Definite le sedi delle Final Four NCAA fino al 2026

Definite le sedi delle Final Four NCAA fino al 2026

Le città designate ora possono pensare all’organizzazione del mega evento.

di Ario Rossi

La NCAA ha deciso dove svolgere le Final Four nazionali della Division I dal 2023 al 2026. Le sedi che ospiteranno gli eventi sono stati annunciati nella tarda serata italiana.

Nel 2023 la sede dell’evento collegiale sarà a Houston, nel NRG Stadium. Stadio del football sia dei Texans della NFL che dei Cougars della University of Houston, può ospitare oltre 70 mila persone.

Circa lo stesso numero è previsto anche all’interno del University of Phoenix Stadium di Glendale dove giocano gli Arizona Cardinals di NFL. Lo stesso stadio ha ospitato la manifestazione di basket NCAA nel 2017.

Alamodome di San Antonio ospiterà la Final Four 2024, stadio in cui gli Spurs giocarono fino al 2002 e nel quale vinsero il primo titolo NBA della loro storia. Ora ci gioca sporadicamente il football a 8, ma serve più per i concerti nella città texana. Può arrivare a contenere fino a 70 mila posti.

Si torna pure a Indianapolis. Sarà la volta del 2026 quando la NCAA terminerà la stagione 2025/26 all’ex Indiana Stadium della capitale dell’Indiana. È lo stadio dei Colts della NFL e può contenere fino a 67 mila posti. Già nel 2010 e nel 2015 ha ospitato l’evento #1 del basket collegiale.

Nel 2019 si svolgeranno a Minneapolis, nel 2020 ad Atlanta, nel 2021 ancora a Indianapolis e nel 2022 a New Orleans.

Minneapolis mette a disposizione US Bank Stadium, con i suoi 70mila posti, che ha ospitato l’ultimo Super Bowl della NFL. Atlanta ha il Mercedes-Benz Stadium, nuovissima casa dei Falcons della NFL e degli United della MLS, anch’esso di circa 70 mila posti. Ad Indianapolis si giocherà nello stesso impianto del 2026, mentre a New Orleans sarà il Superdome ad ospitare il tutto, dopo che sarà nuovamente ristrutturato: si può arrivare anche a quota 80 mila spettatori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy