Vite da NBA: Ben Gordon, il primo Rookie sesto uomo dell’anno

Vite da NBA: Ben Gordon, il primo Rookie sesto uomo dell’anno

Commenta per primo!

blogs.suntimes.com
Ben Gordon è una guardia dotata di un ottimo tiro da tre punti che in carriera lo ha portato a realizzare complessivamente 11084 punti. La sua carriera inizia a Chicago quando nel 2005 viene chiamato con la terza scelta assoluta al draft. I paragoni con Micheal Jordan non mancarono in quanto gli stessi Bulls scelsero proprio “His Airness” con la chiamata numero tre nel lontano’84. Inoltre la stessa posizione sul campo e la stessa fama di realizzatore misero Gordon sotto l’occhio della critica. La squadra era molto giovane ma composta da giocatori di talento come Hinrich, Deng, Chandler e Nocioni.
cdn.wegotthiscovered.com
Negli schemi di coach Skiles però Gordon non era inserito nello starting five; infatti l’ex Sonics preferiva utilizzare un doppio playmaker (Hinrich e Duhon) per poi sfruttare le capacità realizzative di Gordon solo a match iniziato. La soluzione però si rivelò efficace visto che la squadra riuscì ad arrivare terza ad est con il record di 47-35, qualificandosi per i playoff. Dopo una bella stagione Ben Gordon vinse il premio di sesto uomo dell’anno; infatti ricevette ben 88 sui 125 voti disponibili (70.4 %) vincendo contro l’altro forte candidato, Ricky Davis dei Boston Celtics. Gordon diventò così il primo rookie nella storia della NBA a vincere questo trofeo da quando fu istituito nella stagione1982-83. Ha giocato  tutte le 82 partite di regular season (solo 3 da titolare) con una media di 15.1 punti, 2.6 rimbalzi e 2.0 assist in 24.4 minuti. Ha tirato con 41% dal campo (record tra i rookie dei Bulls) e il 40,5 % da tre punti. Nel corso dell’anno si è distinto perché è riuscito a segnare 10 o più punti in un quarto ben 34 volte, di cui 21 volte nell’ultimo e decisivo periodo. Con questo riconoscimento, Gordon è diventato il secondo giocatore di Chicago ad aver ottenuto il Sixth Man Award, come già fece Toni Kukoc nella stagione 1995-96.
www2.pictures.gi.zimbio.com
I Bulls furono poi eliminati al primo turno dai Wizards ma per Gordon successivamente ci furono altre stagioni positive dal punto di vista realizzativo. Diventò sempre più un terminale offensivo preciso ed affidabile e  nel 2007 riuscì a viaggiare a 21,7 punti di media a partita.
i2.mirror.co.uk
Nel 2010 però lasciò Chicago; fu il termine della epoca di Ben Gordon ai Bulls e coincise anche con il declino del giocatore. Passò per Detroit, Charlotte e Orlando (dove è in forza attualmente) ma non riuscì a replicare numeri e prestazioni degli anni con i Bulls   Sicuramente non un fenomeno ne un giocatore dal talento pazzesco ma Ben Gordon è stato in grado di vincere il premio di sesto uomo dell’anno nel suo primo anno nella NBA e ai Bulls si è distinto per capacità di tiro e costanza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy