NBA Recap Inside: Harden sospinge i Rockets ma Mavs e Jazz stanno al passo, per Chicago e Indiana W in trasferta

NBA Recap Inside: Harden sospinge i Rockets ma Mavs e Jazz stanno al passo, per Chicago e Indiana W in trasferta

Impazza la corsa ai playoff in una notte che vede protagoniste le principali contendenti alla postseason. Tutto rimandato ai prossimi episodi stante le vittorie di Rockets, Mavs’ e Jazz ad ovest e di Pacers e Bulls ad est. Da rimarcare il ritorno alla vittoria dei Warriors grazie alla tripla doppia di Green e al solito Curry.

Commenta per primo!

Oklahoma City Thunder @ Houston Rockets 110-118 (26-31; 53-52; 82-80)

James Harden chiede il lasciapassare ai suoi ex compagni per continuare a lottare insieme ai suoi Rockets per un posto tra le migliori 8 ad Ovest. Chiesto e ottenuto ma non senza esser prima sottoposto a pesanti fatiche. Questo perché i Thunder, seppur certi della loro terza posizione, appaiono agguerriti al Toyota Center e piazzano anche l’allungo a metà terzo periodo (+12) che poteva condannare Houston ad una postseason da spettatrice. Se, però, c’è una squadra in grado di rimontare in queste situazioni quella indossa la casacca rossa, operazione ancor più fattibile se dall’altra parte c’è un avversario che in fatto di cali di concentrazione può tenere diversi seminari. Naturalmente è ”il barba” a guidare la riscossa con una quarta frazione da 15 punti e l’intercetto sul passaggio di Kevin Durant con tanto di lancio per il contropiede di Beverley che chiude le ostilità all’interno dell’ultimo minuto di gioco. I texani restano così a galla per un posto ai playoff, distanti una gara da Dallas ma tutto questo potrebbe rivelarsi inutile in caso di sconfitta nel prossimo match all’American Airlines Center, anche se con questo Harden hanno più di una speranza.

Thunder (53-24): Ibaka 8, Durant 33, Adams 6, Westbrook 23 (13 rimbalzi), Roberson 4, Singler 6, Kanter 16, Foye 6, Morrow 5, Waiters 3.
Rockets (38-39): Motiejunas 2, Ariza 18, Howard 4, Beverley 12, Harden 41, Capela 9, Beasley 6, Smith 5, Terry 3, Goudelock 2, McDaniels 10, Brewer 6.

Key Stat: Decisive le 19 palle perse da OKC contro le sole 9 di Houston.

MVP: Non solo i 41 punti messi a segno con 25 accettabili tiri, ma anche 9 assist smistati, 12/14 ai liberi e 43 minuti in campo. Un James Harden d’annata.

 

sportdfw.com

Dallas Mavericks @ Minnesota Timberwolves 88-78 (22-27; 41-40; 68-63)

Sotto enorme pressione i Dallas Mavericks ottengono un cruciale successo nella corsa per un posto nella postseason. Palpabile la tensione che ha attanagliato per larghi tratti del match il team allenato da Carlisle, che ha avuto il merito di tramutarla in intensità difensiva tenendo gli avversari sotto quota 80. Proprio la difesa è stata la chiave di questo filotto di quattro vittorie, dato che in ognuna di queste partite Dallas non ha mai concesso la tripla cifra all’attacco nemico. Minnesota, pur palesando la proverbiale confusione offensiva, è restata in partita per la quasi totalità dell’incontro grazie a un Wiggins ispirato e a un Towns corto di un assist per la tripla doppia, complice la scarsa vena di ”WunderDirk” e in generale le basse percentuali al tiro dei Mavericks. Con Parsons e Williams assenti, il peso dell’attacco ospite si poggia su Matthews (6 triple per lui), Barea e Harris che con 56 punti complessivi conducono i compagni ad un successo di cui non si poteva fare a meno, visto il calendario che metterà i Mavericks di fronte a cinque squadre da playoff nella Western Conference negli ultimi cinque turni della stagione. Si comincia con l’infuocato derby texano contro Houston, sfida che sa già di ”Win or go Home”.

Mavericks (39-38): Nowitzki 13, Pachulia 2, Barea 21, Matthews 19, Anderson 9 (10 rimbalzi), Powell, Lee 6, Mejri, Harris 16, Felton 2.
Timberwolves (25-52): Dieng 8, Towns 11 (21 rimbalzi), Rubio 9, LaVine 11, Wiggins 30, Bjelica 3, Payne 4, Prince, Muhammad 1, Jones 1.

Key Stat: Dallas tenta il doppio delle triple rispetto a Minnesota (40-19) e chiude col 35% dall’arco contro il 19% degli avversari.

MVP: Premio ad uno che ha vinto con questa casacca ma che dimostra che il suo spirito da guerriero non si è ancora affievolito: J.J. Barea.

 

www.coreoo.eu

Chicago Bulls @ Milwaukee Bucks 102-98 (24-24, 57-41, 79-73)

I Bulls mantengono vive le speranze playoffs – restano 2 le gare di distanza da Pacers e Pistons – dopo aver vinto in casa dei Bucks. Butler, ex di Marquette, si sentiva a casa e ha letteralmente dominato con 25 punti e 10/11 al tiro, compresi 6 punti e un assist negli ultimi 4′ scarsi. Chicago è andata avanti anche di 19, ma Milwaukee non ha ceduto e, grazie ai due ragazzi terribili Antetokounmpo-Parker, è tornata fino al 87-86. I due ragazzi avevano segnato tutti i punti del primo quarto. Dopo, però, salgono appunto in cattedra Butler e Holiday che chiudono di fatto i giochi.

Bulls (39-38): Butler 25, Gasol 16, Portis 4, Dunleavy 9, Moore 6, Mirotic 19, Felicio 4, Holiday 5, Brooks 7, McDermott 7.
Bucks (32-45): Monroe 11, Antetokounmpo 34, Parker 24 (11 rimbalzi), Inglis, Vaughn 7, Ennis 7, Plumlee 11, O’Bryant 4, Henson, Vasquez.

Key Stat: decisivo l’apporto della panchina dei Bulls che porta alla causa 42 punti, contro i soli 22 di quella di casa.

MVP: Jimmy Butler. Segna 25 punti, di cui 6 nel momento cruciale dell’incontro, aggiunge 5 rimbalzi e 8 assist e sbaglia solo un tiro su 11 tentativi.

 

nhregister.com

Indiana Pacers @ New York Knicks 92-87 (18-23, 54-43, 74-67)

Indiana fatica nel finale dopo esser stata avanti anche di 18 punti, ma alla fine conquista il settimo posto a Est in coabitazione con Detroit. Paul George è costretto ad uscire per infortunio, ma poi rientra negli ultimi minuti e decide la contesa. New York conduce 87-85 dopo una gran rimonta, ma Allen, George ed Ellis segnano un parziale di 6-0 Indiana. Afflalo segna la tripla del -1, ma gli arbitri annullano perché il giocatore aveva pestato la linea laterale: il punteggio viene riportato sul 91-87 e, di fatto, con due possessi di vantaggio i Pacers riescono a controllarla fino al termine.

Pacers (41-36): George 20, Mahinmi 10, Allen, Ellis 7, G.Hill 10, Turner 12, Stuckey 17, Miles 10, S.Hill 4, Lawson 2.
Knicks (31-47): Williams 12, Early 2, Lopez 10 (15 rimbalzi), Vujacic 21, Grant 6, Afflalo 15, Galloway 9, Seraphin 6, O’Quinn 6.

Key Stat: i Knicks tirano ben 15 volte in più degli avversari – i rimbalzi offensivi li premiano 18-7 – ma convertono i 96 tiri dal campo con uno scadente 34%, contro il 42% degli ospiti. 

MVP: Paul George. 20 punti, 9 rimbalzi, 5/10 da 2, 2/5 da 3 e 4/4 ai liberi. Riesce a tornare in campo dopo l’infortunio e da campione mette i punti decisivi.

 

Le altre gare della notte:

 

www.nba.com

Utah Jazz @ Phoenix Suns 101-86 (16-23; 46-33; 74-64)

Jazz (39-38): Favors 17, Hayward 22, Gobert 12, Mack 9, Hood 18, Lyles 13, T. Booker 4, Ingles, Johnson 5, Withey, Neto 1.
Suns (20-57): Tucker 14, Chandler 21 (18 rimbalzi), Len 3, D. Booker 14, Price 2, Teletovic 24, Budinger, Williams 2, Goodwin 4, Jenkins 2.

 

Washington Wizards @ Los Angeles Clippers 109-114 (23-33; 49-60; 73-84)

Wizards (37-40): Morris 18, Porter Jr. 14, Gortat  21, Wall 15 (13 assist), Beal 8, Dudley 2, Thornton 3, Nene 10, Sessions 13, Temple 5.
Clippers (48-28): 
Mbah a Moute 8, Griffin 6, Jordan 12 (12 rimbalzi), Paul 27 (12 assist), Redick 18, Green 4, Aldrich 8, Johnson 2, Rivers 10, Crawford 19.

 

Charlotte Hornets @ Cleveland Cavaliers 103-112 (19-29; 42-58; 71-86)

Hornets (44-32): Ma. Williams 22, Zeller 8, Walker 29, Lee 11, Batum 5, Hawes 9, Kaminsky III 5, Lamb, Lin 14.
Cavaliers (55-22): Love 25, James 31 (12 assist), Mozgov 2, Dellavedova 6, Smith 27, Frye 3, Thompson 4, Mo Williams 6, Shumpert 8.

bluemanhoop.com

Portland Trail Blazers @ Golden State Warriors  111-136 (37-31; 56-63; 89-101)

Blazers (41-37): Aminu 10, Harkless 15 (10 rimbalzi), Plumlee 8, Lillard 38, McCollum 18, Vonleh 2, Davis 6, Roberts, Crabbe 4, Montero, Connaughton, Henderson 10.
Warriors (69-8): Green 22 (10 rimbalzi, 10 assist), Barnes 10, Ezeli 2, Curry 39, Thompson 21, Varejao 1, McAdoo 4, Rush 9, Speights 7, Livingston 8, Clark, Barbosa 13.

 

Memphis Grizzlies @ Orlando Magic 107-119 (30-29; 56-67: 85-97)

Grizzlies (41-36): Randolph 15, Andersen 2, Barnes 24, Allen 10, Farmar 2, Green 11, Martin 7, Stephenson 11, Hollins, Cotton 2, Munford 10, Carter 13.
Magic (33-44): 
Gordon 14 (10 rimbalzi), Dedmon 8, Payton 7 (11 assist), Fournier 22, Oladipo 22, Nicholson 10, Smith, Vucevic 25 (10 rimbalzi), Jennings 6, Hezonja 5.

 

Boston Celtics @ Los Angeles Lakers 107-100 (31-26; 57-48; 77-75)

Celtics (45-32): Johnson 10 (13 rimbalzi), Crowder 22, Sullinger 6, Thomas 26, Turner 17, Jerebko 3, Olynyk 4, Zeller 6, Smart 7, Rozier 6.
Lakers (16-60): Randle 20 (10 rimbalzi), Bryant 34, Hibbert 4, Clarkson 17, Russell 8, Nance Jr. 5, Kelly 2, Black 4, Huertas 6.

 

New Orleans Pelicans @ Brooklyn Nets 106-87 (18-14; 53-42; 75-66)

Pelicans (29-47): Cunningham 14, Babbitt 21, Asik, Hamilton 13 (11 rimbalzi), Douglas 2, Ajinca 16, Perkins 7, Ennis 14, Frazier 19 (13 assist).
Nets (21-56):
Robinson 11 (15 rimbalzi), Sims 12, Hollis-Jefferson 8, Larkin 6, Ellington 10, McCullogh 6, Reed 5, Brown 12, Kilpatrick 15, Karasev 2.

 

– di Domenico Laudando & Ario Rossi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy