NCAA 2015/16 Scouting Report | Dorian Finney-Smith

NCAA 2015/16 Scouting Report | Dorian Finney-Smith

Andiamo a scoprire uno ad uno i volti che verranno selezionati nella notte del Draft 2016. Oggi tocca a Dorian Finney-Smith.

Photo: USATSI

Dorian Finney-Smith
Ala Piccola | Florida Gators | Senior

Altezza: 202 cm
Peso: 98 kg
DOB: 4/5/1993
High School: Norcom

Scouting Report

Pros

Tiro migliorato
Il tiro perimetrale dell’ex Virginia Tech è migliorato esponenzialmente annata dopo annata. Partendo da un’annata da freshman terminata con il 36,6% su 2,2 tentativi a partita, è arrivato a tirare con un ottimo 41,6% da prima opzione offensiva prendendo 5,1 tiri da oltre l’arco. Anche le percentuali dai liberi, dopo tre annate sotto quota 70%, toccano ora quota 72%;

Consapevolezza difensiva
Finney-Smith è un giocatore molto intelligente, pur non essendo un leader in campo. La sua versatilità gli ha permesso di raggiungere un interessante 5,9 alla voce rimbalzi difensivi, numero di 2,3 unità superiore rispetto alla scorsa annata. Il senior alla corte di coach White riesce a supportare le rotazioni in maniera ottimale grazie ai miglioramenti compiuti sotto il piano mentale;

Stazza
La combinazione di atlezza, peso ed apertura alare (210 centimetri) rende Finney-Smith un cliente ostico da affrontare. In difesa, questo vantaggio si materializza con la capacità di marcare più ruoli, specialmente i 4 avversari;

Cons

Trattamento di palla
Finney-Smith possiede mezzi tecnici rudimentali. Non riesce a crearsi un tiro e non può sfruttare la sua buona stazza a causa di una scarsa abilità nel trattare la palla;

Rapidità
Nonostante disponga di una velocità laterale nel complesso discreta, il senior spesso non riesce a superare il diretto marcatore e puntare al ferro o, soprattutto, limitare le penetrazioni dei rivali più veloci;

Difesa perimetrale
Come già riportato sopra, Finney-Smith tende a faticare quando si tratta di marcare avversari rapidi, faticando nell’intento di contenerli sul perimetro. Se vorrà sviluppare il suo gioco da ala piccola, dovrà necessariamente sopperire a questa mancanza;

 

Draft Stock

Finney-Smith è un giocatore di per sé già sviluppato. Non ha bisogno di notevoli condizioni, in quanto già allo stato attuale dovrebbe essere in grado di svolgere il suo compito naturale, ovvero quello di portare energia dalla panchina. Tuttavia, potrebbe portare il suo valore ad un altro livello mantenendo queste cifre da oltre l’arco anche in NBA e, soprattutto, migliorare la difesa sul perimetro. La somma tra questi pregi e difetti comunque gli dovrebbe garantire un posto tra le ultime chiamate del secondo giro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy