NBA Recap Inside: Curry di un altro pianeta, Boston trionfa sugli Heat

NBA Recap Inside: Curry di un altro pianeta, Boston trionfa sugli Heat

Il recap della notte NBA.

Commenta per primo!

Miami Heat @ Boston Celtics 89-101 (26-18, 49-46, 70-72)

Il big match della Eastern Conference se lo aggiudicano i Celtics che battono gli Heat dinanzi al loro pubblico. Parte subito forte Miami che trova il canestro con continuità con Dragic a guidare il gioco. Dal secondo quarto si svegliano i Celtics che iniziano pian piano a rosicchiare punti fino ad arrivare al sorpasso nella terza frazione di gioco, con Miami che è calata durante tutto il corso del match. Nell’ultimo quarto gli Heat non ne avevano più e Boston ne ha approfittato per chiudere la gara con un parziale di 15-4 nel finale.

Heat (32-26): Winslow 6, Deng 11 (12 rimbalzi), Stoudemire 6, Wade 19, Dragic 21, Green, Whiteside 13 (15 rimbalzi), Richardson 11, McRoberts 2.
Celtics (35-25): Johnson 5, Crowder 14, Sullinger 12 (12 rimbalzi), Bradley 9, Thomas 12, Turner 14, Smart 15, Zeller 12, Jerebko 8, Rozier.

Key Stat: Gli Heat hanno perso ben 20 palloni a fronte degli 11 dei Celtics.

MVP: Evan Turner ha avuto un ottimo impatto sul match uscendo dalla panchina. Il tabellino finale recita 14 punti, 6 rimbalzi e 9 assist a dimostrazione di una prestazione completa.

 

i2.cdn.turner.com

Portland Trail Blazers @ Chicago Bulls 103-95 (21-21, 51-41, 79-73)

I Blazers sono in un ottimo periodo di forma e scappano dallo United Center con una vittoria, guidati dal solito Lillard. Dopo un primo quarto di equilibrio, Portland prova a fuggire chiudendo il primo tempo in doppia cifra di vantaggio. Al rientro dagli spogliatoi arriva la reazione di Chicago con Moore che sale in cattedra e realizza 15 punti nel terzo quarto, portando i Bulls ad accorciare le distanze. Nell’ultima frazione di gioco, nonostante i tentativi di impattare il match dei Bulls, Portland riesce a mantenere un buon vantaggio e conquista la W.

Blazers (31-28): Aminu 2, Vonleh 5, Plumlee 16, McCollum 6, Lillard 31, Crabbe 11, Leonard 8, Henderson 13, Davis 9, Harkless 2.
Bulls (30-28): Dunleavy 13, Gibson 7, Gasol 22 (16 rimbalzi e 14 assist), Snell, Moore 19, McDermott 18, Portis 10 (16 rimbalzi), Holiday, Brooks 6, Felicio.

Key Stat: La panchina dei Blazers è stata più prolifica portando in dote 43 punti, mentre quella dei Bulls ne ha realizzati 34.

MVP: Damian Lillard si è caricato ancora una volta sulle spalle la squadra. Chiude con 31 punti, 4 rimbalzi e 4 assist.

 

cdn2.vox-cdn.com

San Antonio Spurs @ Houston Rockets 104-94 (26-11, 25-20, 25-26)

50° vittoria stagionale per i San Antonio Spurs che espugnano Houston e conquistano la 5°vittoria consecutiva che consolida ulteriormente la seconda piazza in Conference e in lega dietro solo ai Golden State Warriors. Gli Spurs iniziano subito la gara al comando e chiudono sopra di 15 il primo parziale, divario che si allarga ulteriormente in apertura del secondo quarto grazie ad un parziale di 8-2 che manda i neroargento sul 34-13; i Rockets cercano di rimettere in piedi la partita, ma San Antonio è cinica e grazie ad un altro parziale di 13-4 va all’intervallo su un rassicurante +20 (51-31). Nel secondo tempo Houston piano piano si avvicina alla banda di Popovich e raggiunge il -13, ma gli Spurs non si spengono e riescono ad allungare fino al +19 (82-63). Da questo momento San Antonio ha sempre le redini del match e vince sul +10.

Spurs (50-9): Leonard 27, Aldridge 26 (16 rimbalzi), Parker 15, Anderson 11, Duncan 6, Green 8, West 6, Mills 2, Diaw 3, Simmons, Marjanovic, Butler, McCallum.
Rockets (29-30): Harden 27, Brewer 15, Terry 15, Howard 11 (14 rimbalzi), Ariza 8, Smith 2, Beverley 8, Motiejunas 2, Jones 2, Lawson 2, Harrell, McDaniels 2.

Key Stat: San Antonio prevale su ogni aspetto dal gioco, specialmente al tiro (49% contro il 42% dal campo e 42% contro il 32% dalla lunga distanza dei Rockets).

MVP: LaMarcus Aldridge domina sotto i tabelloni con 26 punti e 16 rimbalzi dove vince il duello contro Dwight Howard.

 

ilpost.it

Golden State Warriors @ Oklahoma City Thunder 121-118 o.t. (20-30, 26-27, 32-26, 25-20)

Nella gara attesissima tra 1° e 3° forza della Western Conference i Golden State Warriors escono ancora vincitori grazie al solito Curry, autore del canestro decisivo, e al solito Green. Golden State aveva già battuto Westbrook e compagni il 6 febbraio e proverà a vincere di nuovo il prossimo giovedì. La partita è sempre in mano ai Thunder con Golden State che passa in vantaggio per la prima volta solo a 1:22 dalla sirena del 3° periodo grazie alla tripla di Stephen Curry. A questo punto, grazie soprattutto a Enes Kanter, Oklahoma City arriva fino al +11 (98-85), ma Golden State rimonta un’altra volta e grazie ai liberi di Iguodala pareggia con due tiri liberi a 0,07 secondi dalla sirena finale dopo il canestro di Klay Thompson che aveva permesso a Golden State di restare in partita. L’overtime è un susseguirsi di canestri e controcanestri e Thompson con altri due tiri liberi a 29,5 dalla fine fissa il punteggio in parità sul 118-118, prima della tripla decisiva del solito Curry con 0,06 secondi sul cronometro che ammutolisce la Chesapeake Energy Arena.

Warriors (53-5): Curry 46, Thompson 32, Iguodala 12, Green 2 (14 rimbalzi e 14 assist), Barnes 6, Bogut 4, Barbosa 4, Varejao, Livingston 7, Speights 8, Rush.
Thunder (41-18): Durant 37 (12 rimbalzi), Westbrook 26 (13 assist), Ibaka 15 (20 rimbalzi), Kanter 11, Adams 10, Robartson 10, Waiters 7, Singler 2, Foye.

Key Stat: Da una parte gioca Steph Curry, dall’altra no, 129° partita di fila con almeno una tripla messa a segno e supera il record (fatto da lui stesso, ovviamente) di triple in una stagione arrivano a quota 288 con ancora 24 (!!) partite da giocare. Fin dove arriverà?

MVP: Ovviamente Curry, che segna il canestro decisivo e realizza 46 punti con un mostruoso 75% dal campo e il 75% da tre, conditi da 6 assist.

 

cdn.fansided.com

Le altre gare della notte:

 

Minnesota Timberwolves @ New Orleans Pelicans 112-110 (25-26, 45-56, 76-86)
Wolves (19-40): Wiggins 20, Dieng 12, Towns 30 (15 rimbalzi), LaVine 25, Rubio 9 (10 assist), Muhammad 8, Prince, Jones 7, Payne 1.
Pelicans (23-35): Cunningham 8, Anderson 31 (14 rimbalzi), Ajinca, Gordon 31, Cole 7, Gee 2, Holiday 20, Perkins 2, Douglas 4, Babbitt 5.

Detroit Pistons @ Milwaukee Bucks 102-91 (34-24, 59-49, 80-73)
Pistons (30-29): Harris 15, Morris 20, Drummond 15 (17 rimbalzi), Caldwell-Pope 12, Jackson 22, Bullock 8, Blake, Baynes 2, Hilliard 8, Harper.
Bucks (24-35): Antetokounmpo 8 (12 rimbalzi), Parker 13, Plumlee 10, Middleton 26, Mayo 9, Carter-Williams 8, Monroe 10, Vaughn, Novak 4, Ennis 3, O’Bryant III.

Memphis Grizzlies @ Phoenix Suns 106-111 (18-25, 46-54, 76-86)
Grizzlies (34-24): Barnes 16, Wright 6, Randolph 19, Hairston 4, Conley 19, Green 6, Chalmers 15, Carter 5, Andersen 4, Stephenson 12.
Suns (15-44): Tucker 17 (11 rimbalzi), Len 22 (16 rimbalzi), Chandler 7 (12 rimbalzi), Booker 15, Price 12, Pressey, Teletovic 18, Leuer 8, Jenkins, Goodwin 12.

Brooklyn Nets @ Utah Jazz 98-96 (20-22, 28-21, 22-18, 28-35)
Nets (17-42): Young 21, Lopez 19, Ellington 16, Sloan 10, Bogdanovic 8, Reed 7, Karasev 5, Larkin 4, Brown 4, Robinson 4.
Jazz (28-30): Hayward 27, Hood 15, Favors 13 (11 rimbalzi), Gobert 12 (19 rimbalzi), Mack 6, Booker 6, Ingles 6, Johnson 5, Neto 4, Lyles 2.

 

di Luigi Bocciero & Federico Ruta

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy