NBA Recap Inside: Curry trascina Golden State, Lakers in rimonta

NBA Recap Inside: Curry trascina Golden State, Lakers in rimonta

Spettacolo ed emozioni nel ritorno dell’NBA dopo l’All-Star break: Rockets battuti in rimonta a LA. Bene Golden State, gioia Bucks contro i Celtics

di Antonio Santarsiero

Alla Quicken Loans Arena di Cleveland, i Cavs prevalgono sui Phoenix Suns (la cui ultima vittoria risale ormai al 13/1): Cleveland si porta avanti con un secondo quarto da 32 punti e resiste al rientro di Phoenix piazzando un decisivo parziale di 14-2 a inizio ultimo quarto. Coach Drew recupera Love dopo una gara di assenza (per il #0 doppia-doppia da 16+11, 6/13 FG) e può godersi un ottimo Osman: per il turco solida prestazione da 19+5+5, con il 62,5% dall’arco (5/8). Bene anche Zizic (15+12), mentre in casa Suns non basta il solito Booker (30 punti e 7 assists, 10/20 FG). Prima presenza in quintetto-base per Oubre Jr, con Mikal Bridges relegato in second unit. Da segnalare il dominio sotto le plance da parte del frontcourt Cavs, con ben 41 rimbalzi difensivi (51 complessivi).

In una sfida decisamente più interessante della Eastern Conference, Philadelphia si impone sul parquet di casa contro i Miami Heat. Partita tirata, nella quale gli Heat spaventano a più riprese Simmons e compagni: un canestro di Wade porta Miami sul -1 nel finale di gara, ma i Sixers reagiscono con sangue freddo e un parziale di 8-3 che chiude la questione. Esordio in quintetto Sixers per Marjanovic al posto dell’infortunato Embiid: il serbo ex Clippers non fa complimenti e mette a referto una doppia-doppia da 19+12 (6/7 FG). Prima doppia-doppia in divisa Sixers anche per Tobias Harris (23+11, 8/15 FG), mentre la panchina di Philadelphia offre un contributo decisamente modesto (a parte il sempre utile McConnell: 5 assists e 3 rubate in 11 minuti). Negli Heat brilla la classe di Dwyane Wade: 19+4+6 da sesto uomo (8/18 FG). Non una gran serata dall’arco per entrambe le squadre (sensibilmente sotto il 30%).

Importante vittoria esterna per i Blazers sul campo dei Brooklyn Nets, nel giorno dell’esordio di Enes Kanter con la divisa di Rip City. Il turco parte dalla panchina e mette a referto 18 punti (+9 rimbalzi) in meno di 20 minuti, twittando anche la sua soddisfazione al termine del match (con tanto di frecciatina ai Knicks). Con un frontcourt così (mettiamoci anche un Nurkic da 27+12 con 3 stoppate e 10/15 FG), Portland può sognare in grande. Mano fredda per Lillard (solo 5/21 FG), che contribuisce comunque alla causa con 8 assists, mentre in casa Nets il quintetto-base è deludente: 2/9 dall’arco per Russell (14 punti e 8 assists per lui) e 0/3 per il fresco campione della gara da 3 punti ASG Joe Harris. Migliore il contributo della panchina, trascinata da Crabbe, Davis e dall’ex Napier.

Nel match di cartello della notte, i Bucks ottengono una soffertissima vittoria casalinga contro Boston. Dopo un avvio di marca Celtics, a regnare è l’equilibrio: nell’ultimo quarto gli ospiti si portano per due volte avanti con altrettanti canestri di Irving (22 punti complessivi, 9/27 FG), ma i Bucks non si scompongono: sul 95-95 è la tripla di Middleton (15+13, 5/14 FG) a dare la vittoria a Milwaukee. Ordinaria amministrazione per il candidato MVP Antetokounmpo, che ne mette a referto 30 (+13 rimbalzi e 6 assists, 11/19 FG), mentre fa il suo esordio con i Bucks Nikola Mirotic (8 punti in 14 minuti partendo dalla panchina). In casa Celtics è out Hayward per un fastidio alla caviglia; da segnalare la miglior prestazione stagionale di Horford (21+17+5, 8/21 FG) e il buon contributo di Brown dalla panchina. I Bucks blindano il primo posto a Est.

In una partita ad alto punteggio, i Golden State Warriors devono sudare le proverbiali sette camicie per avere la meglio sui Sacramento Kings. Match divertente ed equilibrato, nel quale Sacramento avrebbe anche la palla per mandare la partita all’overtime (ma Buddy Hield spreca); i Kings possono recriminare sulla serata non esaltante dei loro tiratori (solo 10/33 dall’arco, con 2/8 per lo stesso Hield e 1/4 per Bogdanovic). La copertina se la prende Bagley: 28+14 (8/19 FG) per la seconda scelta assoluta all’ultimo draft. Nulla di nuovo sul fronte Warriors: prestazione mostruosa per Steph Curry (36+6+7), con un incredibile 10/16 dall’arco. Bene anche Durant (28+9+4, 10/20 FG). Molto difficile trovare chi possa battere questi Warriors in post-season (ma non è una novità), mentre i Kings si confermano potenzialmente materiale da playoffs, per i quali rimangono in piena corsa (pur tra alti e bassi).

Infine, la cruciale vittoria dei Lakers in rimonta contro gli Houston Rockets. Un altro ampio vantaggio dilapidato da Houston (era già successo di recente contro OKC), che getta via un comodo +19 subendo addirittura un parziale di 45-20 a cavallo tra il terzo e l’ultimo quarto. Prosegue la striscia di trentelli di Harden (30+5+6, 11/24 FG), mentre Paul flirta con la tripla-doppia (23+10+9, 9/15 FG), allontanando le critiche sulla sua tenuta fisica (almeno per il momento). Primo tassello, dunque, della rincorsa dei Lakers all’ottavo posto a Ovest: la modalità playoff attivata da LeBron James (come dichiarato da lui stesso) si traduce in un non trascurabile 29+11+6 (11/23 FG) da parte del Re. Ingram non è da meno (27+13, 8/16 FG), mentre Kuzma è solido (18+6+5). Si rivedono in campo Hart e Chandler; out invece Muscala e il rookie Wagner. Da segnalare, in casa Rockets, il ritorno all’azione di Clint Capela (assente dal 13/1 per un infortunio al pollice): per lo svizzero oltre 33 minuti in campo e doppia-doppia (12+11, 6/9 FG).

Ecco i risultati nel dettaglio:

Phoenix Suns @ Cleveland Cavaliers 98-111 (CLE: Osman 19, Love 16, Zizic 15+12, Clarkson 15; PHO: Booker 30, Oubre Jr 23, Ayton 13)

Miami Heat @ Philadelphia 76ers 102-106 (PHI: Harris 23+11, Simmons 21, Marjanovic 19+12; MIA: Wade 19, Waiters 18, Olynyk 15)

Portland Trail Blazers @ Brooklyn Nets 113-99 (BKN: Crabbe 17, Davis 15+10, Russell 14; POR: Nurkic 27+12, McCollum 21, Kanter 18+9)

Boston Celtics @ Milwaukee Bucks 97-98 (MWB: Antetokounmpo 30+13, Middleton 15+13, Brogdon 15; BOS: Irving 22, Horford 21+17, Tatum 17+10)

Sacramento Kings @ Golden State Warriors 123-125 (GSW: Curry 36, Durant 28, Thompson 18; SAC: Bagley III 28+14, Hield 19, Fox 18)

Houston Rockets @ Los Angeles Lakers 106-111 (LAL: James 29+11, Ingram 27+13, Kuzma 18; HOU: Harden 30, Paul 23+10, Gordon 14)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy