NBA Recap Inside: OKC ha vita facile contro degli Spurs “anomali”; vittorie pesanti per Celtics e Blazers

NBA Recap Inside: OKC ha vita facile contro degli Spurs “anomali”; vittorie pesanti per Celtics e Blazers

I Thunder, trascinati dai soliti noti Westbrook e Durant, hanno vita facile contro gli Spurs orfani dei “Big Five”. Vittoria in scioltezza dei Cavs a New York, grazie ad un super LeBron; successi importanti per Boston e Portland mentre Chicago mette a repentaglio la propria qualificazione alla post-season.

A cura di Nicolò Marchese e Marco Morandi

San Antonio Spurs @ Oklahoma City Thunder 92-111 (26-24, 44-48, 63-83)

Gli Oklahoma City Thunder di coach Billy Donovan hanno vita facile contro degli Spurs “anomali”, orfani di Parker, Ginobili, Duncan, Leonard e Aldridge. Ci ha ormai abituato Gregg Popovich a queste scelte “particolari”, Durant e compagni ringraziano e ottengono una vittoria che permette loro di consolidare ancor di più il già saldo terzo posto nella Western Conference. La partita è equilibrata nei primi 24′, con San Antonio che, nonostante le assenze, riesce a chiudere il primo quarto in vantaggio ed il secondo a sole quattro lunghezze di ritardo, dopo aver toccato anche il +9. Nella ripresa, però, la superiorità dei Thunder emerge con prepotenza: la coppia Durant-Westbrook comincia a mettersi a lavoro e, con l’aiuto di un attivissimo Adams e di un positivo Kanters, scava il solco che permetterà alla propria squadra di andare addirittura sul +21 e di portare a casa la contesa.

Spurs (61-12): Anderson 7, Diaw 10, Marjanovic 13, Green 2, Mills 10, West 17, Martin 3, Bonner 2, Miller 11, Simmons 17.

Thunder (51-22): Durant 31 (10 rimbalzi), Ibaka 15, Adams 9, Roberson 5, Westbrook 29, Singler, Kanter 20 (10 rimbalzi), Waiters, Payne, Foye 2.

Key Stat: la supremazia a rimbalzo (34-47) dei Thunder è evidente, così come quella riguardante i punti in contropiede (10-18).

MVP: Russell Westbrook. Solita prestazione “all-around” del numero 0 dei Thunder. 29 punti, 6 rimbalzi, 8 assist con un ottimo 10/18 dal campo ed un perfetto 9/9 dalla lunetta.

blacherreport.com
blacherreport.com

Boston Celtics @ Phoenix Suns 102-99 (35-22, 58-41, 81-75) 

Vittoria più sofferta del previsto per i Celtics che, nel deserto dell’Arizona, riescono, in qualche modo, ad imporsi sui Suns ed a continuare la propria rincorsa al terzo posto nella Eastern Conference. I primi due quarti sono di marca Boston che, grazie al solito contributo dell’ex di turno Thomas, controlla agevolmente la partita sino a toccare il +17 all’intervallo e facendo credere che nei successivi 24′ di competitività se ne sarebbe vista poca. A cambiare le carte in tavola ci pensano, però, Booker e compagni che, con un devastante parziale a metà terzo periodo, tornano addirittura sul -1. I Celtics dovranno giocarsi la partita fino all’ultimo secondo: creano un mini-solco che li porta fino alla doppia cifra di vantaggio, ma l’orgoglio dei padroni di casa rimette in bilico tutto, arrivando all’ultimo possesso con Boston avanti solo di due lunghezze. A mandare la partita all’overtime ci prova il solito Booker che, però, viene stoppato da dietro da Turner, con annesse proteste dei Suns per un presunto contatto falloso, che regala ai suoi una vittoria sofferta ma importante.

Celtics (43-30): Turner 17 (11 rimbalzi), Johnson 2, Sullinger 4, Bradley 15, Thomas 28, Smart 9, Olynyk 16, Jerebko 9, Rozier 2.
Suns (20-53): Jenkins 9, Tucker 9 (10 rimbalzi), Len 10, Booker 21, Knight 19, Teletovic 17, Goodwin 8, Price, Budinger 6.
Key Stat: tantissimi equilibrio nelle statistiche, gonfiate dalla super partenza dei Celtics ma ridimensionate, successivamente, dalla rimonta dei Suns. Da notare come entrambe le squadre tirino in maniera pessima dalla linea da tre: 27% Boston contro il 22 di Phoenix.
MVP: Isaiah Thomas. Solita, ottima, prestazione del “piccolo grande uomo” che con 28 punti trascina i suoi ad un importante successo, nonostante tiri con un non positivo 8/20 dal campo.
blazersedge.com
blazersedge.com

Philadelphia 76ers @ Portland Trail Blazers 105-108 (27-31, 49-57, 74-86)

Sarebbe dovuta essere una gara vinta in scioltezza per i Blazers contro i sempre più derelitti 76ers ma, si sa, nell’NBA, e specialmente nella regular season, di gare scontate non ce ne sono e Portland ha dovuto faticare più del previsto per ottenere una vittoria fondamentale in ottica qualificazione ai playoff. La truppa di Stotts comincia bene, tocca anche il +10 nel primo quarto, e amministra il vantaggio grazie al contributo di tutti, da McCollum a Henderson, passando per Harkless: un fattore che limita l’incisività di una prestazione non straordinaria di Lillard al tiro. Phila, però, non molla mai la presa e, nonostante all’inizio del terzo periodo si metta in ritmo anche il numero 0 dei Blazers, riesce rimanere in scia, senza mai fare scappare gli avversari. Proprio Lillard lascerà momentaneamente la gara durante il terzo quarto per un contatto con Covington ma, nonostante, questo, Portland si presenta agli ultimi 12′ sul +12. Nell’ultimo quarto, però, comincia la lenta ed inesorabile rimonta di Phila, grazie ad un ottimo Ish Smith, che permette loro di pareggiare a quota 105 la partita a meno di 24” dal termine. Il possesso decisivo è nelle mani di McCollum che prima spezza un raddoppio a metà campo, poi segna e subisce il fallo, andando a chiudere il gioco da tre punti e la partita.

76ers (9-64): Thompson 17, Grant 13, Landry 12, Canaan 6, Smith 17 (14 rimbalzi), Holmes 4, Covington 17 (11 rimbalzi), Stauskas 13, McConnell 4, Weems, Brand 2, Marshall.

Blazers (38-36): Aminu 20, Harkless 16, Plumlee 8 (10 rimbalzi), McCollum 25, Lillard 16, Crabbe 4, Henderson 11, Davis 6 (13 rimbalzi), Vonleh 2, Roberts.

Key Stat: statistiche in equilibrio. Phila paga un primo tempo in cui tocca anche il -16: riesce a rimontare ma le energie verranno a mancare proprio nel momento decisivo.

MVP: C.J. McCollum. Se Lillard vive una serata non particolarmente felice, a caricarsi i Blazers sulle spalle non può non essere McCollum che, da buon secondo violino, si prende sulle spalle la responsabilità di condurre la squadra alla vittoria e chiude con 25 punti, 9/22 al tiro ed un perfetto 6/6 dalla lunetta.

cleveland.com
cleveland.com

Le altre partite della notte:

Cleveland Cavaliers @ New York Knicks 107-93 (32-15, 56-32, 89-72)

Cavs (52-21): James 27 (11 rimbalzi, 10 assist), Love 28 (12 rimbalzi), Mozgov 5, Dellavedova 10, Smith 13, Williams 8, Thompson 6, Frye 6, Shumpert 2, Jefferson 2, Kaun, McRae, Jones.

Knicks (30-44): Anthony 28, Porzingis 19, Lopez 8, Calderon 6, Vujacic 9, Grant 2, Seraphin, Afflalo 5, Williams 11, Galloway 5, Amundson, O’Quinn.

Indiana Pacers @ Brooklyn Nets 110-120 (29-26, 66-60, 93-85)

Pacers (38-34): George 27, Turner 6, Mahinmi 18, Ellis 3, G.Hill 17, Allen 4, Stuckey 6, J.Hill 12, Lawson 5, Miles 12, S.Hill.

Nets (21-51): Bogdanovic 18, Young 8, Lopez 23, Karasev 17, Larkin 14, Hollis-Jefferson 6, Kilpatrick 14, McCullough, Sims 5, Sloan 11, Brown 4.

Chicago Bulls @ Orlando Magic 89-111 (22-36, 50-68, 71-89)

Bulls (36-36): Dunleavy 10, Gibson 16, Gasol 7, Butler 12, Rose 9, Mirotic 4, McDermott 12, Holiday 4, Portis 4, Brooks 6, Felicio 2, Snell 3.

Magic (30-43): Fournier 12, Gordon 9, Dedmon 18 (13 rimbalzi), Hezonja 5, Payton 15 (10 assist), Marble 8, Watson 6, Smith 14, Nicholson 14, Jennings 7, Napier 3.

Utah Jazz @ Minnesota Timberwolves 93-84 (18-10, 35-34, 60-59)

Jazz (36-37): Hayward 18, Favors 19, Gobert 5 (11 rimbalzi), Hood 15, Mack 6, Booker, Ingles 8, Neto 5, Lyles 15, Johnson 2.

Timberwolves (24-49): Wiggins 13, Dieng 4, Towns 14 (11 rimbalzi), LaVine 9, Rubio 23, Smith 2, Jones 8, Muhammad 8, Bjelica 3, Prince.

Charlotte Hornets @ Milwaukee Bucks 115-91 (29-17, 55-38, 90-64)

Hornets (42-31): Batum 25, Williams 21, Zeller 4, Lee 12, Walker 18, Jefferson 15, Lin 9, Kaminsky 4, Lamb, Hawes, Hansbrough, Daniels 7, Gutierrez.

Bucks (30-44): Antetokounmpo 8, Parker 15, Monroe 12, Middleton 13, Bayless 2, Vaughn 5, Henson 19, Plumlee 6, Ennis 9 (12 assist), O’Bryant 2, Inglis.

Toronto Raptors @ New Orleans Pelicans 115-91 (20-15, 48-36, 95-61)

Raptors (49-23): Powell 15, Scola 12, Valanciunas 10, DeRozan 23, Lowry 11, Joseph 6, Johnson 11, Biyombo 7, Patterson 16, Thompson 2, Wright, Nogueira 2, Caboclo.

Pelicans (26-46): Cunningham 7, Ajinca 9, Asik 7, Gee 18, Douglas 11, Babbitt 14, Frazier 12, Perkins 2, Hamilton 11.

Atlanta Hawks @ Detroit Pistons 112-95 (27-15, 56-42, 83-73)

Hawks (44-30): Bazemore 17, Millsap 23, Horford 13, Korver 12, Teague 12, Schroeder 11, Humphries 11, Hardaway Jr. 3, Scott 10, Muscala.

Pistons (39-35): Harris 21 (10 rimbalzi), Morris 13, Drummond 19 (17 rimbalzi), Caldwell-Pope 9, Jackson 11, Tolliver, Johnson 4, Blake 3, Baynes 15, Hilliard.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy