NBA Recap Inside: Curry da record, Oklahoma va giù a New Orleans

NBA Recap Inside: Curry da record, Oklahoma va giù a New Orleans

L’ennesima vittoria dei Warriors e l’ennesimo record di Steph Curry: una tripla a referto in 128 gare consecutive. Durant e Westbrook insaccano 76 punti insieme, ma non basta, i Thunder cadono a New Orleans. Bene i Celtics in casa contro Milwaukee, gli Spurs continuano la loro striscia di vittorie, Houston blocca la magia di Portland, i Brooklyn Nets si risollevano in casa dei Phoenix Suns.

Golden State Warriors @ Orlando Magic 130-114 (33-30, 59-63, 99-91)

Spettacolare. E’ uno dei pochi aggettivi che si potrebbe usare per descrivere la prestazione di Stephen Curry che, questa notte, contro gli Orlando Magic ha messo a referto ben 51 punti “facili”, ed eguagliato un nuovo record in NBA: 128 gare consecutive con almeno una tripla segnata.

Dopo un solo giorno dalla gara difficile disputata contro Miami, i Warriors tornano in campo, e i loro avversari, gli Orlando Magic, sembrano intenzionati ad infrangere la striscia di vittorie dei campioni in carica, ma Curry e compagni mettono subito le cose in chiaro nel primo tempo, dove trovano facili soluzioni di tiro in attacco ma concedono troppo in difesa a Evan Fournier e Elfrid Payton che ne approfittano. I Magic gestiscono bene il loro possesso e recuperano importanti rimbalzi offensivi, questo gli permette di condurre il match al termine del secondo quarto. Nella ripresa, però, Golden State non si fa trovare impreparata, e con il solito Steph Curry, praticamente immarcabile, chiude il terzo quarto con 24 punti e un tiro allo scadere da metà campo. Il punteggio si capovolge. Il pubblico di Orlando si alza in piedi e non può far altro che applaudire i 51 punti di Steph Curry e i Golden State Warriors che si portano in vantaggio di 15 punti a 5 minuti dal termine. 52a vittoria per i campioni NBA in carica.

Warriors (52-5): Curry 51, Speights 14, Green 12, Bogut 12, Barnes 10, Thompson 9, Barbosa 6, Varejao 5, Livingston 4, Rush 3, Looney 2, Iguodala 2, Clark.

Magic (25-31): Fournier 20, Gordon 19, Vucevic 17, Oladipo 14, Payton 12, Ilyasova 8, Watson 6, Jennings 5, Smith 5, Hezonja 3, Nicholson 3, Dedmon 2, Marble.

MVP: Niente da aggiungere, solo Steph Curry.

Key Stats: i Warriors tirano col 52 % da tre e col 60 % al tiro: pazzeschi. Buona la percentuale ai liberi di Orlando: 78 %. Golden State domina a rimbalzo con 42 contro i 37 della squadra di casa.

Boston Celtics @ Milwaukee Bucks 112-107 (35-25, 62-52, 88-73)

I Boston Celtics conquistano la 34a vittoria in questa stagione e la nona vittoria consecutiva contro i Milwaukee Bucks. Grande prestazione di Isaiah Thomas che segna 27 punti e colleziona 7 assist, non da meno i numeri dei Bucks e di Jabari Parker (22 punti e 6 rimbalzi) di Middleton (21 punti) e del solito Antetokounmpo (14 punti e 8 assist). I Celtics mantengono il vantaggio per tutto il match e la squadra ospite non riesce a dare lo sprint per tentare il sorpasso. Buona anche la prestazione di Crowder con 20 punti e 8 rimbalzi.

Celtics (34-25): Thomas 27, Crowder 20, Bradley 18, Johnson 15, Sullinger 14, Tuner 8, Jerebko 5, Smart 3, Zeller 2, Hunter.

Bucks (24-34): Parker 22, Middleton 21, Monroe 20, Antetokounmpo 14, Carter-Williams 12, Vaughn 5, Plumlee 5, Novak 3, Mayo 3, Ennis 2, O’ Bryant.

MVP: Isaiah Thomas, elemento fondamentale per i Celtics che non perdono in casa dal 6 gennaio.

Key Stats: Milwaukee ha una buona percentuale ai liberi: 76 %,  Boston scarseggia da tre con una bassa percentuale : 21 % ma, allo stesso tempo conquista rimbalzi importanti, ben 42 totali.

sportsworldreport.com

 

New Orleans Pelicans @ Oklahoma City Thunder 123-119 (35-32, 61-64, 89-87)

Serata dalle cifre incredibili per i Thunder, ma soprattutto per la coppia Durant-Westbrook: il primo insacca 32 punti con 23 tiri, tre triple e 14 rimbalzi; il secondo ne aggiunge 44 con 25 tiri, anche lui tre triple e 11/14 ai liberi. Increbile sì, ma non per il risultato finale. Quarta sconfitta in 7 partite per Oklahoma che, questa notte, non ha saputo reggere i Pelicans di Davis, addirittura mandando quattro giocatori sopra i 20 punti. Nonostante le assenza di Gordon e Asik, Davis  e Anderson hanno saputo gestire il match al meglio, aiutati soprattutto dai loro compagni Cole e Holiday, quest’ultimo decisivo con i suoi tiri liberi, regala la quinta vittoria nelle ultime sette partite ai suoi New Orleans Pelicans.

Pelicans (23-34): Davis 30, Anderson 26, Holiday 22, Cole 21, Douglas 12, Cunningham 10, Ajinca 2.

Thunder (41-17): Westbrook 44, Durant 32 (14 rimbalzi), Ibaka 15, Waiters 8, Adams 8, Kanter 8, Foye 4.

MVP : Anthony Davis. 3o punti in questo match, trascina i suoi Pelicans alla vittoria.

Key Stats: I Pelicans tirano col 60 % da tre e col 95 % ai liberi. I Thunder vanno bene al tiro col 55 %, nota dolente nelle palle perse: 14.

 

bleacherreport.com

Le altre gare

San Antonio Spurs @ Utah Jazz 96-78 (18-23, 39-35, 65-57)

Spurs (49-9): Leonard 29, Parker 16, Aldridge 15, Duncan 14 (11 rimbalzi), Mills 11, West 6, Simmons 3, Diaw 2, Green, Anderson, Butler, McCallum, Marjanovic.

Jazz (28-29): Favors 25, Hood 12, Hayward 11, Mack 8, Gobert 8, Burke 5, Booker 5, Neto 4, Johnson, Ingles, Lyles.

Brooklyn Nets @ Phoenix Suns 116-106 (34-29, 66-45, 90-71)

Nets (16-42): Bogdanovic 24, Young 18, Brown 16, Sloan 13, Lopez 12, Ellington 12, Larkin 11, McCullough 4, Karasev 3, Robinson 2, Reed 1.

Suns (14-44): Teletovic 30 (11 rimbalzi), Price 16, Len 13, Chandler 12 (11 rimbalzi), Booker 12, Pressey 10, Tucker 7, Leuer 4, Jenkins 2, Goodwin, Weems, Humphries (10 rimbalzi).

Houston Rockets @ Portland Trail Blazers 119-105 (28-34, 49-64, 86-93)

Rockets (29-29): Harden 46, Howard 19 (13 rimbalzi), Beverley 14, Terry 11, Brewer 10, Ariza 6, Smith 4, Harrell 4, Jones 3, Lawson 2, McDaniels. Blazers (30-28): Lillard 23, McCollum 20, Henderson 13, Aminu 13, Harkless 11, Davis 6 (12 rimbalzi), Crabbe 4, Leonard 3, Vonleh 2, Roberts.

 

di Francesco Postiglione e Leonardo Zeppieri

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy