NBA Recap Inside: Dirk supera Shaq, continuano a correre Warriors e Spurs

NBA Recap Inside: Dirk supera Shaq, continuano a correre Warriors e Spurs

Commenta per primo!

USAtoday.com
  Dallas Mavericks @ Brooklyn Nets 119-118 OT (32-26; 64-53; 81-87; 108-108) Serve un supplementare a Dallas per espugnare il Barclays Center. Nel giorno del sorpasso di Dirk a Shaq, serve proprio il tedesco a mettere il canestro decisivo a 19″ dal termine. In precedenza i Mavs avevano guidato anche con 16 punti di margine, salvo poi ritrovarsi anche a -11. Un “and one” di Barea – career high per lui – sembrava aver chiuso i conti a fine regolamentari, ma Young prima ha pareggiato da 3 e poi ha stoppato lo stesso portoricano a fil di sirena. Mavericks (16-13): Barea 32 (11 assist), Nowitzki 22, Matthews 17, Villanueva 14, Parsons 11, Pachulia 8, Felton 6, McGee 4, Jenkins 3, Powell 2 Nets (8-21): Young 29 (10 rimbalzi), Bogdanovic 17, Lopez&Johnson&Jack 13, Bargnani 12, Larkin&Ellington 7, Reed 5, Sloan 2 Key Stat: nonostante i Nets abbiano preso più rimbalzi (43-34, 15-5 in attacco), hanno tirato i liberi con un deprimente 6/14, lasciando per strada punti che si sono poi rivelati decisivi. MVP: Barea ne segna 32, massimo in carriera, con 11 assist, un rimbalzo ed una rubata. 8/13 da 2, 5/7 da 3 e 1/1 ai liberi.  
wbsbtv.com
  Detroit Pistons @ Atlanta Hawks 100-107 (26-27; 45-61; 67-82) Partita in cassaforte nel secondo quarto, dove gli Hawks dominano in lungo e in largo, tanto che a metà gara il tabellone recita +16 per i padroni di casa. La rimonta avviene nell’ultimo periodo, quando Drummond segna il -8 a 2′ dal termine, ma poi gli viene fischiata un’interferenza che regala un rassicurante +10 ad Atlanta. Pistons (17-13): Drummond 25 (12 rimbalzi), Morris 22, Jackson 19, Caldwell-Pope 12, Johnson 9, Ilyasova 5, Baynes 4, Tolliver 2, Hilliard Hawks (19-12): Teague 23, Millsap 18, Horford 15, Schröder 14, Splitter 11, Korver&Scott 9, Bazemore 8, Sefolosha, Patterson, Muscala Key Stat: anche qui la bassa percentuale ai liberi costa molto ai Pistons. 17/33 con Drummond a guidare la carretta con un rivedibile 7/18 MVP: Jeff Teague. 23 punti, 9 assist, 6 rimbalzi (4 in attacco), 4 rubate, tirando 10/16 da 2.   Memphis Grizzlies @ Washington Wizards 91-100 (18-25, 48-59, 65-81) Con un Wall così che, proveniente dai 19 assist contro i Kings, sforna un’altra doppia doppia che manda ben 6 Wizards sopra i dieci segnati. Gara in ghiaccio già a fine terzo periodo (65-81) che ha visto un tentativo di rimonta ospite negli ultimi 12′, ma alla fine Washington ha controllato senza problemi. Grizzlies (16-15): Je. Green 19 (12 rimbalzi), Barnes 2, Gasol 11, Lee 8, Conley 21, Randolph 16, Chalmers, Allen 5, Ja. Green 8, Carter 1. Wizards (13-14): Oubre Jr. 10, Dudley 11, Gortat 12 (12 rimbalzi), Temple 20, Wall 14 (14 assist), Sessions 16, Neal 5, Humphries 8, Blair 4. Key Stats: 3/17 da 3 per Memphis, 26-12 gli assist in favore dei padroni di casa. MVP: John Wall. 14 punti, 14 assist, 5 rimbalzi, una rubata ed una stoppata. Male al tiro (5/18) ma ha il merito di aver tenuto calde le mani dei suoi compagni, Temple su tutti, al terzo ventello di fila.  
NYdailynews.com
  New York Knicks @ Cleveland Cavaliers 84-91 (24-31, 50-55, 72-72) Cleveland vince senza necessariamente convincere contro dei Knicks sempre in partita nonostante l’assenza di Carmelo Anthony, assente a causa di un lieve infortunio rimediato nella partita contro i Magic nella notte di lunedì. La partenza dei padroni di casa è sicuramente migliore, grazie soprattutto a Kevin Love e Lebron James, i quali riescono a dare ai Cavs un vantaggio di 11 punti a cavallo tra primo e secondo periodo. I Knicks però non stanno a guardare e cavalcano come al solito il rookie lettone Porzingis il quale chiude con una tripla sulla sirena il secondo periodo facendo registrare già 16 punti con 7 rimbalzi a referto e riportando i Knicks sul -5. L’entusiasmo portato da Porz permette ai Knicks di chiudere la difesa e concedere solo 17 punti alla squadra di casa, con un LBJ da 0/2 dal campo, mentre il rookie dei Knicks cementa con ulteriori 4 rimbalzi e 7 punti la doppia doppia da 23 e 11 rimbalzi. Stavolta i Knicks fanno sul serio e riescono a pareggiare la contesa entrando nel terzo quarto. A 4’07’’ dalla fine il tiro in sospensione di Galloway regala il +2 Knicks, ma LBJ e compagni riescono a non concedere più niente e con i 9 punti del prescelto vanno a prendersi una vittoria non bella ma ottenuta con grande effort difensivo. Knicks (14-15): Porzingis 23 + 13 rimbalzi, Afflalo 16, Calderon 10, Lopez 8, Thomas 8, Williams 11, Galloway 4, Amundson 2, Grant 2, Early 0, Seraphin 0. Cavaliers (19-7): James 24, Love 23 + 13 rimbalzi, Mozgov 6, Irving 5, Smith 4, Thompson 10 + 14 rimbalzi, Shumpert 8, Dellavedova 7, Mo Williams 4, Jones 0, Jefferson 0. Key Stat: 1/7 dal campo e 2 turnover per i Knicks dopo il jumper del +2 di Langston Galloway a soli 4’ dal termine. MVP: LeBron James decide la partita come e quando vuole, e decide di farlo nel momento più difficile della partita, sull’82-80 Knicks a 4’ dal termine. Il prescelto totalizza 9 punti (sebbene con 43% dal campo) e prende in mano i compagni per vincere una partita che si era resa più complicata del dovuto.     Sacramento Kings @ Indiana Pacers 108-106 (30-27, 64-49, 84-82) Partita bellissima ad Indianapolis dove i Sacramento Kings prima scappano e poi vengono riacciuffati dai Pacers che per poco non riescono a sfilare la partita dalle mani dei californiani. La fuga di Sacramento arriva a cavallo tra secondo e terzo periodo, con il solito Rajon Rondo che mette in ritmo DeMarcus Cousins e l’ex di turno Darren Collison. Per Paul George, invece, il momento non è dei migliori e lo slump continua anche nella notte di mercoledì, con soli 12 punti in 19 tiri tentati. 7 di questi punti però arrivano nella rimonta del terzo periodo, con la quale Indiana rientra dal -15 e fa le prove di sorpasso, concretizzatosi sulla bomba di Monta Ellis che, a 2:05 dal termine, porta i padroni di casa avanti 106-104. I Kings, nonostante un Cousins da 25 e un Collison da 24, si affidano al jumper di Rudy Gay che pareggia la partita, prima dei due liberi di Cousins utili per il 106-104 finale. Si spegne sul ferro il tentativo di forzare l’Overtime di un Paul George piuttosto impreciso. Kings (12-16): Cousins 25 + 16 rimbalzi, Gay 19, Casspi 15 + 11 rimbalzi, Rondo 13 + 16 assist, McLemore 2, Collison 24, Belinelli 6, Koufos 4, Curry. Pacers (16-11): Ellis 21, Hill 20, Miles 20, George 12 + 10 rimbalzi, Mahinmi 9, Jordan Hill 14, Allen 6, Stuckey 4, Budinger. Key Stat: il dominio sotto le plance (38-49 la lotta a rimbalzo in favore Kings) porta a 13 second chance points gli ospiti, che hanno segnato 64 punti in pitturato e alla fine portato a casa un’importante vittoria. MVP: DeMarcus Cousins fa il suo solito in attacco e raccoglie il season high 16 rimbalzi, non riuscendo ad essere protagonista nel quarto quarto (solo due punti) ma indirizzando la partita sin dall’inizio. Da lui e Rondo passano molte delle speranze dei Kings di non essere protagonisti di un’altra stagione da anonimato.  
twitter.com
  Houston Rockets @ Orlando Magic 101-104 (33-27, 53-59, 74-87) Vincono per la quinta volta nelle ultime 6 uscite gli Orlando Magic, i quali riescono a tenere a bada dei Rockets che ritrovano Ty Lawson per allungare la striscia di 3 risultati consecutivi. Non sembra però questo il caso quando i Magic scappano nel terzo quarto dopo essere rientrati in partita nell’arco della seconda frazione. Il trio Payton-Harris-Vucevic mette a referto 20 punti nella terza frazione, riuscendo a portare la franchigia della Florida sul +13 a fine frazione. Harden però non ci sta e riporta i suoi in carreggiata dopo il parziale di 18-9 subito a fine 3° periodo; 10 dei suoi 31 punti sono a referto nell’ultima frazione, 5 dei quali nel 13-0 con il quale Houston si riporta sotto grazie alla schiacciata di Howard in chiusura di un 13-0 a favore dei texani. I 4 punti firmati da Harris e Fournier nel finale mantengono il possesso di vantaggio per i Magic, e il tiro del pareggio di Thornton non entra, regalando ai Magic una vittoria più faticosa del previsto entrando nel 4° periodo. Rockets (15-15): Harden 31, Howard 12, Capela 10, Ariza 8, Beverley 7, Lawson 11, Thornton 8, Jones 8, Brewer 4, Motiejunas 2. Magic (16-12): Vucevic 21, Harris 19, Fournier 17, Payton 12, Frye 10, Gordon 14, Smith 6, Nicholson 3, Hezonja 2, Oladipo. Key Stat: James Harden, 11 tiri liberi di media a partita, viene tenuto con solo 6 tentativi nella passata notte. MVP: Nikola Vucevic continua ad essere il leader offensivo della sorpresa della stagione 2015-16; 21 punti in 16 tiri sono l’ennesima prova di un talento offensivo sopra le righe che, in una squadra atletica e fresca, non può non fare estremamente comodo.   Le altre partite: Portland Trail Blazers @ New Orleans Pelicans 89-115 (23-26; 36-53; 65-80) Blazers (11-20): McCollum 19, Leonard 15, Crabbe 12, Henderson 11, Aminu 10, Vonleh 6, Davis 5 (12 rimbalzi), Montero 2, Frazier 1, Harkless, Connaughton Pelicans (9-19): Davis 28 (12 rimbalzi), Evans 24 (8 rimbalzi e 9 assist), Holiday 19, Anderson 13, Gordon 11, Gee 8, Cole 6, Asik 4, Babbitt 2, Cunningham, Smith, Douglas Denver Nuggets @ Phoenix Suns 104-96 (33-21; 56-50; 79-72) Nuggets (12-17): Foye 31, Arthur 19 (10 rimbalzi), Barton 17, Jokic 13, Faried 11, Papanikolau 9, Harris 4, Miller Suns (12-19): Knight 21 (10 assist), Price 20, Leuer 18 (10 rimbalzi), Bledsoe 9, Tucker 8 (13 rimbalzi), Morris 6, Goodwin&Warren 5, Teletovic 3, Chandler 1, Len
bleacherreport
Boston Celtics @ Charlotte Hornets 102-89 (29-21, 18-19, 27-22, 28-27) Celtics (16-13): Crowder 19 (12 rimbalzi), Sullinger 8 (10 rimbalzi), Olynyk 20 (9 rimbalzi), Bradley 18, Thomas 18, Lee 10, Turner, Hunter 7, Jerebko, Zeller 2. Hornets (15-13): Hairston 5, Williams 3, Zeller 7 (10 rimbalzi), Batum 17, Walker 10, Lin 12 (8 rimbalzi), Kaminsky 23, Hawes, Lamb 12, Hansbrough. Philadelphia 76ers @ Milwaukee Bucks 100-113 (18-35, 28-30, 24-27, 30-21) Sixers (1-30): Covington 9, Noel 11, Okafor 17, Sampson 9, Marshall 5, Thompson 16, Holmes 4, Canaan 10, McConnell, Grant 9, Landry 10. Bucks (12-18): Antetokounmpo 22, Parker 16, Monroe 11, Middleton 21, Carter-Williams 18 (9 assist), Mayo 4, O’Bryant III 6, Henson 2, Vaughn 3, Ennis 10, Inglis, Plumlee, Copeland.
wtop.com
San Antonio Spurs @ Minnesota Timberwolves 108-83 (28-16, 24-22, 25-23, 31-22) Spurs (25-5): Leonard 19, Aldridge 12, Duncan 2, Green 11, Parker 14, Ginobili 8, Diaw 6, Mills 6, West 13, Anderson 10, Simmons 3, Marjanovic 4, Butler. T’Wolves (11-18): Prince, Garnett 4, Towns 10 (11 rimbalzi), Wiggins 10, Rubio 9, Dieng 12, LaVine 17, Jones 6, Muhammad 15, Payne, Bjelica. Utah Jazz @ Golden State Warriors 85-103 (13-23, 25-24, 20-26, 27-30) Jazz (12-15): Hayward 8, Lyles 2, Favors 17 (9 rimbalzi), Hood 15, Neto 2, Burke 13, Booker, Burks 13, Ingles 6, Withey 9. Warriors (27-1): Rush 3, Green 15, Bogut 10 (13 rimbalzi), Thompson 20, Curry 16 (9 assist), Iguodala 9, Ezeli 6, Livingston 9, Barbosa 8, McAdoo, Clark 7. Oklahoma City Thunder @ Los Angeles Lakers 120-85 (27-17, 30-29, 35-15, 28-24) Thunder (20-9): Durant 21, Ibaka 17, Adams 6, Roberson 15, Westbrook 23, Collison 4, Waiters 2, Kanter 16 (11 rimbalzi), Augustin 2, Morrow 5, Payne 5, Singler 2, Novak 2. Lakers (5-24): Bryant 19, Nance Jr. 4, Hibbert 4, Williams 2, Clarkson 10, Sacre 10, Russell 18, Bass 4, Brown 2, Kelly 12, Huertas.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy