NBA Recap Inside: Kilpatrick affonda i Clippers; Spurs, Cavs e Lakers cadono inaspettatamente

NBA Recap Inside: Kilpatrick affonda i Clippers; Spurs, Cavs e Lakers cadono inaspettatamente

Tutto quello che è successo nelle sei gare della notte è narrato qui.

Commenta per primo!

Le gare clou:

nydailynews.com

Los Angeles Clippers @ Brooklyn Nets 122-127 2OT (28-24, 65-53, 86-73, 107-107, 118-118)

Partita pazza quella del Barclays Center. I Clippers dominano per 3 quarti, toccando quota 86-68 con due minuti dal suono della penultima sirena. Mini parziale di 5-0 Nets per chiudere il quarto, prima che la furia offensiva di Sean Kilpatrick venisse fuori. Fino a quel momento era 3/14 dal campo, ma da lì in poi segna 31 punti per fissare l’asticella del suo career high a quota 38. A fine regolamentari, Chris Paul – chiuderà con una tripla doppia – infila la bomba del pareggio a 2″ dal termine. Nel primo overtime è Crawford dalla distanza a pareggiare di nuovo con 10″ sul cronometro. Si va quindi al secondo supplementare di una gara che sembrava, e forse doveva, essere già ampiamente finita. La beffa per L.A arriva a 13.5″ dalla fine, quando Kilpatrick segna anche il 2+1 che dà il definitivo +5 ai Nets. Terzo K.O di fila per i Clippers che nel prossimo incontro saranno ospiti dei Cavaliers.

MVP: Sean Kilpatrick. 38 punti, di cui 31 tra ultimo quarto e supplementari, 14 rimbalzi e 2 assist. Tira con 14/34 finale, ma contando che ha iniziato con 3/14 nei momenti più importanti ha tirato con il 55% totale dal campo.

Clippers (14-5): Pierce 5, Mbah a Moute 2, Jordan 21 (23 rimbalzi), Redick 18, Paul 26 (10 rimbalzi e 13 assist), Crawford 11, Rivers 15, Speights 6, Felton 7, Johnson 5, Bass 6.

Nets (5-12): Booker 15 (11 rimbalzi), Lopez 27, Kilpatrick 38 (14 rimbalzi), Whitehead 6, Bogdanovic 14, Scola 2, Harris 15, Hamilton 7, Foye 3.

Houston Rockets @ Utah Jazz 101-120 (29-38, 50-62, 73-85)

Una grande prova offensiva nel primo tempo dei Jazz permette a Utah di espugnare il campo di Houston. 55% dal campo con 9 triple dà il +12 a metà gara, mentre i Rockets si sono fermati a 4/17 da 3. La percentuale di tiro non è più calata e Utah ha potuto mantenere il vantaggio anche nella ripresa, nonostante Houston abbia infilato un buon 7/13 da oltre l’arco (17esima volta oltre le 10 triple, record NBA).

MVP: Gordon Hayward. 31 punti, 5 rimbalzi e 7 assist, con 8/16 dal campo e 12/13 ai liberi.
Rockets (11-7): Anderson 11, Ariza 6, Capela 8, Beverley 6, Harden 26, Harrell 2, Dekker 10, Brewer, Nene 4, Ennis, McDaniels 4, Gordon 24.
Jazz (11-8): Hayward 31, Diaw 4, Gobert 16 (14 rimbalzi), Hood 19, Hill 8, Lyles 13, Johnson 11, Ingles 3, Withey 4, Mack 9, Exum 2
Orlando Magic @ San Antonio Spurs 95-83 (16-20, 45-43, 75-64)
San Antonio è una delle migliori squadre della storia, partita 10-0 in trasferta. Tuttavia in casa è 4-4 e anche stanotte ha lasciato strada ai Magic, per colpa di due dati peggiori della stagione: 19 palle perse e soli 83 punti. Dall’altra parte Orlando veniva da 8 ko nelle ultime 11 partite e 11 ko consecutivi contro gli Spurs. Decisivo il terzo quarto dove Orlando ha messo in campo una gran difesa e ha permesso agli ospiti di chiudere a +11, gap troppo grande per questi Spurs confusionari.
MVP: Serge Ibaka. 18 punti, 7 rimbalzi, 2 assist, 2 rubate ed una stoppata, con 7/11 dal campo e 2/2 ai liberi.
Magic (7-11): Ibaka 18, Fournier 13, Gordon 11, Biyombo 9, Augustin 7, Green 6, Vucevic 12 (10 rimbalzi), Payton 10, Watson 7, Onuaku 2, Rudez, Hezonja, Wilcox.
Spurs (14-4): Aldridge 16, Leonard 21, Gasol 6, Parker 2, Green 2, Lee 2, Bertans, Simmons 6, Dedmon 6, Mills 7, Anderson, Murray 2, Ginobili 13.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy