NBA Recap Inside: Mamma che Harden, John Wall king in NYC

NBA Recap Inside: Mamma che Harden, John Wall king in NYC

Andiamo a scoprire le cinque gare della notte NBA.

Partite Clou

  • di Davide Barbieri & Filippo Miosi

Partite Clou:

http://assets1.sportsnet.ca/

Milwaukee Bucks @ Miami Heat 73-96 (27-21, 48-48, 62-67)

Gli Heat riprendono la marcia e battono i Bucks, grazie soprattutto ad una prestazione maiuscola di Dion Waiters. Sin dall’inizio della partita la guarda ex-Cavaliers parte forte, e mantiene la squadra a contatto.  I Bucks provano a scappare, grazie alle giocate di “Greek Freak” ovvero Antetokounmpo. Ma Waiters è in serata si e, nel quarto periodo, grazie a due canestri consecutivi, rende vani i tentativi di rimonta dei Bucks e chiude la partita. Per Miami si tratta della seconda vittoria stagionale.

Bucks(5-5): Antetokounmpo 14, Parker 11, Henson 12, Snell 14, Dellavedova, Beasley 13(10 rimbalzi), Brogdon, Plumlee 2, Teletovic 3, Terry 4, Maker, Vaughn.
Heat(2-8): Richardson 18, Williams 2, Whiteside 12(17 rimbalzi), Waiters 23, Dragic 16, Reed 6, Johnson 9(10 rimbalzi), Johnson 8, McGruder 2, Babbitt.

MVP: Dion Waiters, che chiude con 23 punti, 7 rimbalzi e 4 assist.

http://www2.pictures.zimbio.com/

New York Knicks @ Washington Wizards 112-119 (18-24, 42-52, 65-87)

I Knicks, alla ricerca di continuità sul campo dei Wizards, reduci da tre sconfitte, capitolano contro i Wizards. La partita inizia bene per New York, con Anthony e Porzingis che portano i Knicks sul + 6. Ma i Wizards cominciano a macinare gioco e grazie ad un ispirato John Wall, autore di 23 punti ed 11 assist, ed alle triple di Beal e Porter Jr. arrivano addirittura sul + 27. Nel quarto periodo, complice una prestazione da incorniciare di Brandon Jennings, i Wizards riescono a dilapidare il vantaggio di 27, con i Knicks che arrivano anche al -8. Ma a poco meno di un minuto dalla fine ci pensa Wall a ristabilire le definitive distanze.

Knicks(5-6): Anthony 19, Porzingis 16, Noah 2, Lee 4, Rose 27, Hernangomez 5, Jennings 17, Ndour 4, Kuzminskas 8, Holiday 8, Vujacic, O’Quinn 2.
Wizards(2-8): Porter Jr. 21, Morris 8, Gortat 16, Beal 18, Wall 23(11 assist), Oubre Jr. 8, Satoransky 4, Thornton 13, Nicholson 5, Smith 6.

MVP: John Wall, il play di Washginton chiude con 23 punti, 2 rimbalzi, 11 assist ed una palla rubata. La rinascita di Washington passa proprio dalle mani di Wall.

https://pbs.twimg.com/

Portland Trail Blazers @ Houston Rockets 109-126 (29-41, 33-21, 21-38, 26-26)

Dopo una partita non eccezionale contro la sua ex-squadra James Harden trova la quadratura del cerchio, o meglio, la terza tripla doppia della stagione: nel terzo quarto!
A nulla e’ servita l’ottima prestazione realizzativa di McCollum con 26 punti, Lillard non ha saputo brillare come nelle altre uscite: 18 punti e seconda peggior gara della stagione, a fine partita commentera’ “We kind of suck right now”, solitamente sappiamo sia offendere che difendere, in questo momento attacchiamo male e difendiamo peggio.
Cio’ nonostante il match ha visto un’altalena di prestazioni nei vari quarti: primo e terzo vinti dai padroni di casa mentre il secondo ha mostrato un colpo di reni dei Trail Blazers pero’ inutile: parziale di +29 nei quarti “texani”.
Oltre alla vittoria nota positiva per i Rockets che ritrovano, seppur per soli 25 minuti, la guardia Beverley al ritorno sul parquet per la prima volta dopo un intervento al ginocchio sinistro: ottima notizia anche per il tentativo di andare sempre piu’ sul quintetto piccolo di D’Antoni che ritrova un ottimo difensore ed agonista.

Trail Blazers(7-6): Plumlee 4, Harkless 19, Lillard 18, McCollum 26, Crabbe 5, Vonleh 9, Leonard 6, Davis 1, Layman 7, Connaughton 2, Turner 12.
Rockets(7-5): Anderson 13, Ariza 16, Capela 15, Beverley 11, Harden 26 (12 rimbalzi, 14 assist), Harrell 9, Dekker 6, Brewer 9, Ennis 3, Brown 2, Gordon 16.

MVP: James Harden sembra radicalmente cambiato dal giocatore, e uomo, della passata stagione: dopo la tripla doppia da 26punti, 14 assist e 12 rimbalzi scherza nello spogliatoio cosi’ come ha saputo fare anche nelle sconfitte.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy