NCAA Recap Inside: Louisville e Duke fuori, UNC e Kentucky avanti con fatica

NCAA Recap Inside: Louisville e Duke fuori, UNC e Kentucky avanti con fatica

Wolverines mandano a casa Pitino e i Cardinals, South Carolina fa il colpaccio!

Commenta per primo!

Nel rematch della finale 2013 Michigan batte Louisville e avanza alle Sweet16 al termine di una rimonta dei Wolverines avviata da Wagner nel secondo tempo. Per i Cardinals non sono bastati i 19 punti di Mitchell e l’atletismo all around di Mathiang.

Ora Michigan se la vedrà con Oregon che ha vinto, ma sudandosi fino alla fine il successo su Rhode Island del nostro Akele, in campo 6′ ma autore di 3 falli e una persa. Partita divertente e dalle alte percentuali, con i Rams avanti nel primo tempo chiuso con un parziale di 14-2 e trascinati da Stanford Robinson – alla fine per lui saranno 21, partendo dalla panca. Decisivo Dorsey, prima con la tripla del pareggio a 1’45” dal termine e poi con decisiva a 38.4″ dalla sirena; dall’altra parte EC Matthews ha provato a rispondere, ma il suo tiro non ha toccato nemmeno l’anello. Bene anche Dillon Brooks, autore di 19 punti e capace di subire lo sfondamento tra le due bombe di Dorsey.

washingtonpost.com

 

Una Wichita State tutto cuore cede a Kentucky soltanto all’ultimo tiro. Gli shockers vedono le speranze di passare il turno infrangersi contro le interminabili braccia di Malik Monk, che piazza ben due stoppate negli ultimi 10 secondi! I ragazzi di coach Marshall hanno comunque venduto cara la pelle, nonstante abbiano rincorso gli avversari nel punteggio per tutta la partita.

Ora per i Wildcats c’è l’ostacolo UCLA che si è liberata di Cincinnati (Cumberland 15) grazie ad un secondo tempo quasi perfetto. Nella ripresa i Bruins hanno tirato con oltre il 60% dal campo, compreso 7/14 da 3. UCLA guida la Nazione per punti segnati di media (90.6) e Cincinnati è in top5 come miglior difesa (60.8 concessi) ma oggi i losangelini, sebbene 11 punti sotto la loro media, ne avevano di più e l’hanno dimostrato nella seconda frazione. Ball 18+7+9, mentre Alford ha chiuso con 16.

The New York Times

What a game! South Carolina che non vinceva una gara al Torneo NCAA da 44 anni non solo ha superato il primo turno, ma ha addirittura eliminato Duke. I Blue Devils sono partiti bene, con 5/8 da 3 nel primo tempo, chiuso avanti 30-23. Nella ripresa i Gamecocks sono indiavolati e infilano 65 punti – 27 dei 34 di Silva e Notice sono arrivati in questo frangente, oltre al solito apporto di Thornwell, che ha finito con 24 – per andare a vincere: mai nessuna Duke allenata da Krzyzewski aveva subito così tanto nel secondo tempo. Un 5/19 nei secondi 20′ e il season high di 18 perse hanno confezionato una delle più inaspettate vittorie degli ultimi anni. 20 per il solito Allen, male Kennard.

Ora per South Carolina c’è lo scoglio Baylor, che ha vinto solo nel finale contro South California (USC). Inutili i 28 di Metu per i Trojans, ma ai quale vanno comunque gli onori delle armi. Si arrendono, infatti, solo all’esplosione di Lecomte che con 12 punti negli ultimi 5 – iniziati con un gioco da 4 punti, due liberi e un canestro in 45″ – ha di fatto spaccato in due il match, sebbene i californiani abbiano tenuto fino all’ultimo minuto. Motley ha chiuso con 19 punti e 10 rimbalzi, ma il suo quinto fallo a 100″ dal termine ha fatto tremare tutti i Bears.

denverpost.com

Dal punteggio sembra che abbia stravinto, ma la vittoria di Kansas ha mostrato molte difficoltà nei primi 30′. Michigan State è crollata alla distanza. Ancora a contatto fino al 54-53 con canestro di Ellis, è poi spuntato Josh Jackson con 8 punti (finirà con 23; 20 per Mason) nel parziale di 13-4 che ha dato il via al poi largo successo dei Jayhawks. 22+8 per Bridges. Kansas ora se la vedrà con Purdue.

Ad un passo dell’ennesimo upset || newsday.com

Vince, ma senza convincere appieno, anche North Carolina contro Arkansas. Una vittoria arrivata sotto le plance, dove i biancoazzurri hanno dominato: 45-32 i rimbalzi totali, 18-8 quelli offensivi, che hanno prodotto 10 falli e 17 viaggi in lunetta in più dei Razorbacks. Kennedy Meeks è l’espressione di questo dominio, chiudendo con 16 punti, 11 rimbalzi (7 in attacco) e 3 stoppate, compreso il tap-in della sicurezza a 44″ dal termine. Sopra di 17 durante la partita (30-13) e ancora avanti 65-60 negli ultimi 3′, Arkansas non ha più segnato, permettendo un parziale di 12-0 con cui UNC ha chiuso il match. 19 per lo sconfitto Macon, uscito anticipatamente per crampi. Per i Tar Heels ora ci sarà Butler.

 

di Marco Di Egidio e Ario Rossi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy