorpassi continui, giocata a un livello di intensità inverosimile, che ci ha regalato un finale strappalacrime. Rose si è caricato la sua città sulle spalle, quella che lo ha aspettato in questi due anni di continui infortuni, quella che gridava forte a tutta l’America che il vero MVP era il loro beniamino, nonostante tutto. E l’MVP del 2011, dopo aver giocato un secondo tempo mostruoso, regala ai suoi tifosi una gara3 importantissima con una tripla sulla sirena.

J.R Smith torna disponibile per i Cavs dopo la squalifica, ma si accomoda in panchina lasciando spazio al sempre più convincente Shumpert nello starting five. I primi due minuti sono pieni di errori dal campo, con LeBron che schioda lo 0-0 a 2’11’’ con due tiri liberi. Chicago prova una mini fuga con la tripla di Dunleavy al 6’ che regala il +4 ai Bulls (11-7).

Il vantaggio dei padroni di casa regge fino a 3’ dalla fine del quarto, quando Gibson schiaccia l’assist di Rose per il 15-13. Cleveland si sveglia e piazza un parziale di 11-1 (con tre triple di James, Jones e Dellavedova) prima che Gibson chiuda il quarto, con un layup su rimbalzo in attacco, sul 18-24.

Nel secondo parziale Mirotic prova a dare la scossa ai suoi segnando 8 dei 10 punti che riavvicinano Chicago sul 28-30 al 17’. James e la tripla di Irving provano a dare uno strattone alla partita (35-28), ma Chicago risponde prontamente con un 7-0 firmato Rose e Dunleavy che restituisce la parità sul 35-35. Una tripla di Mirotic (11 punti nel quarto) e Dunleavy (10 punti nel quarto) danno il nuovo vantaggio ai Bulls sul 44-40, prima che una tripla di Dellavedova mandi gli ospiti in vantaggio all’intervallo.

Nel terzo quarto si alza il livello di intensità, il pubblico si scalda e la partita è bellissima. Prima Chicago si riprende il vantaggio con Butler sul 56-55, poi Cleveland piazza un 10-3 di parziale, che gli regala 6 punti di vantaggio sul 65-59 al 31’. Gasol si infortuna alla mano, ma Chicago non ci sta e, sorretta da Butler e Rose, trova il nuovo vantaggio sul 66-65 con un tiro libero di Gibson. Jones risponde con la tripla del controsorpasso, prima che Dunleavy chiuda il periodo sul 74-73.

L’ultimo periodo è uno spot per il Basket. Gasol non rientra più e Rose e Butler si prendono tutte le responsabilità, diventando gli unici realizzatori (eccezion fatta per 2 liberi di Gibson) del quarto per i padroni di casa. Si segna poco, le difese sono asfissianti. Chicago prova a scappare sull’82-77 a 8’ dalla fine, ma Thompson e una tripla di J.R. riportano i Cavs in parità sull’82-82. Rose da il nuovo +5 (89-84) ai suoi ma LeBron con due fade-away perfetti riporta i suoi a un solo punto di svantaggio (88-89) a 3’32’’ dalla fine. Rose va forte al ferro procurandosi, e poi trasformando, due liberi per il 91-88. J.R. Smith, però, è ‘’on-fire’’ e regala una nuova parità ai suoi con la tripla del 91-91 a 2’’ dal termine. James, con 2 liberi, porta nuovamente in vantaggio i suoi sul 93-92 a 44’’ dalla fine dopo un 1/2 di Rose. Butler con una gran giocata firma il 94-93 con 33’’ restanti. Lebron attacca il ferro con decisione, ma il suo layup è fuori misura ed è costretto a commettere fallo su Gibson, che aveva catturato il rimbalzo. Il nativo di Brooklyn non trema dalla lunetta e regala il +3 ai suoi con 23’’ da giocare. Smith, ancora una volta regala la parità ai suoi con una stupenda tripla su assist di James.

Ci sono ancora 10 secondi da giocare, palla a Chicago. LeBron in pressione su Rose riesce a deviare il pallone mandandolo in fallo laterale con ancora 3’’ sul cronometro. Time out Thibodeau. Dunleavy rimette nelle mani di Rose, Gibson sale a portare il blocco e Rose con la tripla sulla sirena, di tabella, fa esplodere lo United Center di Chicago. I Bulls vincono gara3 e i tifosi cominciano a sognare.

Cavaliers: LeBron James 27 (14 assist e 8 rimbalzi), J.R. Smith 14, Irving 11, Dellavedova 10, Thompson 10 (13 rimbalzi), Jones 8, Mozgov 8, Shumpert 8.

Bulls: Rose 30, Butler 20, Dunleavy 16, Mirotic 12, Gibson 9, Gasol 6, Noah 4 (11 rimbalzi), Brooks 2.

Key stats: il secondo tempo della coppia Rose-Butler. Nella prima parte di gara mettono a referto 9 punti complessivi. Nella seconda parte ne segnano 41, dominando da soli l’ultimo quarto. Butler aggiunge anche tanta difesa.

MVP: Derrick Rose; parte male nel primo tempo, poi gioca una seconda parte di gara da sogno. 24 punti nel secondo tempo, 14 nell’ultimo quarto, 7 rimbalzi, 7 assist, 10/26 dal campo, 9/10 dalla lunetta e il Buzzer beater finale. MVP is back.

Losing effort: Dopo 2 gare giocate a qualità altissima Kyrie Irving gioca una brutta gara 3, segnando solo 11 punti, con 3/13 dal campo, e non sfornando nemmeno 1 assist.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy