NBA Recap Point: successi Cleveland, Memphis e Warriors, Clippers a valanga sui Rockets

NBA Recap Point: successi Cleveland, Memphis e Warriors, Clippers a valanga sui Rockets

Cleveland Cavaliers- Minnesota Timberwolves 93- 92

Philadelphia Sixers- Golden State Warriors 90-110

Memphis Grizzlies-Boston Celtics 95-88

Los Angeles Clippers-Houston Rockets 137-118

sinbapointforward.wordpress.com

TOP

C.J. Miles: Nella partita in cui t’aspetti la sfida Irving vs Rubio, spunta Miles dalla panchina che la decide mettendo a segno 19 punti, raccogliendo 5 rimbalzi, recuperando e stoppando 2 palloni a testa, tirando con un 3/5 da tre punti in appena 18′.

Martin/Love: Stanno proprio attraversando un momento di gran forma Kevin Martin e Kevin Love (miglior giocatore della settimana nella Western Conference), che dopo aver segnato 64 punti in due contro New York, ne rifilano 40 anche a Cleveland, con il risultato di squadra comunque differente. Per Love 17 punti e 13 rimbalzi con 5 assist; Martin tira 5/8 da tre punti siglando 23 punti con 4 rimbalzi.

Curry/Iguodala: Tripla doppia per il primo e trentello per il secondo di ritorno nella città dell’amore fraterno. Stephen Curry fa registrare un 7/16 dal campo realizzando 18 punti, distribuendo 12 assist ed afferrando 10 rimbalzi. Andre Iguodala, invece, mette insieme un 11/18 al tiro segnando 32 punti insieme a 3 rimbalzi, 3 assist e 3 recuperi.

Jerryd Bayless: Nella vittoria facile su Boston, tra i Grizzlies si mette in luce lui, che uscendo dalla panchina attira, come spesso fa, l’attenzione. Pur non essendo precisissimo al tiro (6/11) mette a referto 15 punti con 2 recuperi. Sicuramente uno dei migliori, se non il migliore, dei suoi.

L.A. Clippers: Partita a dir poco perfetta per gli uomini di coach Doc Rivers, che segnano 137 punti e asfaltano Houston. I velieri giocano coralmente distribuendosi a vicenda 33 assist, ma soprattutto tirano dall’arco dei 6,75 con un fenomenale 15/38, mandando sette uomini in doppia cifra e tre sopra i venti punti.

FLOP

Anthony Bennett: Tra i flop non t’aspetti di ritrovarti l’ultima prima scelta assoluta del draft, eppure Bennett ancora non riesce a siglare il suo primo canestro. E’ vero che sta ritagliando pochi scorci di partita, ma essere sullo 0/15 dal campo in quattro gare significa non vederlo proprio il cesto.

Young/Hawes: La coppia che tanto sta facendo bene in questo avvio dei Sixers, insieme al rookie Carter-Williams (votato miglior giocatore della settimana per l’Eastern Conference), si è presa una giornata di riposo. Insieme hanno realizzato 11 punti, e sempre insieme hanno fatto registrare appena 10 rimbalzi.

Vitor Faverani: Autore di prestazioni piuttosto sbalorditive, il lungo dei Celtics ha steccato contro i lunghi di Memphis, un bel banco di prova per dimostrare chi sei. 5 punti e 6 rimbalzi il bottino, a cui si associano anche 3 perse e un deficitario 2/4 al tiro.

Harden/Howard: Il fattore H era al suo primo grande impegno stagionale sul palcoscenico di Hollywood, e sicuramente non c’è stata la storia a lieto fine. Harden ha tirato 6/16 segnando 15 punti con appena 5 assist e 2 rimbalzi. Howard di punti ne ha realizzati 13, tirando 4/9, raccogliendo solo 9 rimbalzi. Cifre al ribasso rispetto alle loro abitudini.

FOCUS

Chris Paul: Palma di MVP della serata al funambolico playmaker uscito da Wake Forest, che ha totalizzando un più che ottimo 37 di valutazione generale. Prestazione frutto di numeri da capogiro, quali 23 punti con 7/13 dal campo e 8/8 dalla lunetta, 17 assist smistate, 3 rimbalzi, 2 recuperi e solo 2 palle perse.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy