NBA Recap Inside: GSW e Durant sono veramente troppo per questi Cavs

NBA Recap Inside: GSW e Durant sono veramente troppo per questi Cavs

KD segna 31 con un ultima decisiva tripla in faccia a Lebron: l’NBA ci ha insegnato ad aspettare la quarta vittoria ma ad oggi e’ veramente difficile anche solo pensare un colpo di reni dei Cavs.

Golden State Warriors @ Cleveland Cavaliers 118-113 (39-32, 28-29, 22-33, 29-19)

E’ probabilmente tutta la vita che Durant sogna di poter segnare il canestro che ha coronato questa sera: non e’ un tiro sulla sirena, uno di quelli che all’ultimo respiro cambia una partita e’ tuttavia il tiro che ha ucciso ufficiosamente le speranze di Lebron James e la sua squadra.

La partita e’ cominciata nel segno del duo made in Cavs: James e Irving finiranno rispettivamente con 39 e 38 punti, ma siccome il basket non e’ mai banale proprio dopo due loro sbagli e’ arrivato il tiro di Durant. Dopo la rimonta di GSW Irving sbaglia dalla sua classica mattonella ed ai Warriors son bastati quattro liberi segnati con 12 secondi da giocare a sancire la parola fine su una gara che, per come si era messa, avrebbe potuto riportare i fantasmi del passato alla baia.

E’ particolare notare come nelle prime due gare e’ stato il terzo quarto quello decisivo, il quarto in cui Golden State ha saputo imporsi e scappare, questa volta non e’ stato cosi’ anzi Cleveland ha terminato la frazione con un parziale, su quarto, di +11.

A fine gara James commentera’: “Non ho mai incontrato un volume di fuoco di questo tipo, squadre forti ma nessuno che tirasse cosi'”, chissa che non gli rodano le mani per lo 0/11 dell’uomo forse piu’ atteso dopo KD (da tutti ci si aspettavano conferme e garanzie, lui avrebbe potuto essere l’outsider): Deron Williams arrivato per potersi giocare le finale da terzo protagonista sbaglia tutto anche questa notte e vanta un poco rispettabile 0/11 nella serie.

Per gli ospiti gli splash brothers hanno saputo invece dare continuita’ alle loro prestazioni, combinando per 56 influiranno sensibilmente sulle percentuali da capogiro della serata: 48% da dentro e fuori l’area.

Notevole nella serata anche il passaggio di James nella classifica dei maggiori marcatori nelle finali di sempre: con 1175 supera in una singola serata Sam Jones Bill Russell ed Elgin Baylor ponendosi ad una sola distanza da sua maesta’ Michael Jordan.

MVP: Kevin Durant con 3 minuti da giocare ha voluto prendersi il momento che aspettava da anni, forse da una vita intera. The man.

Warriors: Green 8, Durant 31, Pachulia, Curry 26 (13 rimbalzi), Thompson 30, West 7, Barnes, McAdoo, Iguodala 7, McGee 1, McCaw 2, Livingston 6, Clark.
Cavaliers: Love 9 (13 rimbalzi), James 39 (11 rimbalzi), Thompson, Irving 38, Smith 16, Jefferson 1, Williams, Shumpert 2, Korver 8.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy