NBA Recap Inside: LeBron in veste di dominatore trascina i Cavs sull’1-0

NBA Recap Inside: LeBron in veste di dominatore trascina i Cavs sull’1-0

Primo atto della serie tra Boston e Cleveland senza storia. I Cavs prendono il largo nel primo tempo e non si voltano più indietro. Altra eccezionale prestazione di James, in modalità dominatore ormai da più di un mese.

Cleveland Cavaliers @ Boston Celtics 117-104 (30-19; 61-39; 92-75)

I Cavs sono una squadra in missione. A riposo dallo scorso 7 maggio, quando chiusero la serie sul parquet di Toronto, i campioni in carica riprendono il discorso dallo stesso, medesimo punto in cui lo avevano interrotto. Gara-1 sul campo di Boston è senza storia sin dalla prima palla a due. Cleveland prende in mano le redini del match e non le molla più, dominando a rimbalzo, soprattutto nel primo tempo, e compensando una percentuale da tre punti sotto la media stagionale con un ottimo lavoro nel pitturato. I Celtics, forse ancora stanchi o psicologicamente scarichi dopo la gara-7 contro Washington di qualche giorno fa, provano a scuotersi a buoi ampiamente scappati dalla stalla. Note positive Bradley e Crowder, male Thomas, malissimo Horford. I Cavs non sono solo LeBron. Accanto a lui c’è un Love visto raramente così efficiente in stagione ed un Thompson da record in carriera per punti nei playoff. Cleveland vuole la terza apparizione alle finals consecutive; Boston, per reagire, dovrà porre le giuste contromisure difensive all’attacco atomico dei Cavs, trovando continuità a rimbalzo.

Cavs (1-0): James 38; Irving 11; Thompson 20; Love 32 (12 rimbalzi); Smith 2; Shumpert 3; Korver 3; Jefferson; Williams 2; Frye 3; Williams 3; Jones.

Celtics (0-1): Bradley 21; Thomas 17 (10 assist); Horford 11; Crowder 21; Johnson; Smart 6; Brown 10; Olynyk 2; Green 11; Rozier 2; Zeller 3; Young.

MVP – LeBron James: un uomo letteralmente in missione. E’ possibile migliorarsi alla quattordicesima stagione in NBA? Apparentemente si. Sta disputando la miglior post-season della carriera. Chiude con 38 punti, solo una volta in questi playoff è andato sotto i 30 punti segnati. Il tutto, ovviamente, condito da 9 rimbalzi, 7 assist, uno spaziale 14/24 al tiro ed una ritrovata verve dalla lunetta. Dominante.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy