NBA Recap Inside: Pelicans perdono ma Westbrook non ne approfitta, Boston stellare

NBA Recap Inside: Pelicans perdono ma Westbrook non ne approfitta, Boston stellare

http://bleacherreport.com/

Oklahoma City Thunder @ Indiana Pacers 104-116 (32-29; 19-27; 25-26; 28-34)
Lotta per i playoff su conference diverse, ne esce vincente l’est con i Pacers che segnano la settima vittoria nelle ultime dieci, settima sconfitta per OKC.
Westbrook non ci sta, vuole i playoff e lo dimostra con un primo quarto da 22+4assist ma il suo, noto, agonismo potrebbe costare molto caro ad OKC: discutendo la chiamata su un fallo gli viene fischiato il sedicesimo tecnico stagionale che, in ottica NBA, significa saltare un match. Contate le assenze di Durant e Ibaka potrebbe essere la fine delle speranze playoff per i Thunder ansiosi della decisione finale. Westbrook chiuderà il match con 54+9+8, non proprio un contributo di cui Brooks puó fare a meno anche perchè in NBA nessuno mai fece altrettanto.
I padroni di casa riescono a rispondere colpo su colpo ad ogni punto e, grazie a Miles e Hill, chiudono la partita portando la loro squadra a 97-88 vantaggio che riusciranno a mantenere fino a fine gara.
Thunder(43-37): Westbrook 54 (9 rimbalzi, 8 assist); Waiters 16; Kanter 13.
Pacers(37-43): Miles 30 (10 rimbalzi); Hill 19; Hibbert 17 (10 rimbalzi); West 13.
Key Stat: Ottima shooting night per i Pacers che chiudono con oltre il 50% dal campo e da dietro l’arco, statistiche nate dai ben 25 assist collezionati durante il match.
MVP: CJ Miles firma il season high 30 punti conditi da ben 10 rimbalzi, doppia doppia importante in una squadra che sta ritrovandosi giusto in ottica playoff.
Losing Factor: Westbrook croce e delizia, in una serata in cui tira con il 50% dal campo sono suoi quasi la meta’ dei tiri della sua squadra. Il tecnico poi rischia seriamente di mettere fine alla stagione dei Thunder.

Atlanta Hawks @ Washington Wizards 99-108 (22-38; 23-28; 30-24; 24-18)
L’ultima volta che i wizards superarono quota 45 vittorie Paul Pierce aveva 18 mesi, quattro dei cinque starter non erano ancora nati.
Sicuro del piazzamento coach Budenholzer riposa Teague Korver Hordford e Carroll per poter testare le seconde linee: Dennis Schroder, John Jenkins, Kent Bazemore, Mike Muscala e Elton Brand come lineup. Contro una squadra privata di quattro dei suoi migliori giocatori Washington prende il largo sin dal primo quarto, portandosi avanti di 16 punti fino ad un massimo di 25 alla fine del terzo, il quarto quarto invece vedere un timido tentativo di Atlanta maturato grazie anche a 4 dei 10 turnover totali di Wall; sul 101-92 una rubata di Wall pone fine alle “speranze” di Atlanta consegnando la 29-esima vittoria casalinga della stagione.
Hawks(60-20): Scott 19; Jenkins 17; Schroder 14; Mack 14.
Wizards(46-34): Wall 24 (9 assist); Beal 17; Gortat 15 (9 rimbalzi); Nene 14 (10 rimbalzi).
Key Stat: Primo quarto incredibile per i padroni di casa che segnano 7 triple su 11 tentativi trascinati dagli 11 punti di Pierce ed i 13 di Wall, su questo vantaggio costruiranno poi la vittoria.
MVP: Dopo lo stop di due match John Wall non sembra trovare difficoltà con la palla, con 24 punti e 9 assist guida i suoi alla vittoria contro la prima ad est.

New Orleans Pelicans @ Houston Rockets 114-121 (28-22; 27-30; 31-34; 28-35)
Altra partita importantissima in ambito playoff, Pelicans ancora in lotta coi Thunder per l’8th seed ad ovest. Davis perde ma OKC non sfrutta.
Nonostante un quarto quarto in cui Harden non e’ riuscito a segnare un singolo punto i Rockets si impongono grazie al grande contributo di Dwight Howard e Corey Brewer. Harden condisce comunque la partita con ben 30 punti (se così è quando gioca male aiuto!) ma il duo sopra citato combinano per un run da 14-5 ad inizio quarto finale.
Niente da fare per l’ennesima solida prova di New Orleans capitanata da Anthony Davis con 27 punti.
Pelicans(43-37): Davis 27; Holiday 17; Asik 13 ( 10 rimbalzi); Evans 10 (8 assist).
Rockets(54-26): Harden 30; Brewer 20; Howard 19 (11 rimbalzi).
Key Stat: Maggiore precisione al tiro per i padroni di casa, nonostante una non brillante serata da dietro l’arco (37,5% per la squadra che più sfrutta il tiro dalla lunga) chiudono con oltre il 50% con ben 52 punti provenienti dal colorato.
MVP: Harden segna 30 punti ma sono Howard e Brewer a trovare il guizzo vincente nell’ultimo quarto.

Brooklyn Nets @ Milwakee Bucks 73-96 (24-26; 17-17; 18-30; 14-23)
Nets(37-43): Lopez 12 (10 rimbalzi); Plumlee 11; Jack 11.
Bucks(40-40): Ilyasova 21; Mayo 17; Antetokounmpo 13 (9 rimbalzi).

Cleveland Cavaliers @ Boston Celtics 78-117 (22-21; 9-34; 24-29; 23-33)
Cavaliers(51-29): Shumpert 15 (10 rimbalzi); Jones 14; Thompson 14.
Celtics(38-42): Thomas 17; Turner 15; Bradley 12; Sullinger 11; Datome 6 (1 rimbalzo, 2-3 fgm).

Charlotte Hornets @ Detroit Pistons 77-116 (10-30; 24-29; 20-23; 23-34)
Hornets(33-47): Vonleh 16; Henderson 14; Taylor 10.
Pistons(31-49): Meeks 24; Monroe 17 (9 rimbalzi); Tolliver 17; Drummond 15 (19 rimbalzi).

Sacramento Kings @ Denver Nuggets 111-122 (28-37; 31-23; 25-34; 27-28)
Kings(27-53): Casspi 22; McLemore 20; Landry 14; Williams 13;
Nuggets(30-50): Faried 30; Chandler 21; Foye 16; Gallinari 14 (6 rimbalzi, 6 assist, 1 steal, 4-8fgm).

Phoenix Suns @ San Antonio Spurs 91-107 (18-20; 21-31; 26-25; 26-31)
Suns(39-42): Green 23; Bledsoe 20 (10 assist); Morris 12; Goodwin 11.
Spurs(55-26): Duncan 22 (10 rimbalzi); Leonard 18; Belinelli 13 (4 rimbalzi, 1 assist, 4-8 fgm).

Dallas Mavericks @ Los Angeles Lakers 120-106 (33-27; 29-30; 27-25; 31-24)
Mavericks(49-31): Chandler 20 (9 rimbalzi); Jefferson 17; Nowitzki 16; Aminu 10 (10 rimbalzi).
Lakers(21-59): Clarkson 26; Brown 18; Johnson 16; Kelly 10.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy