NBA Recap Inside: i Bulls ritrovano la vittoria, i Celtics cadono contro i Blazers

NBA Recap Inside: i Bulls ritrovano la vittoria, i Celtics cadono contro i Blazers

Dopo la socnfitta di mercoledì, i Bulls si riscattano. Con tanta sofferenza riescono a spuntarla sui Rockets grazie ad un Mirotic da favola. Aminu guida i Blazers alla vittoria. Durant e Westbrook dettano legge contro i Clippers.

Commenta per primo!

Chicago Bulls @ Houston Rockets 103-100 (24-24; 52-52; 71-80)

www.yimg.com
www.yimg.com

Perfetto equilibrio nei primi due quarti tra le squadre, nessuna delle due riesce a prendere il sopravvento sull’altra. Ciononostante, nel terzo parziale Houston cerca di imporre il proprio gioco aggiudicandosi la frazione con nove lunghezze di vantaggio (71-80). I Bulls non is perdono d’animo ed annullano lo svantaggio grazie ad un grande Mirotic, 28 punti in totale. Nell’ultimo minuto Harden prova  a tenere vivi i suoi con una tripla a dieci secondi dalla fine, ma i tiri liberi di Holiday permettono ai Chicago di vincere l’incontro. È la seconda volta consecutiva che i Bulls tirano fuori il proprio potenziale solo nell’ultimo periodo.

L’allenatore dei Rockets J.B. Bickerstaff ha spiegato così la sconfitta: “Facciamo fatica a dare continuità alle cose positive che costruiamo durante le partite”.
Da segnalare la prestazione di Pau Gasol, autore di una doppia doppia, la numero 500 in carriera, 12 punti conditi con 10 rimbalzi. Lo spagnolo è l’undicesimo giocatore nella storia NBA ad ottenere una statistica del genere.
Per i Rockets onore alle armi a Harden e Beverley, autori rispettivamente di 24 e 22 punti.

Bulls (38-37): Dunleavy 1, Portis 2, Gasol 12 (10 rimbalzi), Butler 21, Rose, Mirotic 28, McDermott 15, Brooks 3, Felicio 5, Moore 8, Holiday 8, Gibson, Snell
Rockets (37-39): Ariza 14, Motiejunas 2, Howard 7 (13 rimbalzi), Harden 24, Beverley 22 (11 rimbalzi), Beasley 20, Capela 8, Terry 3, Brewer, Goudelock, Jones, McDaniels, Smith

Key Stat: I Bulls tirano meglio sia nei tiri da tre, 45.8%  contro 36% dei Rockets, che nei tiri dal campo, 48.1%  per Chicago, Houston si ferma a 40%.

MVP: Nikola Mirotic. 28 punti, miglior marcatore della partita, è lui che prende le redini dei Bulls nel momento più difficile.

Los Angeles Clippers @ Oklahoma City Thunder 117-119 (30-37, 69-65, 97-93)

030415-SW-Russell-Westbrook-PI.vresize.1200.675.high_.16
www.basketinside.com

 

Classica sparatoria dell’Ovest con finale thriller tra Clippers e Thunder, nonostante premesse che facevano intravedere ben poco equilibrio: fuori Jordan, Redick, Paul e Pierce per la squadra di Rivers, che però tiene bene il campo e conduce per gran parte del match. Dopo un buon inizio (37 punti nel primo quarto), i Thunder s’ingolfano e soffrono terribilmente Riversjr. e Crawford, trentellisti di serata per LA; grande impatto dalla panchina anche per l’ex Jeff Green, 19 punti. L’ultima tripla di Green, per il +3 (115-112), odora quasi d’impresa per i Clippers, ma Oklahoma padroneggia nel finale coi soliti noti: la parità viene ristabilità dai liberi di Durant e da una tripla di Westbrook. Rivers illude Los Angeles, ma un pull-up jumper di Westbrook risponde a 1’18” dalla fine. Nell’ultimo minuto, la vince un insospettabile: Steven Adams si fa trovare pronto su un errore del suo play e mette il tap-in del +2 a 26.9” dalla sirena. Il tentativo di pareggio di Rivers a pochi secondi dal termine non va a segno, passano i Thunder.

Clippers (47-28): Rivers 32, Crawford 32, Johnson 14, Mbah a Moute 5, Aldrich 6 (10 rimbalzi); Green 19, Ayres 4, Wilcox 5, Prigioni.

Thunder (53-23): Westbrook 26 (11 assist), Roberson 6, Durant 31, Ibaka 16, Adams 13; Foye 3, Kanter 11, Singler 6, Waiters 7, Morrow.

Key Stat: Si sente la mancanza di DeAndre: 46-26 il conto impietoso a rimbalzo in sfavore dei Clippers. I Thunder mangiano in testa ai Clippers e in una partita oltre i 100 possessi per squadra tirano ben 14 volte in più dei Clips.

MVP: Il proscenio nel finale è di altri, ma Kevin Durant ne mette 31 rivelandosi per tutta la partita un rebus per la difesa di Rivers e soci. Lui e Westbrook sono come al solito la linfa vitale dei Thunder, in una partita tutt’altro che brillante per Oklahoma, specie considerate le assenze altrui.

Boston Celtics @ Portland Trail Blazers 109-116 (31-30, 58-54, 83-81)

aminu
www.blazersedge.com

 

Grande vittoria per i Blazers sui Celtics, grazie all’exploit di El Farouq Aminu (28 punti, 6/11 da tre) e a un grande finale di gara. Dopo un primo tempo di studio, i Celtics volano sino alla doppia cifra di vantaggio grazie a un selvaggio terzo quarto di Avery Bradley (20 punti a fine match). Per i Blazers prima tiene botta Aminu, poi ci pensano una tripla di Crabbe e due punti di Ed Davis a ristabilire la parità, che si trascina sino al finale: a 1’08” Crowder sigla il sorpasso di Boston sul 108-109. Ma sul più bello la squadra di Stevens si blocca, concede uno step back a McCollum e una schiacciata ad Aminu, poi manca da tre con Bradlye a 44.9” dalla fine il potenziale pareggio. Un fin lì opaco Lillard chiude il match, quarantesima vittoria stagionale per Portland.

Celtics (43-32): Thomas 22, Bradley 20, Crowder 13 (10 rimbalzi), Johnson 12, Sullinger 10 (10 rimbalzi); Turner 14, Smart 6, Olynyk 8, Jerebko 4.

Blazers (40-36): McCollum 17, Lillard 14, Aminu 28, Harkless 9 (10 rimbalzi), Plumlee 11; Crabbe 11, Henderson 15, Davis 4, Vonleh.

Key Stat: Il 6/11 da tre di Al Farouq Aminu è chiaramente il dato che scompagina l’intera partita, un grande exploit per il giocatore dei Blazers, che in stagione tira il 35% su 4.3 tentativi. Manco a dirlo, per Aminu i 28 di stanotte sono il nuovo season high, a soli cinque giorni di distanza dall’ultimo, cioè i 20 segnati contro Philadelphia.

MVP: Beh, leggi il recap e la Key Stat di cui sopra: abbiamo già detto che Aminu ha fatto 28? Lo ripetiamo, intanto segnamolo come MVP della gara. Anche New Orleans Pelicans @ Indiana Pacers 84-92 (22-24, 39-49, 61-70) Pelicans (26-45) – Douglas 13, Gee 17, Cunningham 9, Ajinca 22, Asik 2 (15 rimbalzi); Frazie 18, Babbitt 2, Perkins 1. Pacers (38-33) – G. Hill 6, Ellis 9, George 15, Turner 24 (16 rimbalzi), Mahinmi 3; Miles 19, Stuckey 8, J. Hill 4, Lawson 4, S. Hill, Allen.

Le altre partite:

Denver Nuggets @ New Orleans Pelicans 95-101 (26-31, 54-56, 78-77)

Nuggets (32-45): Mudiay 13, Harris 16, Faried 10 (12 rimbalzi), Sampson 2, Jokic 9; Barton 6, Augustin 9, Arthur 24, Toupane 2, Lauvergne 4.
New Orleans (28-47):Hamilton 14, Douglas 20 (10 assist), Cunningham 5, Babbitt 22 (10 rimbalzi), Asik; Ennis 11, Frazier 17, Ajinca 8, Perkins 4.

Brooklyn Nets @ Cleveland Cavaliers 87-107 (22-29; 39-63; 63-89)

Nets (21-54): Bogdanovic 14, Young 18, Sims 4, Ellington, Larkin 13, Kilpatrick 4, Brown 6, Robinson 10 (11 rimbalzi), Sloan 11, McCollough 7, Reed, Karasev, Lopez
Cavaliers (53-22): James 24 (11 assist), Love 19 (10 rimbalzi), Mozgov 10, Smith 8, Irving 10, Thompson 4, Dellavedova, Shumpert 6, Frye 13, Jefferson 5, Williams 5, Jones 3, McRae

Orlando Magic @ Indiana Pacers  114-94 (33-28; 57-51; 89-79)

Magic (32-43): Fournier 25, Gordon 6, Dedmon 8, Oladipo 18, Payton 10, Vucevic 24, Hezonja 4, Jennings 11, Nicholson, Watson 6, Smith, Marble, Ilyasova
Pacers (39-36): George 27, Turner 8, Mahinmi 6, Ellis 13, G. Hill 9, Allen 12 (11 rimbalzi), Lawson 2, J. Hill 6,  Stuckey, Miles  9, S. Hill 2, Robinson III, Young

Autori: Alberto Incerti e Giuseppe Corrao

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy