NBA Recap Point: Boston espugna Miami, vittoria di cuore dopo 2OT dei Cavs, ancora stupefacente Indiana

NBA Recap Point: Boston espugna Miami, vittoria di cuore dopo 2OT dei Cavs, ancora stupefacente Indiana

Commenta per primo!

mso 9]>–>

hdnux.com

Utah Jazz – Toronto Raptors 91-115 All’Air Canada Center va in scena la settima sconfitta su altrettante partite disputate da parte degli Utah Jazz, che questa volta si piegano ai padroni di casa per 91-115.

Per i Raptors, che hanno sempre controllato la gara, buone prestazioni un po’ per tutti i giocatori ma in particolare da sottolineare quella di DeRozan (18 punti alla fine) e Tyler Hansbrough, che chiude con 23 punti e 7 rimbalzi, con un ottimo 11-13 dal campo.

Ai Jazz non bastano i 24 punti di Gordon Hayward e la buona prestazione dei due lunghi Kanter e Favors, entrambi in doppia cifra.

 

Orlando Magic – Atlanta Hawks 94-104 Partita molto equilibrata per tre quarti e mezzo, fino a che un paio di tiri di Horford dalla media distanza e un paio di palle perse non costringono i Magic ad arrendersi in quel di Atlanta.

Per gli Hawks molto positivi lo stesso Al Horford (15 punti, 7 rimbalzi e anche 7 assist), il playmaker Jeff Teague (19 punti e 13 assist), Kyle Korver (14 punti con 2-5 da oltre l’arco) e Mike Scott che chiude con 17 punti.

Ad Orlando non basta una buona prova di squadra e le belle prestazioni di Aaron Afflalo (21 punti) e Jameer Nelson (13 punti arricchiti da 6 assist).

 

Indiana Pacers – Brooklyn Nets 96-91 Partita di grande interesse quella tra i Pacers e i Nets di coach Jason Kidd. Alla fine la spunta Indiana, grazie ad una prova molto convincente dei suoi fuoriclasse, in primis Paul George, autore di ben 24 punti alla sirena finale. Anche i due lunghi David West (18 punti) e Roy Hibbert (doppia-doppia da 15 punti e 11 rimbalzi) danno il loro solito contributo.

Per i Nets, che continuano il loro inizio complicato di stagione, non bastano i 15 punti di Pierce e i 16 di Lopez. Nets che, però, a pochi secondi dalla fine hanno anche avuto la possibilità di pareggiare la partita sul 94 pari con una tripla (non entrata ovviamente) da parte di Joe Johnson, autore comunque di 17 punti.

 

Philadelpia 76ers – Cleveland Cavaliers 125-127 Dopo ben due overtime i Cavs ottengono una vittoria importantissima contro i 76ers, trascinati come al solito dal rookie Michael Carter-Williams, autore di 21 punti e ben 13 assist.

Per la franchgia dell’Ohio belle prove da parte di Thompson (19 punti con 6-10 dal campo), Kyrie Irving (39 punti per lui, compreso quello della vittoria) e Dion Waiters (24 punti e 6 assist).

Per Phila, invece, super prestazione Thaddeus Young (29 punti) ed Evan Turner, che sembra essersi deciso di voler convincere tutti del grande talento che possiede: per lui i punti sono 31.

 

Boston Celtics – Miami Heat 111-110 Non è più la sfida di qualche stagione fa, ma le gare tra i Celtics e gli Heat sono sempre infuocate e molto combattute.

Questa volta la spuntano i Boston Celtics, che espugnano la American Airlines Arena grazie ad un finale pazzesco: Gerald Wallace segna il -2 (108-110) a pochi secondi dal termine; fallo su Wade che va in lunetta ma fa 0/2 ai liberi, sbagliando apposta il secondo; con solo 6 decimi da giocare rimessa Celtics che pescano Jeff Green (24 punti per lui) che da tre segna in faccia a LeBron James (25 punti per la superstar di Miami) il punto del sorpasso.

Per i bianco-verdi belle prove anche di Avery Bradley (17 punti) e Jared Sullinger (12 punti).

Per gli Heat in mostra sia LBL sia Chris Bosh, che chiude la gara a quota 20 punti.

 

Los Angeles Clippers – Houston Rockets 107-94 Tornano in campo dopo la partita dello Staples Center di qualche giorno fa i Clippers contro i Rockets, che vogliono vendicare la sconfitta di Los Angeles.

Ma al Toyota Center la musica non cambia e sono sempre Chris Paul e compagni ad avere la meglio. Per i Clips da evidenziare le prove di CP3 (14punti e 13 assist), Blake Griffin (22 punti) e DeAndre Jordan, che chiude con 12 punti e 18 rimbalzi.

Ai Rockets non bastano le prestazioni di Chandler Parsons (23 punti) e Dwight Howard (21 punti con 8 rimbalzi).

 

Golden State Warriors – Memphis Grizzlies 90-108 La difesa dei Grizzlies è una delle migliori della NBA e si vede: solo 90 i punti concessi ad una squadra molte volte sopra i 100 punti come gli Warriors.

Marc Gasol domina sotto i tabelloni con 18 punti e 7 rimbalzi, mentre Randolph fa addirittura meglio con 23 punti e 11 rimbalzi. Bella partita anche di Conley, che chiude con 20 punti a referto.

A Golden State non bastano Iguodala (19 punti) e Steph Curry, autore di 22 punti con 4-10 da tre punti.

 

Dallas Mavericks – Milwaukee Bucks 91-83 In casa dei Bucks, al BMO Harris Bradley Center, i Mavs di Dirk Nowitzki ottengono una importantissima vittoria, la quarta dall’inizio della Regular Season.

Per il tedesco di Dallas i punti sono 16, ma anche Shawn Marion (14 punti e 10 rimbalzi) e Monta Ellis ( 18 punti con 6-14 dal campo) danno una grossa mano ai texani.

Per Milwaukee, invece, brillano gli arrivi estivi Caron Butler (19 punti) e OJ Mayo, che ha disputato l’ultima stagione con la casacca di Dallas. Per la terza scelta assoluta al Draft 2008 i punti sono 28, con 11-20 dal campo.

 

Portland Trail Blazers – Sacramento Kings 96-85 Dopo aver giocato a Portland il giorno prima, i Kings in casa vogliono vendicare la sconfitta subita contro i Trail Blazers.

Nonostante un Lillard sottotono (solo 4 punti per il play di Portland) i Trail Blazers hanno la meglio grazie ai 12 punti di Batum e ai 22 punti + 14 rimbalzi di LaMarcus Aldridge.

Non male anche la gara di Matthews, che segna 21 punti.

Per i Kings le note positive sono l’ennesima bella prova di Cousins (33 punti e 12 rimbalzi) e i 13 punti del rookie Ben McLemore, che ne fa 13 con il 4-8 dal campo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy