NBA Playoffs, I Turno, Gara 3 – Houston è viva, serie allungata

NBA Playoffs, I Turno, Gara 3 – Houston è viva, serie allungata

Grazie ad uno straordinario James Harden, gli Houston Rockets vincono gara 3 e portano la serie sul 2 a 1 contro i Golden State Warriors, privi ancora una volta di Steph Curry.

Commenta per primo!

Golden State Warriors @ Houston Rockets: 96-97 (18-31; 48-55; 72-78)

Ancora orfani di Steph Curry, gli Warriors confermano lo stesso starting 5 di gara 2, come gli stessi Houston Rockets, che riniziano l’incontro con Donatas Motiejunas nello spot di 4, dopo l’esperimento Corey Brewer in gara 1.

La partita inizia in maniera differente rispetto a quanto abbiamo visto alla Oracle Arena: James Harden parte subito forte e dimostra di avere totalmente un altro spirito, riuscendo ad attaccare il ferro con continuità sin dall’inizio, aiutando l’attacco dei Rockets, che riesce a segnare ben 31 punti nel primo quarto (14 firmati Harden), chiuso con un inaspettato vantaggio di 13 punti sui campioni in carica. Nel secondo periodo Houston non trova lo stesso apporto dalla sua stella, ma riesce comunque a guidare ancora l’incontro, toccando un vantaggio di ben 17 punti a 4 minuti dalla fine del quarto, prontamente ricucito dai Warriors a sette all’intervallo. Artefice della mini rimonta uno scatenato Mo Speights dalla panchina, autore di ben 14 punti.

Nel terzo quarto Harden e soci risalgono di nuovo in cattedra, ma Klay Thompson e Speights rispondono a suon di canestri, respingendo ogni tentativo dei razzi di costruire di un nuovo un significativo margine di vantaggio, e così i padroni di casa si affacciano agli ultimi 12 minuti avanti solo di 6 punti. Nell’ultima frazione di gioco le cose si fanno molto più complicate per Houston, perché Golden State non ha nessuna intenzione di allungare la serie, e decide quindi di giocarsi tutte le carte a disposizione, riscoprendo anche Ian Clark. Un suo floater a 1.25 dal termine porta gli Warriors in vantaggio per la prima volta nell’incontro dopo il 2-0 di inizio primo quarto. Houston non ci sta, e due tiri liberi di Micheal Beasley riportano i locali in vantaggio di uno, che incredibilmente sciupano l’occasione di andare in lunetta nel finale, perdendo palla dalla rimessa e regalando così a Ian Clark l’opportunità di andare a segnare con un layup i due punti del vantaggio Warriors. Vantaggio che dura ben poco, perché James Harden senza l’ausilio di un timeout, porta la palla nel pitturato avversario e con un classico stepback jumper porta i suoi avanti 97-96 a 02.07 dalla fine. Risultato che rimarrà tale perché Draymond Green nel possesso finale non controllerà il pallone ricevuto da Klay Thompson sulla rimessa, generando la palla persa decisiva per la sconfitta. Serie che quindi si allunga di una partita, nonostante lo sweep sembrasse ormai questione di tempo!

Warriors: Speights 22, Thompson 17 (8 rimbalzi), Livingston 16, Clark 11, Green 9 (7 assist, 7 rimbalzi), Barnes 9, Iguodala 7, Bogut 2, Ezeli 2, McAdoo 1.

Rockets: Harden 35 (9 assist, 8 rimbalzi), Motiejunas 14 (13 rimbalzi), Howard 13 (13 rimbalzi), Beasley 12, Beverley 10, Ariza 7, Terry 6.

Key Stats: Le 7 palle perse di Draymond Green, ma soprattutto le 0 triple messe a segno da Klay Thompson, che non è riuscito a sopperire all’assenza del suo splash brother.

MVP: James Harden, autore di 35 punti, 9 assist e 8 rimbalzi. Ci si aspettava una grande prestazione da lui per evitare lo sweep, ed è arrivata. Bellissimo il tiro nel finale di partita che regala la vittoria alla sua squadra!

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy