NBA Playoffs, Western Conf. Finals, Gara 5 – I Warriors non mollano: è 3-2

NBA Playoffs, Western Conf. Finals, Gara 5 – I Warriors non mollano: è 3-2

Stephen Curry e compagni tengono in vita la serie ed accorciano le distanze portandosi sul 3-2.

Commenta per primo!

Oklahoma City Thunder @ Golden State Warriors 111–120 (21-25, 50-58, 77-81)

I Golden State Warriors, nonostante qualche brivido, portano a casa meritatamente la loro seconda vittoria nelle Western Conference Finals, 120-111, sopravvivendo all’eliminazione

Con le spalle al muro, e l’Oracle Arena a sorreggerli, i Warriors iniziano la partita subito con grinta ed energia.
I Thunder vanno subito col quintetto piccolo, complici i due falli veloci di Adams, e tirano malissimo a inizio partita, 4/21 in otto minuti, piombando anche sul 19-10 per effetto di un tap-in di Green. È ossigeno per OKC un parziale di 3-9 guidato da Durant, che limita i danni in chiusura di primo quarto (25-21). 

Secondo periodo che parte subito con protagonisti inaspettati: da una parte due giochi da tre punti e una tripla di Speights tengono avanti Golden State, dall’altra arrivano sette punti di Morrow, scongelato da Donovan e implacabile al tiro. Ben presto, però, ecco i giocatori più attesi: è Steph Curry il più pronto a risponder presente, siglando un parziale di 7-0 chiuso da un facile sottomano. Delirio all’Oracle, che esplode incitata dal suo MVP per il +8 Warriors: vantaggio che i californiani mantengono sino all’intervallo, resistendo alle folate di Durant e Westbrook. Tra i fattori, un ottimo Bogut e una difesa che toglie ritmo e continuità offensiva ai Thunder, casinisti quasi ai livelli della regular season.

Oklahoma City fa ordine dopo la pausa, accorciando il margine sino al 60-59, cinque punti di Ibaka e 4/4 di Durant dalla lunetta, effetto di un fallo di Green su tiro da tre con annesso tecnico (il quinto nella sua postseason). I Thunder vivono anche la felice illusione del sorpasso, con la tripla del 67-68 di Westbrook: si gioca a ritmi infernali, non senza errori, i Dubs sono più attivi sulle palle vaganti e da quelle trovano punti importanti firmati Green e Iguodala. L’equilibrio, difficilmente rintracciabile in questa serie, permane fino all’ultimo quarto. Miglior partenza dai blocchi, allo sprint finale, per Golden State: 8-0 di break, jumper di Livingston, triple di Iguodala e Barnes ed è 89-77. La panchina è fondamentale in questo frangente per la squadra della Baia, che trova altri punti-chiave da un gasatissimo Speights (96-83 a otto minuti dal termine). OKC torna a dire la sua trascinata sul 103-98 da Kevin Durant, che successivamente mette anche due liberi dopo uno spettacolare gioco da tre punti di Curry. Il tassametro per KD si ferma a 40, ma è il #30 di Golden State però a chiudere definitivamente la partita negli ultimi due minuti, in cui la difesa di casa prende il controllo della partita: 120-111 alla sirena. Serie sul 3-2 per i Thunder, ma la numero uno a Ovest è ancora viva.

Thunder – Westbrook 31, Roberson 6, Durant 40, Ibaka 13, Adams 8 (10 rimbalzi); Waiters, Foye 2, Kanter 1, Morrow 10, Mohammed.

Warriors – Curry 31, Thompson 27, Barnes 6, Green 11, Bogut 15 (14 rimbalzi); Livingston 6, Iguodala 8, Varejao, Speights 14, Ezeli 2, Barbosa.

Key Stat: 48-30 il conto dei punti nel pitturato per Golden State, una curiosa inversione di tendenza. Di questi una buona parte arrivano dai lunghi: Bogut e Speights combinano per 29 punti, dato irreale se si guarda alle medie nella serie. Fondamentale per i Warriors avere qualcosa dai lunghi perché poterseli permettere equivale anche a non andar sotto a rimbalzo: 45 pari, di questi ben 14 sono dell’Aussie.

MVP: Steph Curry non gioca una partita indimenticabile, è fuori al momento del parziale pesante d’inizio ultimo quarto e sbaglia diversi tiri, ma chiude a 31 con 7 rimbalzi e 6 assist. Nel finale, è glaciale dalla lunetta (10/10, percorso netto) e puntuale in difesa, dove riesce a tener botta anche contro Durant, quando dirottato sul 35 dal cambio difensivo. Non è ancora il miglior Steph, ma a Kerr può bastare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy