NCAA 2016/17 Scouting Report – Jonathan Isaac

NCAA 2016/17 Scouting Report – Jonathan Isaac

Croce e delizia degli scout, l’ala di Florida State ha doti uniche e un paio di difetti preoccupanti

Jonathan Isaac

Small forward/Point forward – Florida State Seminoles – Freshman

Altezza: 211c m – Peso: 93 kg

DOB: 3/10/1997

HS: IMG Academy (Florida)

 

Scouting report

Pros:

-Potenziale

A chiunque veda giocare Isaac si affaccia un paragone nella testa: Kevin Durant. Di ali pure con quell’altezza e quell’apertura alare (215 cm, con oltre 280 cm di standing reach) non ce ne sono molte in circolazione, specialmente con una tale fluidità di movimenti e naturalezza nei fondamentali. Isaac è un prospetto più acerbo di altri, ma sembra disporre del talento necessario per correggere i propri difetti in poco tempo.

-Disciplina in difesa

Isaac muove i piedi soprendemente bene per il fisico dinoccolato che si ritrova, ed è in grado di stare al passo dei piccoli sul perimetro: una qualità tra le più gettonate in NBA. Dispone di leve lunghissime, quando occupa la posizione corretta in campo diventa letale sulle linee di passaggio. Inoltre è attivo a rimbalzo, a Florida State ne catturava quasi 8 a partita, tutti di atletismo e posizione.

-4 tattico

Isaac non è lo stesso attaccante che era Durant alla sua età e probabilmente non lo sarà mai. Non ha il suo tiro né la sua varietà di soluzioni, ma è un atleta con gambe forti, verticale nei pressi del canestro. Sa muoversi rapido sui tagli senza palla ed il suo gioco ha un’interessante dimensione interna, da abbinarsi all’ottimo trattamento di palla e alle doti di realizzatore dalla media distanza.

Cons:

-Leggero

93 chili spalmati su 211 centimetri sono pochi per competere in NBA. Ne distribuisce molti sulle gambe, che infatti gli permettono salti esplosivi e scivolamenti fulminei, ma l’esile upper body lo penalizza nei contatti già a livello collegiale. La struttura slanciata non sembra incoraggiare guadagni di massa sostanziosi.

-Tiro

La meccanica ha basi discrete e Isaac può senza dubbio evolversi in un tiratore da 3 punti affidabile, ma servirà lavoro in palestra, in situazioni di palleggio e di catch an shoot come si conviene al suo ruolo. A Florida State ha realizzato col 34.8% dall’arco assestandosi su 2.8 tentativi a partita.

-Continuità

Quando parlavamo di prospetto acerbo, ci riferivamo al fatto che Isaac gioca senza la piena consapevolezza delle proprie possibilità. In certi casi chiede troppo al suo palleggio, che al momento è dominato dalla mano destra, e compie errori, altre volte non mostra la leadership che le sue doti tecniche e atletiche gli consegnerebbero e non coglie il ritmo della partita. Servirà un’evoluzione anche sul piano personale, da “studioso” di pallacanestro.

 

Draft stock

Nel confronto coi pari ruolo Tatum e Jackson, Jonathan Isaac parte qualche posizione indietro sulla griglia ma una chiamata tra le prime dieci è assai probabile. Potrebbe anche salire intorno alla quinta pick se incontrasse i gusti di una franchigia che non ha fretta di competere da subito. Il contributo di Isaac al primo anno sarà limitato, ma si tratta di uno dei prospetti con più potenziale dell’intera classe, per giunta in uno spot tra i più richiesti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy