NCAA 2016/2017 Scouting Report – John Collins

NCAA 2016/2017 Scouting Report – John Collins

Il sophomore in uscita da Wake Forest è uno dei migliori realizzatori in tutto il basket collegiale: il suo gioco “old school” piacerà all’NBA?

John Collins

Power Forward/Center – Wake Forest – Sophomore

Altezza: 208 cm – Peso: 102 kg

DOB: 23/09/1997

HS: Cardinal Newman, Florida

 

Scouting Report

Pros:

-Realizzatore

John Collins si è imposto all’attenzione dei media come uno dei migliori scorer dell’intera NCAA, con un’impressionante media di 19 punti in appena 26 minuti d’azione. Il suo habitat preferito è il post-basso, dove lavora nel 48.8% dei possessi. Da lì si libera con un ottimo gioco di piedi e una vasta gamma di soluzioni intorno al ferro; le mani educate (74% ai liberi) fanno il resto.

-Etica del lavoro

Il premio di Most Improved Player non arriva mai per caso, specialmente in una Conference competitiva come la ACC. Allo stesso modo, non è facile per un sophomore finire in zona lottery in mezzo a freshmen più talentuosi. John Collins ha cesellato il suo gioco con impegno e precisione; chi lo sceglierà al draft si aspetterà simili miglioramenti anche al piano di sopra. I margini non mancano.

-Energia

Collins ha la capacità di ingrassare il proprio bottino di punti con canestri “facili”, quelli che ti premiano per aver corso più degli altri in contropiede, esserti fatto trovare pronto per uno scarico o aver effettuato un taglio nel momento giusto. Nei pressi del ferro tira col 69.2%. La stessa energia si riflette negli ottimi risultati a rimbalzo, quasi dieci di media, in particolar modo sotto i tabelloni offensivi.

Cons:

-Vecchia scuola

C’è un motivo se i giocatori di post-basso si stanno estinguendo in NBA; da una parte le difese sono migliorate nella copertura del pitturato, con ali sempre più atletiche, dall’altra gli attacchi richiedono maggiore versatilità ai propri lunghi, in una pallacanestro dove le posizioni tradizionali perdono d’importanza. John Collins appare limitato come passatore e nella comprensione del gioco, inoltre non eccelle in difesa; dovrà trovare altri sbocchi per il suo talento.

-Fisico

Con 208 centimetri d’altezza e 211 di apertura alare, Collins non vanta misure eccezionali per la posizione di centro – che si troverà a coprire spesso in quintetti piccoli NBA. La grande energia che riversa in campo è stata sufficiente a mascherarne i limiti in NCAA, ma contro i professionisti pagherà dazio anche in termini di stazza ed elevazione. Per lo stesso motivo, le sue prospettive come difensore sono modeste.

-Tiro

Per diventare un attaccante completo a John Collins manca soltanto il tiro da tre punti, che peraltro si attaglia benissimo al suo repertorio. Si tratta di un fondamentale da creare in palestra, però, perché nell’ultima stagione a Wake Forest non ne ha scoccato nemmeno uno. Il 74% ai liberi e i buoni risultati nei jumper dalla media fanno ben sperare.

 

Draft stock

Difficile decifrare le prospettive di John Collins, le cui abilità vanno in una direzione diversa dalla moda NBA. Al tempo stesso, è impossibile sorvolare sull’impressionante capacità di generare punti. Il prodotto di Wake Forest fa gola a molti; potrebbe fare la differenza anche partendo dalla panchina, sacrificando un po’ di difesa ma aumentando il fatturato della second unit. Attualmente sta svolgendo work out con diverse franchigie in bassa lottery; potrebbe scendere di qualche posizione, ma non oltre la venti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy