NBA Recap Inside: Doncic affonda i Rockets, disastro Bulls

NBA Recap Inside: Doncic affonda i Rockets, disastro Bulls

Altra notte di emozioni in NBA: lo sloveno guida Dallas al successo. Tutto facile per Boston e Lakers, cadono Nuggets e Clippers

di Antonio Santarsiero

Non c’è pace per gli Houston Rockets: la squadra di D’Antoni inanella la terza sconfitta esterna consecutiva al termine di un match tiratissimo sul parquet di Dallas. Partita decisa negli ultimissimi minuti di gioco: sul +8 Rockets sale in cattedra il talento di Luka Doncic, autore di 11 punti consecutivi (con 3 triple pesantissime) che regalano ai Mavericks il vantaggio decisivo. Per il sempre più probabile ROTY a referto 21 punti e 7 rimbalzi in 32 minuti di gioco (7/17 dal campo). Rockets sempre più soli al penultimo posto della Western Conference, nonostante i 58 punti combinati del duo Paul-Harden e la sedicesima doppia-doppia stagionale di Capela (12+13).

Importante successo casalingo per gli Indiana Pacers, che hanno la meglio sui Sacramento Kings grazie a un ultimo quarto da 34 punti. Per Indiana è la quarta vittoria nelle ultime 6 partite: un ottimo record, considerata l’assenza di Victor Oladipo. Nei Kings privi di Shumpert (a riposo, in quintetto Bogdan Bogdanovic) altra prova consistente di Fox (18 punti, 6 assists, 50% dal campo).

Risultato sorprendente alla State Farm Arena di Atlanta, dove i padroni di casa affondano niente meno che i Denver Nuggets. Le assenze stanno pesantemente condizionando la franchigia del Colorado: esordio stagionale in quintetto per Lyles, che sostituisce Millsap (infortunatosi a un dito del piede ieri notte a Charlotte). Ai Nuggets non bastano le doppie-doppie di Jokic (24+11) e di Hernangomez (17+10); negli Hawks brilla il talento di John Collins (30 punti, 12 rimbalzi, 12/20 dal campo).

Segnali di vita anche alla Quicken Loans Arena di Cleveland, dove i Cavaliers centrano il sesto successo stagionale ai danni degli Washington Wizards. Rotazioni ridotte all’osso per coach Larry Drew, che lancia in quintetto Burks al posto dell’infortunato Hood e relega Nance in second-unit (prima presenza in quintetto-base stagionale per Jaron Blossomgame). Negli Wizards rientra Wall dopo una gara di assenza, ma la sua prestazione è a dir poco deludente: solo 1 punto a referto per il #2 di Washington, con un incommentabile 0/5 dal campo in 26 minuti. Nuovo career-high per il rookie Collin Sexton, autore di 29 punti e 6 assists.

Seconda vittoria consecutiva per i Brooklyn Nets, che battono i Knicks nel derby della Grande Mela. Partita quasi sempre sotto controllo da parte dei Nets, trascinati da un eccellente Dinwiddie (25 punti e 6 assists con 10/17 dal campo partendo dalla panchina). Per i Knicks, ennesima doppia-doppia di Kanter (23+14) e mano fredda per la first option Hardaway Jr (7 punti, 2/12 dal campo). Ancora out per infortunio Trey Burke.

Imbarazzante crollo casalingo per i Chicago Bulls, ai quali non sembra aver giovato più di tanto il cambio di allenatore: allo United Center i Celtics ne fanno 133, centrando la quinta vittoria consecutiva. Brad Stevens lancia in quintetto Theis per sopperire alle contemporanee assenze di Horford e Baynes (doppia-doppia per l’ex Bamberg), con Jaylen Brown ancora relegato in second-unit. Nei Bulls è eloquente il dato complessivo dal campo: 31/81, con 6/24 dall’arco.

Tutto facile per i Lakers: LeBron James sfiora la tripla-doppia (20+8+9) nella vittoria esterna contro Memphis, in una gara ampiamente dominata dai gialloviola. Per i Lakers quinto posto a Ovest (sorpasso proprio ai danni del Grizzlies) e season-high di triple realizzate: ben 16 (39%). Per i padroni di casa un misero 34/84 dal campo, con 6/30 dall’arco.

Partita in bilico fino all’ultimo a Portland, dove i Blazers padroni di casa superano Minnesota grazie a un determinante parziale di 10-0 negli ultimi due minuti di gioco. Il mattatore di serata è sempre lo stesso: Damian Lillard (28+8+6 per Dame Dolla, con il 50% dal campo). Nei Timberwolves out Covington: in quintetto-base c’è Derrick Rose, con Jeff Teague a completare il backcourt. Doppia-doppia per Towns (19+10).

Infine, il risultato forse più sorprendente di serata: il crollo interno dei Clippers, sconfitti nettamente dai Miami Heat (con un ultimo quarto di 8-30). Prova convincente per gli uomini di Spoelstra, nonostante le assenze di Dragic, Richardson e Whiteside: in quintetto per l’occasione Winslow e Tyler Johnson, con Adebayo ancora da starting center. Nei Clippers assente Gortat, sostituito in quintetto da Marjanovic. Seconda doppia-doppia stagionale per Gallinari (12+10).

Ecco i risultati nel dettaglio:

Houston Rockets @ Dallas Mavericks 104-107 (HOU: Harden 35, Paul 23, Capela 12+13, Gordon 12; DAL: Doncic 21, Matthews 21, Barnes 14, Finney-Smith 14, Brunson 14)

Sacramento Kings @ Indiana Pacers 97-107 (SAC: Hield 20, Fox 18, Cauley-Stein 14; IND: Young 20, Bogdanovic 18, Sabonis 14, Collison 14)

Denver Nuggets @ Atlanta Hawks 98-106 (DEN: Jokic 24+11, Beasley 19, Hernangomez 17+10; ATL: Collins 30+12, Bembry 18, Carter 13)

Washington Wizards @ Cleveland Cavaliers 101-116 (WAS: Beal 27, Green 17, Porter Jr 15; CLE: Sexton 29, Thompson 23+19, Burks 14)

Brooklyn Nets @ New York Knicks 112-104 (BKN: Dinwiddie 25, Hollis-Jefferson 20, Crabbe 17; NYK: Kanter 23+14, Trier 15, Mudiay 13)

Boston Celtics @ Chicago Bulls 133-77 (BOS: Brown 23, Theis 22+10, Tatum 18; CHI: Harrison 20, LaVine 11, Payne 10)

Los Angeles Lakers @ Memphis Grizzlies 111-88 (LAL: James 20, Kuzma 20, Hart 16, Caldwell-Pope 16; MEM: Selden 17, Conley 12, Gasol 11, Jackson Jr 11)

Minnesota Timberwolves @ Portland Trail Blazers 105-113 (MIN: Wiggins 20, Towns 19+12, Rose 18; POR: Lillard 28, Nurkic 22+11, McCollum 19)

Miami Heat @ Los Angeles Clippers 121-98 (MIA: Wade 25, Winslow 21, J.Johnson 18; LAC: Harris 20, Williams 18, Gallinari 12+10)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy