NBA Recap Inside: Harden butta la pasta, i Clippers si son destati e quante partite al limite!

NBA Recap Inside: Harden butta la pasta, i Clippers si son destati e quante partite al limite!

Nella notte NBA Harden dopo due OverTime vince contro Golden State, i Clippers mostrano di poter ancora dire la loro ma non solo!

Partite Clou

http://video.kwesesports.com/

Los Angeles Clippers @ Cleveland Cavaliers 113-94 (24-28, 34-22, 27-15, 28-29)

Appena arrivati alla Quicken Loans Arena i Cavaliers hanno ricevuto degli orologi commemorativi, uscendone la seconda sconfitta consecutiva grazie ad un parziale di 13-2 nel terzo quarto.
Sconfitta che, nonostante si presenti come prima vera tegola della stagione in casa dei campioni in carica, non sembra preoccupare il probabile Sportsman dell’anno Lebron James: “Due gare scialbe senza dubbio ma ora dobbiamo rimetterci in gioco; purtroppo non è come nel football dove hai modo di prepararti una settimana: domani avremo la possibilità di riscattarci!”.
Ottima partita per Redick da 23 punti, carrer high in assist per Griffin (ben 11!) e, nonostante qualche fallo di troppo ad inizio gara, Paul con 16 punti e 15 rimbalzi di DeAndre. Risposta non altrettanto forte da Cleveland che vede nel suo leader James ben 5 palle perse, Irving nonostante tutto riesce comunque a segnare 28 mentre i 16 punti di Love non sono bastati a garantirgli più di 25 minuti di gioco.
Finisce con una indubbia reazione di reni dei Clippers dopo una settimana di attacchi mediatici: now or never oppure ci saranno altre possibilità?

Clippers(15-5): Mbah a Moute 6, Griffin 13 (11 assist), Jordan 9 (15 rimbalzi), Paul 16, Redick 23, Pierce 4, Speights 8, Rivers 12, Felton 7, Anderson 3, Crawford 12.
Cavaliers(13-4): Love 16, James 16, Thompson 3, Irving 28, Smith 3, Frye 5, Andersen 2, Jefferson 12, Felder 2, McRae 3, Shumpert 4, Jones.

MVP: Alla reazione corale dei Clippers dobbiamo comunque assegnare il titolo di MVP univoco quindi J.J. Redick conquista l’ambito premio giornaliero dall’alto dei suoi 23 punti in 25 minuti.

https://d262ilb51hltx0.cloudfront.net/max/1920/1*dGWoUdcLQupQB9gfKMPU3Q.jpeg
https://d262ilb51hltx0.cloudfront.net/max/1920/1*dGWoUdcLQupQB9gfKMPU3Q.jpeg

Houston Rockets @ Golden State Warriors 132-127 2OT (32-30, 64-59, 86-82, 113-113. 123-123)
Partita al cardiopalma quella tra Rockets e Warriors, con la franchigia del Texas che, dopo due overtime, acciuffa la vittoria. I Rockets, guidati da Harden, sono al comando della partita sin dalle prime battute e chiudono in vantaggio i primi tre quarti: protagonista il solito Harden che chiuderà la partita con l’ennesima tripla-doppia stagionale. Nel quarto periodo però Golden State impatta sul 113 pari, grazie ad una coppia di liberi di Durant. Nel primo dei due overtime i Rockets cercano di chiuderla e a 30 secondi dalla fine sono in vantaggio di 2 punti. Klay Thompson però ristabilisce la parità con 20 secondi rimasti sul cronometro. I Warriors potrebbero anche vincerla ma Durant sbaglia la tripla del possibile vantaggio. Nel secondo overtime Curry esce per falli e Golden State crolla sotto le triple di Harden.

Rockets(12-7): Harden 29(15 rimbalzi, 13 assist), Anderson 29, Ariza 12, Beverley 3, Capela 10, Gordon 23, Dekker 11, Harrell 13(10 rimbalzi), Brewer 2.
Warriors(16-3): Durant 39(13 rimbalzi), Thompson 15, Green 20(15 rimbalzi), Curry 28, Pachulia 2, Iguodala 10, Livingston 4, Clark 4, McAdoo 4, McGee 1, West, Looney, McClaw.

MVP: James Harden, che chiude con una tripla-doppia da 29 punti, 15 rimbalzi e 13 assist a cui aggiunge 2 recuperi ed una stoppata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy