Da Firenze la proposta: introdurre lo “Ius soli sportivo”

Da Firenze la proposta: introdurre lo “Ius soli sportivo”

Commenta per primo!
FONTE: firenzebasketblog.it

Introdurre lo ius soli sportivo, questa è la proposta del consigliere comunale di Firenze Michele Pierguidi (Pd) che ha presentato una risoluzione sull’argomento all’assemblea di Palazzo Vecchio.

“Sono un uomo di sport – dichiara Pierguidi illustrando l’iniziativa – e trovo sbagliato che un bambino di genitori senegalesi, ad esempio, nato a Firenze con codice fiscale D612 sia considerato extracomunitario. E’ una problematica che va assolutamente regolamentata e l’introduzione dello ius soli sportivo sarebbe un segnale di civiltà”.

“La situazione attuale – spiega il consigliere Pd – è discriminante verso questi ragazzi e verso le loro famiglie oltre al fatto che una regolamentazione sarebbe di grande aiuto alle società sportive per gli ostacoli burocratici con cui convivono per il tesseramento di un minore extracomunitario dal calcio al basket, passando per la pallavolo e per ogni altro sport”.

“L’Hockey su prato ad esempio – continua Pierguidi – ha già introdotto questa norma così come potrebbero fare le altre federazioni sportive riconosciute dal Coni avendo la facoltà di regolamentare le proprie discipline”.

“La città di Firenze – prosegue l’esponente Pd – si faccia portavoce di questo messaggio di civiltà con le istituzioni sportive per far sì che si considerino italiani a tutti gli effetti, tutti quegli atleti nati in Italia da genitori stranieri”.

Un ‘idea dunque ambiziosa, ma per fare tutto questo serve un intervento a monte. Con le carte, ma anche e con la volontà di anticipare i tempi che arrivano. Con una riforma organica del diritto di cittadinanza che non escluda, senza privilegi, e con iniziative quali quella di Napoli.

Che per ricostruirsi, fare a fettine il triste passato alle spalle, ripartendo dalla Legadue Gold, apre le porte a tutti. Cominciando con le generazioni del nuovo, quelle del Minibasket. Il tutto attraverso un progetto studiato e condiviso con la X ° Municipalità di Bagnoli – Fuorigrotta, e con il Patrocinio dell’Assessorato allo Sport del Comune di Napoli, che favorirà con agevolazioni i meno abbienti dal punto di vista economico.

I corsi si terranno al PalaBarbuto con la direzione dell’Istruttrice Nazionale MiniBasket Alessandra Finamore, e potranno parteciparvi gratuitamente tutti i ragazzi/e dai 5 agli 11 anni (info 333 3358395; iscrizioni info@napolibasket2013.it) .

Un’ iniziativa mirata in favore dello “IUS SOLI”. Un’iniziativa che fa sperare.

LA RISOLUZIONE PRESENTATA IN CONSIGLIO COMUNALE DAL CONSIGLIERE MICHELE PIERGUIDI

Tipo atto: risoluzione
Oggetto: per introdurre lo ius soli sportivo nei regolamenti delle varie discipline sportive in Italia.
Proponente: Michele Pierguidi

IL CONSIGLIO COMUNALE

Premesso che l’assenza di una legge nazionale sullo ius soli è fonte di notevoli ostacoli burocratici per le società sportive italiane e per gli atleti, soprattutto giovani, che non sono in possesso della cittadinanza italiana, nonché di penalizzazione e discriminazione per quei ragazzi che in Italia sono nati e cresciuti, ma che lo Stato ancora non riconosce come cittadini (almeno non fino al compimento del diciottesimo anno di età);

Preso atto che la Federazione Nazionale Hockey su Prato ha recentemente approvato una sorta di ius soli sportivo, per cui la federazione considererà italiani a tutti gli effetti i giocatori di origine straniera ma nati in Italia e che dalla prossima stagione per questi ragazzi non ci sarà più alcuna discriminazione ai fini dell’impiego nei vari campionati;

Preso atto, inoltre, che al momento del primo tesseramento per qualsiasi società di hockey, gli atleti di origine straniera ma nati in Italia acquisiranno lo status di giocatori italiani e che il provvedimento si applicherà tanto ai minorenni che militano nelle giovanili, quanto ai maggiorenni ancora sprovvisti di cittadinanza;

Ritenuto che tali nuove norme regolamentari siano da considerarsi positivamente sia sotto l’aspetto dell’eliminazione di ferraginose procedure ed atti burocratici per l’accesso e la pratica dell’attività sportiva, nonché di penalizzazioni e discriminazioni che attualmente colpiscono giovani atleti di origine straniera ma nati in Italia ed ormai inseriti nel contesto culturale, sociale ed educativo del nostro Paese;

Considerato che le federazioni sportive hanno facoltà di regolamentare le proprie discipline e pertanto potrebbero adeguare i propri regolamenti alle norme innovative e civili introdotte dalla Federazione Nazionale Hockey su Prato;

CHIEDE AL PRESIDENTE NAZIONALE DEL CONI E AI PRESIDENTI DELLE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI

Di modificare tutti i regolamenti delle varie discipline sportive, ognuno per le proprie competenze e così come già fatto dalla Federazione Nazionale Hockey su Prato, introducendo nelle norme lo ius soli sportivo che consenta di considerare italiani a tutti gli effetti i giocatori di origine straniera ma nati in Italia;

CHIEDE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Di trasmettere la presente risoluzione ai soggetti sopra richiamati e di informare in Consiglio Comunale sugli esiti delle richieste ivi contenute.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy