NBA Recap Inside: buona la prima per Cavs, Spurs e Blazers, ko Warriors

NBA Recap Inside: buona la prima per Cavs, Spurs e Blazers, ko Warriors

Il riassunto della prima notte della stagione

New York Knicks @ Cleveland Cavaliers 88-117 (18-28 45-48 64-82)

Nel giorno del cerimoniale degli anelli, partita combattuta fino all’halftime. Tornati dagli spogliatoi, LeBron James (che ha chiuso con una tripla doppia) allunga con due schiacciate seguite da un tiro dall’arco di Irving e Love portando la contesa sul 74-53 e chiudendo di fatto la partita.

Non sono bastati gli 11 punti di Anthony ad inizio ultimo quarto ed i 16 di Porzingis per arginare i padroni di casa che, in attesa dell’inizio delle World Series tra i cugini Indians e i Chicago Cubs, hanno celebrato nel migliore dei modi la consegna degli anelli.

Cavaliers (1-0): Irving 29, Love 23 (12 rimbalzi), James 19 (14 assist, 11 rimbalzi), Jefferson 13, Smith 8, Frye 6, Jones 5, Liggins 4, Dunleavy 4, Andersen 2, McRae 2, Shumpert 2, Thompson.

Knicks (0-1): Anthony 19, Rose 17, Porzingis 16, Holiday 8, Jennings 7, Kuzminskas 7, Baker 5, Hernangomez 4, Thomas 2, O’Quinn 2, Vujacic 1, Lee, Noah.

MVP: LeBron James inizia da dove ha lasciato, guida la squadra come ormai è suo solito e domina in lungo e in largo.

nba.com

Utah Jazz @ Portland Trailblazers 104-113 (26-26 46-54 83-79)

I Blazers (streak vincente di 16 partite negli openers) rimontano nell’ultimo quarto con la ditta Lillard & McCollum.

Sotto 102-99 a 5 minuti dalla fine, McCollum mette assieme 5 punti per il sorpasso e Lillard con un viaggio perfetto in lunetta e una tripla porta il punteggio sul 109-102 a un minuto dalla fine chiudendo di fatto i giochi.

Nonostante l’infermeria piena (che vede nomi importanti come Hayward, Favors e Burks), l’ottimo debutto di Joe Johnson (29 punti con 27 nel secondo tempo) e Rodney Hood hanno dato non pochi problemi ai padroni di casa che hanno preso il comando delle operazioni solo nel finale di gara.

Trailblazers (1-0): Lillard 39, McCollum 25, Crabbe 18, Vonleh 11, Aminu 9, Davis 6, Turner 3, Plumlee 2, Harkless, Leonard

Jazz (0-1): Johnson 29, Hood 26, Hill 19, Gobert 12 (14 rimbalzi), Lyles 5, Exum 5, Mack 4, Ingles 2, Diaw 2,Withey.

MVP: Lillard. Non ne molla mezza, rimane concentrato, mette la quinta e trascina i suoi.

sportal.co.nz

San Antonio Spurs @ Golden State Warriors 129-100 (31-20 64-46 97-77)

Se a Cleveland i Cavaliers vincono al debutto, Golden State viene saccheggiata della prima vittoria del nuovo corso dai sempreverdi Spurs alla prima partita dopo l’addio di Duncan.

Due career-high: i 35 di Leonard e i 20 di Jonathon Simmons, i 26+14 di Aldridge (che non gioca proprio come uno che sta per partire) ed i fan di Golden State abbandonano prima della fine la partita, evento più unico che raro.

Golden State ha mostrato a tratti un ottimo gioco ma gli Spurs hanno messo in campo un clinic sul movimento di palla della miglior specie il che, come poi ha fatto notare Steve Kerr, ha creato le principali difficoltà difensive alla squadra di Oakland.

Nonostante la disfatta, buona la partita di Durant, spesso l’unico faro offensivo di GS, soprattutto nel primo quarto dove dei 7 canestri di squadra 4 portano la sua firma, Curry ha sbagliato non poco dall’arco (così come Thompson) nonostante i suoi 26 punti mentre Green ha giocato la sua solida partita, compreso un tecnico per aver esultato battendosi i pugni dopo una schiacciata.

Warriors (0-1): Durant 27 (10 rimbalzi), Curry 26, Green 18 (12 rimbalzi), Thompson 11, Clark 5, McGee 2, West 2, Livingston 2, Iguodala 2, Pachulia 2, Varejao 1, Looney.

Spurs (1-0): Leonard 35, Aldridge 26 (14 rimbalzi), Simmons 20, Mills11, Ginobili 10, Parker 9, Lee 6, Bertans 5, Anderson 3, Gasol 2, Forbes, Laprovittola.

MVP: Leonard. Annulla chi capita dalle sue parti in difesa e realizza il suo career-high.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy