NBA Recap Inside: impresa Lakers a OKC, Raptors all’ultimo respiro

NBA Recap Inside: impresa Lakers a OKC, Raptors all’ultimo respiro

Spettacolo ed emozioni nella notte NBA: Kuzma e Zubac trascinano i Lakers. Siakam clutch, bene Nuggets e 76ers

di Antonio Santarsiero

Non sarà rimasto deluso il pubblico accorso alla O2 Arena per l’ormai consueto NBA London Game (l’NBA in trasferta europea), che quest’anno ha messo in scena una classica della Eastern Conference: Wizards vs Knicks. Nei Knicks out Kanter per problemi di sicurezza personale (timori legati al suo rapporto estremamente conflittuale con il governo turco, che ne ha addirittura richiesto l’arresto e l’estradizione tramite Interpol), oltre al lungodegente Porzingis, ma coach Fizdale recupera in quintetto Hardaway Jr e rilancia Luke Kornet al posto del turco. Sul fronte Wizards, coach Brooks conferma il solito quintetto con Satoransky e Bryant a rimpiazzare gli infortunati Wall e Howard. New York mantiene un vantaggio piuttosto confortevole fino all’inizio dell’ultimo quarto, quando da +12 subisce un parziale di 17-2 con annesso sorpasso da parte di Beal e compagni. Da quel momento è battaglia punto a punto, fino all’ultimo possesso. Sul +1 Knicks è decisiva l’ultima rimessa disegnata da Scott Brooks: palla a Thomas Bryant, sul cui runner arriva l’interferenza fatale di Trier; canestro dunque convalidato proprio sulla sirena ed ennesima beffa per i Knicks (1-13 nelle ultime 14 partite). Washington prevale nonostante un modesto 7/27 dall’arco, grazie al maggior numero di rimbalzi offensivi e al positivo contributo della panchina (doppia-doppia del sesto uomo Otto Porter Jr: 20 punti, 11 rimbalzi, 8/16 FG). Per New York, da segnalare anche il ritorno all’azione di Mitchell Robinson dopo circa un mese di assenza: per la 36esima scelta all’ultimo draft poco meno di 10 minuti di gioco e 4 punti a referto.

Nella sfida di alta quota a Est tra Pacers e Sixers prevale Philadephia, che di parziale in parziale amplia il suo vantaggio fino al +24 finale. Coach Brown recupera in extremis Chandler e Embiid (a rischio per un fastidio alla schiena): The Process mette a referto una quasi tripla-doppia da 22-13-8 (9/19 FG), mentre Redick dall’arco è bollente (6/9); da segnalare anche l’ottimo contributo dalla panchina dell’ex Hawks Muscala (11 punti e 7 rimbalzi con 4/6 dal campo). Impressionano le statistiche di squadra dei Sixers: ben 42 rimbalzi difensivi e 38 assists (su 46 canestri dal campo), con un notevole 18/34 da tre (52,9%). Sul fronte Indiana, non è sufficiente il season-high di Thaddeus Young (27 punti, 11/17 FG); prestazione stranamente poco incisiva di Sabonis in second unit e numeri di squadra molto meno lusinghieri (9/29 complessivo dall’arco).

Alla Scotiabank Arena di Toronto, i Raptors incontrano inattese difficoltà contro i Phoenix Suns, avendo la meglio solamente all’ultimo possesso di gara grazie a una penetrazione del sorprendente Siakam. In assenza di Kawhi Leonard (turno di riposo) VanVleet entra in quintetto a completare il backcourt, con Green da ala piccola. Nei Suns, il riferimento offensivo è sempre Devin Booker (30 punti, 10/21 FG); notevole doppia-doppia da 15-17 per Ayton.

Vittoria interna per gli Charlotte Hornets che si prendono la rivincita sui Kings dopo la gara del 13/1 a Sacramento (vinta dai padroni di casa 104-97). Dopo un primo quarto di gara targato Kings, gli Hornets prendono il largo grazie a un secondo quarto da 43 punti, controllando senza patemi il vantaggio acquisito nel secondo tempo. Eccellente contributo della panchina di Charlotte, che mette a referto 60 punti complessivi con ben 4 giocatori in doppia cifra. Doppia-doppia per Willy Hernangomez (11 punti, 16 rimbalzi). Per quanto riguarda i Kings, mano calda per Bogdan Bogdanovic (8/13 FG, 17 punti).

Sul velluto i Denver Nuggets, che infliggono ai Chicago Bulls la nona sconfitta consecutiva. Con il risultato mai in discussione, coach Malone riduce l’utilizzo dei titolari concedendo ampio minutaggio alla panchina. Ritorna in campo Gary Harris dopo un’assenza di 5 partite, mentre Chicago rimpiazza l’infortunato Wendell Carter Jr (alla prima assenza stagionale) con Bobby Portis. Nell’oscurità, brilla solamente la stella di Lauri Markkanen: doppia-doppia da 27 punti e 10 rimbalzi per il finlandese, con il 50% dall’arco (5/10).

Infine, alla Chesapeake Energy Arena va in scena il match più atteso della notte: i Lakers vincono sul parquet dei Thunder dopo un overtime. Dominio Thunder nel primo quarto di gara, ma L.A. reagisce piazzando un parziale da 40-24 nel secondo quarto, riportandosi avanti. I 3 liberi realizzati da Westbrook per un fallo di Ball pareggiano la partita (122-122), ma nel supplementare si scatenano i giovani dei Lakers, con un parziale di 6-16 che non concede appello. Kyle Kuzma è il leading scorer (32 punti, con un career-high di triple realizzate: 7/12), mentre Lonzo Ball mette a referto una prestazione a tutto tondo (18-6-10). Da segnalare anche l’impatto devastante di Ivica Zubac dalla panchina (26 punti, 12/14 FG). Sul fronte OKC, serata inefficiente per Westbrook nonostante la quasi tripla-doppia: solo 7/30 dal campo e 7/10 dalla lunetta per il #0. Ritorno in campo per Nerlens Noel dopo tre gare di assenza.

Ecco i risultati nel dettaglio:

New York Knicks @ Washington Wizards 100-101 (WAS: Beal 26, Porter Jr 20+11, Satoransky 14; NYK: Mudiay 25, Kornet 16, Vonleh 13+10, Dotson 13, Trier 13)

Sacramento Kings @ Charlotte Hornets 95-114 (CHA: Walker 23, Bridges 15, Kidd-Gilchrist 15; SAC: Hield 24, Bogdanovic 17, Bagley 15)

Philadelphia 76ers @ Indiana Pacers 120-96 (IND: Young 27, Oladipo 15, Evans 13; PHI: Butler 27, Embiid 22+13, Redick 20)

Phoenix Suns @ Toronto Raptors 109-111 (TOR: Ibaka 22, Lowry 16, VanVleet 15; PHO: Booker 30, Oubre Jr 18, Ayton 15+17, Bridges 15)

Chicago Bulls @ Denver Nuggets 105-135 (DEN: Murray 25, Jokic 18, Millsap 14, Harris 14; CHI: Markkanen 27+10, Lopez 17, Parker 15)

Los Angeles Lakers @ Oklahoma City Thunder 138-128 OT (OKC: George 27, Westbrook 26, Ferguson 21, Adams 17+15; LAL: Kuzma 32, Zubac 26+12, Ball 18, Caldwell-Pope 13)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy