NCAA 2015/16 Scouting Report | Ben Simmons

Andiamo a scoprire uno ad uno i volti che verranno selezionati nella notte del Draft 2016. Oggi tocca a Ben Simmons.

Commenta per primo!
Getty Images

Ben Simmons
Ala piccola | Louisiana State Tigers | Freshman

Altezza: 207 cm
Peso: 107 kg
DOB: 20/7/1996
High School: Montverde Academy

 

Scouting Report

Pros

Stazza
Il giovane talento australiano dispone dei mezzi fisici necessari per essere competitivo anche a livello NBA, sia da ala piccola che da ala forte. I 207 centimetri, pur non essendo confermati ufficialmente a causa della mancata partecipazione di Simmons alla Combine, sono un ottimo dato, così come i 107 kilogrammi di peso che lo rendono sufficientemente robusto senza però toglierli quella mobilità che lo contraddistingue;

Trattamento di palla
Le doti tecniche di cui Simmons dispone sono di caratura assoluta ed incredibilmente affinate nonostante la pur tenera età del nativo di Melbourne. La sicurezza mostrata con entrambe le mani è confortante, rendendolo capace di creare dal palleggio: sono ben 4,8 gli assist fatti registrare a partita, una cifra di ottima qualità considerando il ruolo di point-forward ricoperto a LSU;

Doti atletiche
Pur non essendo tremendamente esplosivo, Simmons è un atleta decisamente fluido nei movimenti. La sua ottima mobilità trova il massimo punto di canalizzazione quando l’australiano può attaccare in campo aperto, decisamente la sua specialità al momento. L’ottimo trattamento di palla e l’intelligenza cestistica di cui dispone gli permettono di finalizzare ad alte percentuali in transizione, oppure scaricare il pallone ai compagni con ottimo tempismo;

Cons

Tiro perimetrale
L’unico difetto lampante di Simmons è nella scarsa propensione al tiro in sospensione, un dettaglio che definire fondamentale nell’NBA odierna ci viene naturale, viste le ultime tendenze che indicano come la conclusione pesante sia sempre più prediletta. Con soli tre tentativi da oltre l’arco in stagione, ed una relativa inefficienza al tiro dalla media distanza, i segnali non sono molto incoraggianti, e vanno a sommarsi ad una meccanica rivedibile a livello estetico;

Costanza
Non è chiaro se Simmons fosse seriamente in rotta con l’organizzazione di LSU, certo è che il suo impegno può essere etichettato come ondivago. Specialmente in difesa, dove la sua intensità è stata a dir poco discutibile a discapito delle due palle rubate ogni 35 minuti d’impiego, i margini di miglioramento ci sono, grazie ad una comprensione del gioco eccellente;

Gioco in post
Il piano tattico previsto da coach Johnny Jones, spesso criticato per non aver saputo gestire adeguatamente il talento disponibile in squadra, preferiva Simmons come trattatore di palla frontale piuttosto che cavalcarlo spalle a canestro. Ad ogni modo, l’australiano dovrà affinare il suo gioco in post su entrambi i lati del campo, per diventare un’arma davvero versatile sul piano offensivo e per non patire gli avversari che lo faranno indietreggiare quando si tratterà di difendere;

 

Draft Stock

Sicuramente non è stata un’annata tranquilla per Ben Simmons, ora più che mai proiettato entro le prime due chiamate. La stagione appena trascorsa, sebbene si sia rivelata assolutamente fallimentare per i Tigers, è stata ricca di soddisfazioni a livello personale, complici cifre astronomiche per un giocatore al primo anno di college. Le ultime indiscrezioni danno i 76ers orientati verso il giocatore più talentuoso disponibile, ovvero l’australiano, che in questo caso andrebbe a coronare una carriera a livello giovanile in cui è sempre stato etichettato come uno dei possibili grandi volti per l’NBA del futuro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy