NBA Recap Inside: DeRozan fa sognare i Raptors, vendetta Clippers ad Oklahoma

NBA Recap Inside: DeRozan fa sognare i Raptors, vendetta Clippers ad Oklahoma

Succede di tutto nella notte NBA: un super DeRozan continua a far volare alto i suoi Raptors mentre Chris Paul e compagni si vendicano dei Thunder.

Partite clou

Fonte foto: Toronto Raptors official Twitter
Fonte foto: Toronto Raptors official Twitter

Toronto Raptors @ Charlotte Hornets 113-111 (28-27; 58-44; 79-82)

I Raptors conquistano la loro seconda vittoria consecutiva e lo fanno sul campo dei sorprendenti Hornets, grazie ancora una volta a Demar DeRozan che continua a mantenere una forma smagliante mettendo a referto altri 34 punti. Per Toronto è stato ottimo l’apporto dalla panchina, che è risultata un fattore mentre per Charlotte un Kemba Walker sugli scudi chiude il match con 40 punti (con 7 triple) 10 rimbalzi e 6 assist, ma che non bastano per evitare la sconfitta ai suoi Hornets. Dopo un primo quarto equilibrato, i Raptors iniziano a bombardare dalla lunga distanza il canestro avversario nella seconda frazione di gioco e riescono ad allungare fino ad arrivare alla doppia cifra di vantaggio. Al rientro dagli spogliatoi la reazione degli Hornets è feroce e guidati dal duo Walker-Batum segnano 38 punti nel solo terzo quarto compiendo la rimonta e il sorpasso. Sull’onda dell’entusiasmo, Charlotte prova a chiudere definitivamente i giochi, ma con 8 punti negli ultimi 4 minuti DeRozan riporta in vantaggio i suoi portandoli al successo.

Raptors (6-2): Carroll 10, Siakam, Valanciunas 12, DeRozan 34, Lowry 19, Patterson 6, Joseph 12, Nogueira 10, Ross 8, Powell 2.

Hornets (6-2): Graham 2, Williams 10 (13 rimbalzi), Zeller 12, Batum 18 (10 rimbalzi), Walker 40 (10 rimbalzi), Hibbert 10, Belinelli 6, Kaminsky 8, Sessions 3, Hawes 2.

MVP: Demar DeRozan sforna l’ennesima prestazione da 30 o più punti ed è anche decisivo nel finale di partita.

Fonte foto: nba.com
Fonte foto: nba.com

Los Angeles Clippers @ Oklahoma City Thunder 110-108 (16-24; 34-26; 32-24; 28-34)

Arriva il riscatto per i Los Angeles Clippers che riescono dunque a vincere contro l’unica squadra che era riuscita, finora, a sconfiggerli. Il gap creato tra il secondo ed il terzo quarto fa la differenza e rende vana la rimonta finale tentata da Russell Westbrook e compagni. Il playmaker dei Thunder non brilla soprattutto a causa di un super Chris Paul in difesa che lo costringe a percentuali rivedibili (ciò nonostante è riuscito comunque a mettere a referto 29 punti e sfiorare una tripla doppia): se Atene piange, Sparta non ride ed anche il numero 3 della franchigia di LA non è particolarmente ispirato al tiro. A fare la differenza sono le palle perse: 17 per la squadra di casa, 10 per quella ospite. Brilla ancora Blake Griffin che è riuscito ad iniziare la nuova stagione dimenticando in fretta la precedente ma, più in generale, splendono i Clippers che dopo nove gare possono vantare un invidiabile record di 8-1.

Clippers (8-1): Mbah a Moute 7, Griffin 25, Jordan 12 (13 rimbalzi), Redick 16, Paul 17 (10 assist), Crawford 19, Rivers 7, Speights 4, Felton, Johnson 3.

Thunder (6-3): Roberson 13 (9 rimbalzi), Sabonis 12, Adams 6, Oladipo 18, Westbrook 29 (14 rimbalzi, 9 assist), Kanter 13 (11 rimbalzi), Christon 9, Abrines 3, Collison, Grant 5.

MVP: Blake Griffin. Chiude la sua serata con il 50% dal campo al quale aggiunge 6 rimbalzi, 3 assist e 2 palloni rubati. On fire.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy